keystone
STATI UNITI
20.08.2021 - 17:010
Aggiornamento : 19:02

Un trattamento AstraZeneca per prevenire il Covid-19

Somministrato prima del contatto col virus, riduce del 77% il rischio di sviluppare una forma sintomatica della malattia

Si tratta del preparato AZD7442 del gruppo farmaceutico anglo-svedese.

NEW YORK - Il gruppo farmaceutico anglo-svedese AstraZeneca ha annunciato risultati incoraggianti in merito a un trattamento contro il Covid-19 che riduce significativamente il rischio di sviluppare una forma sintomatica della malattia nei pazienti fragili.

Questo trattamento anticorpale, il cui nome in codice è AZD7442, in precedenza non aveva mostrato la sua efficacia nelle persone già esposte al virus. Ma somministrandolo prima di entrare in contatto con il virus, i risultati ci sono, spiega AstraZeneca in un comunicato. In questo caso riduce del 77% il rischio di sviluppare una forma sintomatica, secondo i dati di fase 3, ovvero studi clinici su larga scala volti a misurarne la sicurezza e l'efficacia.

Somministrato per via intramuscolare - AstraZeneca indica persino che non ci sono stati casi gravi di Covid-19 o morte. Questi studi condotti in Spagna, Francia, Belgio, Regno Unito e Stati Uniti hanno coinvolto 5197 partecipanti, il 75% dei quali presentava comorbilità. Il trattamento è stato somministrato per via intramuscolare.

«Con questi straordinari risultati, AZD7442 potrebbe essere uno strumento importante nel nostro arsenale per aiutare le persone che rischiano di aver bisogno di qualcosa in più del vaccino per riconquistare una vita normale», ha affermato Myron Levin, professore all'Università del Colorado negli Stati Uniti.

«Abbiamo bisogno di altri approcci per le persone che non sono ben protette dai vaccini contro il Covid-19», ha aggiunto Mene Pangalos, alto funzionario di AstraZeneca, che promette di rilasciare ulteriori dati sugli studi più avanti nell'arco di quest'anno.

Il laboratorio precisa che presenterà una richiesta alle autorità sanitarie per ottenere l'uso in emergenza del trattamento, il cui sviluppo è finanziato dal governo degli Stati Uniti. AstraZeneca è stata anche una delle prime a convalidare il suo vaccino contro il Covid-19, che aveva però sollevato interrogativi a causa di effetti collaterali molto rari, che hanno spinto molti Paesi a limitarne l'utilizzo.

Inoltre, uno studio dell'Università di Oxford presentato giovedì ha scoperto che il vaccino di Pfizer/BioNtech è più efficace nel combattere le infezioni legate alla variante Delta del coronavirus, ma che la sua efficacia sta diminuendo più velocemente di quella del vaccino Oxford/AstraZeneca.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 08:38:48 | 91.208.130.87