La Cina risponde al mondo: «Non politicizzate l'origine del virus»

CINALa Cina risponde al mondo: «Non politicizzate l'origine del virus»

14.06.21 - 09:25
Secondo Pechino, i politici di USA e altri Paesi «fanno accuse irragionevoli contro la Cina»
Keystone
Fonte ats ans
La Cina risponde al mondo: «Non politicizzate l'origine del virus»
Secondo Pechino, i politici di USA e altri Paesi «fanno accuse irragionevoli contro la Cina»
«Il loro scopo politico è chiaro», denuncia un portavoce del gigante asiatico

PECHINO - Ritorna a difendersi la Cina, dopo la nuova stoccata sulle origini del coronavirus, che - come già annunciato alla vigilia del summit - questa volta arriva dal G7, dove i potenti del mondo si sono accodati alla posizione dell'amministrazione Biden, perché sia fatta chiarezza.

Una nuova indagine sull'origine della pandemia di Covid-19? «Basta accuse irragionevoli contro la Cina», «è una questione scientifica» e la Cina «ha sempre mantenuto un atteggiamento aperto e trasparente e ha assunto un ruolo guida nella cooperazione sulla sua tracciabilità con l'Oms».

Se Pechino ha sempre dimostrato posizioni ben più forti e caustiche, sconfinanti anche a tratti nelle fake news, questa volta la replica - da parte dell'ambasciata cinese a Londra - è almeno inizialmente più conciliante, decidendo però di glissare sull'eventualità di una seconda indagine.

«Il gruppo di esperti Cina-Oms ha condotto ricerche in modo indipendente, scrivendo rapporti indipendenti, seguendo le procedure dell'Oms e adottando metodi scientifici».

L'attuale epidemia, si legge ancora nella lunga dichiarazione in cinese postata sul sito dell'ambasciata a Londra, «sta ancora imperversando in tutto il mondo e il lavoro di tracciabilità dovrebbe essere svolto dalla collaborazione di scienziati di tutto il mondo e non dovrebbe essere politicizzato».

«Tipiche manipolazioni politiche»

Verso il finale, però, la nota alza un po' i toni - tornando a farsi più combattiva, e ricalcando a tratti un risposta già data nelle scorse settimane agli Stati Uniti: ovvero la motivazione politica, e la non-scientificità delle accuse.

Questi Paesi, scrive l'Ambasciata, «ignorano i fatti e la scienza, mettono in discussione e negano apertamente le conclusioni del rapporto del gruppo di esperti congiunto e fanno accuse irragionevoli contro la Cina, deviando completamente dallo spirito della scienza. I Paesi rilevanti usano persino le agenzie di intelligence per rintracciare la fonte e il suo scopo politico è chiaro».

Il coronavirus, lo ricordiamo, è emerso per la prima volta in Cina alla fine del 2019 e l'Oms ha inviato un team di esperti internazionali a gennaio per sondarne le origini: il loro rapporto, la cui pubblicazione è stata a lungo ritardata, non è giunto a conclusioni definitive e da allora l'indagine ha subito molte critiche per la mancanza di trasparenza e di accesso ai dati.

COMMENTI
 
SteveC 1 anno fa su tio
Bisogna assolutamente far luce e nel caso fosse provato inequivocabilmente che si tratta di un “errore “ umano che i responsabili ne paghino per intero le conseguenze
Güglielmo 1 anno fa su tio
che tola....
seo56 1 anno fa su tio
🤐🤐🤐
egi47 1 anno fa su tio
l'origine la conosciamo tutti il G7 forse é una conferma.
Peter Parker 1 anno fa su tio
Che coraggio… Dopo aver bloccato il team OMS ad entrare in Cina e fatto perdere ulteriore tempo, dopo aver rifiutato di dare tutte le informazioni richieste da OMS……. Se davvero non avessero nulla da nascondere, dovrebbero essere i primi a cooperare e togliere tutti i dubbi sull’origine.
NOTIZIE PIÙ LETTE