AFP/LISELOTTE SABROE
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
53 min
Esplosioni nell'Atlantico: gli USA testano le proprie navi da guerra
La portaerei USS Gerald R. Ford è stata messa alla prova con una potente esplosione
STATI UNITI
53 min
Dopo il disgelo ginevrino, l'ambasciatore russo torna a Washington
Il diplomatico è «ottimista» sul miglioramento dei rapporti tra Russia e Stati Uniti, che preparano però nuove sanzioni.
GERMANIA
1 ora
Euro 2020: Allianz Arena illuminata di arcobaleno contro Orbán e le sue leggi «omofobe»?
Lo chiede il Consiglio comunale di Monaco in occasione di Germania-Ungheria. Troppo politico?
STATI UNITI
3 ore
Maxi-incidente in autostrada, morti 9 minorenni e un 29enne
Tragico il bilancio di un tamponamento di massa avvenuto in Alabama
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
5 ore
Un'oasi verde sul fiume Hudson: ecco Little Island
La nuova attrazione "fluttuante" è costata 260 milioni di dollari e ospita decine di specie di piante
STATI UNITI
12 ore
Il governo coprirà le spese per i soldati che vorranno cambiare sesso
Ci sono oltre 134 mila veterani transgender nell'esercito Usa, mentre ce ne sono circa 15mila in servizio
PORTOGALLO
13 ore
A Lisbona il 60% dei casi di Covid è di variante Delta
L'impennata dei contagi è legata all'apertura ai turisti (britannici) ma il vaccino sembra stia limitando i danni
FRANCIA
14 ore
Il partito di Le Pen cresce, ma non sfonda
Gli exit poll indicano un testa a testa tra la destra e il blocco di sinistra a livello nazionale
ISRAELE
16 ore
Vaccini, dosi avanzate da inviare in Palestina
Colloqui in corso tra le autorità israeliane e palestinesi per l'invio immediato del siero di Pfizer
STATI UNITI
16 ore
Al di là dei successi all'estero, la vera sfida di Biden si gioca tutta in casa
E Putin fa molta meno paura dei repubblicani al Senato, dove rischia di insabbiarsi. E c'è scontento anche fra i dem
UNIONE EUROPEA
30.04.2021 - 22:000

Certificato Covid: al via la sperimentazione (europea)

Il 10 maggio partiranno i primi test, a cui parteciperà anche l'Italia. La Svizzera, invece, continua a fare da sé.

Ma le questioni attorno al Covid Pass non sono poche ed è più complicato di quanto sembri mettere d'accordo tutti.

BRUXELLES - «Stiamo lavorando su due soluzioni, una elaborata da una società privata, un'altra messa a punto dall'Ufficio federale di informatica. Ma non sarà comunque disponibile prima di giugno». Così si è espressa lo scorso martedì la responsabile della Sezione malattie infettive dell'UFSP, Virginie Masserey, in conferenza stampa. «Ovviamente è importante che questo certificato sia compatibile con l'UE», aveva aggiunto. Ed è notizia di oggi che la fase sperimentale tecnica del certificato europeo Covid-19 è ai blocchi di partenza.

Il 10 maggio l'Italia e un gruppo di almeno altri 14 Stati membri - tra cui Francia, Grecia, Olanda e Spagna - prenderanno parte a un test senza dati, in attesa della piena operatività della piattaforma. Bruxelles punta a rendere il sistema operativo dal primo giugno, per permettere ai Paesi dell'area economica europea di collegarsi man mano, in attesa della conclusione dell'iter legislativo, previsto per fine giugno.

Ma già si profilano battaglie tra Consiglio e Parlamento europeo, in vista dei negoziati che prenderanno il via lunedì. Sono almeno un paio gli scogli che potrebbero rallentare la corsa del pass, pensato proprio per agevolare i viaggi estivi e dare ossigeno alle imprese turistiche. E il rischio di un patchwork con i Paesi ancora una volta in ordine sparso, ciascuno col proprio sistema, e i turisti in preda all'incertezza, resta ancora dietro l'angolo.

In una lettera ai 27 il commissario a capo della Task force sui vaccini Thierry Breton ha incoraggiato le cancellerie a collegarsi il prima possibile al sistema Ue per risolvere eventuali complicazioni ed essere tutti pronti al via per inizio luglio. Roma ha già fatto sapere che si allaccerà nella seconda metà di giugno, mentre Parigi, L'Aja e Berlino saranno l'avanguardia.

Ma il sistema del certificato digitale è stato disegnato anche per permettere una facile integrazione dei Paesi terzi: contatti sono in corso con gli Stati Uniti e presto potrebbero essere avviati anche col Regno Unito. Il commissario alla Giustizia Didier Reynders ne ha parlato con il collega americano Alejandro Mallorca e avanzano gli scambi a livello tecnico, che potrebbero portare frutti nelle prossime settimane.

La vera incognita resta però il negoziato tra l'Eurocamera e gli Stati. Nella posizione approvata in plenaria, gli eurodeputati chiedono che i titolari del certificato vaccinale non siano soggetti a test, quarantena o autoisolamento, e nel caso in cui non ci sia stata immunizzazione - per evitare discriminazioni di carattere economico - i parlamentari europei pretendono che l'alternativa del test sia offerta gratuitamente. Oltre a spingere su una scadenza precisa per il provvedimento, a un anno dall'entrata in vigore.

Al contrario, il Consiglio lascia mano libera ai governi, che a seconda della situazione epidemiologica potrebbero imporre test e quarantene anche a chi si è già vaccinato. In particolare Germania, Finlandia e Olanda hanno spinto affinché fosse previsto questo margine di flessibilità e non sembrano essere intenzionate a rinunciare. La porta appare chiusa anche sulla questione dei test gratis. E la Commissione europea non pare disposta a stanziare nuovi fondi oltre ai cento milioni già sborsati per i test rapidi.

Quanto alla scadenza (un problema sicuramente secondario rispetto agli altri due nodi), il Consiglio vorrebbe chiudere col provvedimento solo dopo che l'Organizzazione mondiale della sanità avrà annunciato la fine della pandemia.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-21 11:05:12 | 91.208.130.86