Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
SPAGNA / MAROCCO
20 min
Dal traffico di migranti all'omicidio: 20 arresti
L'organizzazione operava tra Marocco e Spagna sullo stretto di Gibilterra
EGITTO
1 ora
Per la Ever Given, chiesto un risarcimento da un miliardo di dollari
E intanto la nave, che si trova ancora nel canale, è stata sequestrata. Dai proprietari giapponesi per ora è no comment
MONDO
1 ora
Trombosi con J&J: «Sono eventi estremamente rari»
Lo hanno dichiarato gli esperti dell'FDA e dei CDC in una conferenza stampa congiunta
FOTO
ITALIA
2 ore
Le proteste dei commercianti a Roma
Altre manifestazioni in Italia, per la riapertura delle attività
STATI UNITI
2 ore
Weinstein sarà trasferito in California per essere processato?
I legali dell'ex produttore sostengono che il suo precario stato di salute gli impedisce di viaggiare
GIAPPONE / CINA
3 ore
Fukushima, una decisione «che non riguarda solo il Giappone»
Le acque di raffreddamento saranno sversate in mare. Pechino non ci sta e auspica un passo indietro
FRANCIA
3 ore
Come procede l'inchiesta sulla sparatoria di Parigi
Continua la caccia alla persona che ha sparato. È sempre più probabile che sia stato un regolamento di conti
STATI UNITI
5 ore
Trombosi: gli USA mettono in pausa il vaccino Johnson & Johnson
La decisione arriva in seguito a sei casi di formazione di «coaguli di sangue», uno dei quali ha portato a un decesso
MONDO
5 ore
OMS: «Stop alla vendita di animali selvatici vivi»
«...Almeno fino a quando non siano regolati degli standard minimi di igiene e sorveglianza»
REGNO UNITO
25.02.2021 - 23:000

La Regina scende in campo per il vaccino

In un messaggio pubblico la sovrana chiede di «pensare prima agli altri»

LONDRA - Elisabetta II, 95 anni ad aprile, dà ancora una volta l'esempio ai sudditi e scende in campo in favore dei vaccini anti Covid: lo fa con con un raro messaggio pubblico dicendo di comprendere che c'è chi possa esitare; ma incoraggia apertamente la sua gente a immunizzarsi poiché, ammonisce, è doveroso «pensare agli altri prima che a sé stessi».

Un atto che del resto la sovrana ha già compiuto a gennaio - col 99enne principe Filippo, ora in ospedale per un'infezione non legata al Covid - seguita questo mese dall'erede al trono Carlo, 72 anni, e dalla consorte Camilla: tutti in forma pubblica per sostenere la campagna di vaccinazioni di massa promossa dal governo di Boris Johnson. E a cui ora si aggiungono le dichiarazioni diffuse stasera da Buckingham Palace, registrate durante una conversazione in videocollegamento con i responsabili delle macchina vaccinale messa in moto nelle 4 nazioni del Regno Unito (Inghilterra, Scozia, Galles, Irlanda del Nord) che la regina ha voluto personalmente ringraziare.

Nel corso del colloquio, Elisabetta ha raccontato la sua esperienza, sottolineando di non aver «avvertito male per nulla» al momento dell'iniezione, semmai d'essersi sentita «protetta». Ha quindi elogiato la rapidità della campagna vaccinale di massa avviata dal governo Johnson sull'isola fin da inizio dicembre, plaudendo a coloro che vi stanno lavorando, ma anche ai milioni d'individui che ne hanno accolto la somministrazione: protagonisti, nelle sue parole, di «un'impresa rimarchevole» che contribuisce «all'incoraggiamento morale» del Paese.

Sollecitata dagli interlocutori a condividere le sue sensazioni personali, la monarca ha insistito: «Una volta che ricevi il vaccino ti senti protetta, penso sia molto importante». «Certo, è difficile per le persone che non si sono mai vaccinate, ma esse devono pensare agli altri prima che a se stesse», ha subito puntualizzato, richiamando la sicurezza collettiva dal contagio.

Riferendosi in generale al Covid, la regina non ha quindi esitato ad abbozzare un paragone con la "peste" dei secoli passati. «Sappiamo che si tratta probabilmente della pandemia più devastante mai affrontata nel mondo e nel Regno Unito da più di 100 anni, e che ora ci attende una battaglia prolungata dei vaccini contro il virus e le sue mutazioni», ha proseguito mostrandosi bene informata. «Ma io - ha precisato - ho una fede assoluta nella comunità medico-scientifica, sia qui nel Regno Unito sia a livello globale, e credo in un futuro migliore per tutti noi».

Non è mancato in ultimo un accenno non nuovo alla memoria di tempi ancor più difficili, quelli bellici, come a una fonte «d'ispirazione, in qualche modo»: «Avendo vissuto la guerra - ha ricordato l'anziana sovrana - mi pare sia decisamente come allora, quando ciascuno era mosso da una stessa idea». Ciò che conta - ha concluso, invocando più la persuasione che non l'obbligo nella battaglia odierna del vaccino - è «creare le condizioni perché ognuno si senta disposto ad accettare l'offerta della vaccinazione, quando verrà chiamato».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 18:40:47 | 91.208.130.86