keystone-sda.ch / STF (JIM LO SCALZO)
Antony Blinken
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO
ITALIA
1 ora
Perché un ciclone ha investito la Sicilia: «Il Mediterraneo è sempre più tropicale»
Cosa si pensa che ci sia dietro al nubifragio che ha devastato Catania e che potrebbe protrarsi fino al fine settimana
ITALIA
1 ora
Stragi del 1993, perquisizioni in corso
I magistrati di Firenze cercano riscontri alle affermazioni del boss Giuseppe Graviano
STATI UNITI
3 ore
Il vaccino Pfizer raccomandato per i bambini fra i 5 e gli 11 anni
Il preavviso favorevole della Fda potrebbe aprire la campagna vaccinale a 28 milioni di piccolissimi
BRASILE
4 ore
«Ha deliberatamente esposto i brasiliani alla contaminazione di massa»
Chiesta l'incriminazione del presidente brasiliano
RUSSIA
5 ore
I Paesi della quarta ondata: la Russia in testa al flagello
La ripresa dei contagi da Covid nell'est Europa sta portando verso nuovi lockdown.
TURKMENISTAN
5 ore
Doppio zero. Perché il Covid in Turkmenistan non esiste?
Ufficialmente non sono mai stati registrati casi o decessi. Ma per alcune fonti i morti sarebbero almeno 25'000.
STATI UNITI
13 ore
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
MONDO
13 ore
«La pandemia è lungi dall'essere finita»
Le considerazioni emerse durante l'incontro del comitato d'emergenza dell'Organizzazione mondiale della sanità
REGNO UNITO
15 ore
Niente CoP26 per la Regina Elisabetta
Sua Maestà invierà però un messaggio registrato in video ai delegati in assemblea
STATI UNITI
06.02.2021 - 10:330
Aggiornamento : 11:28

Washington: «La Cina rispetti i diritti di Hong Kong, del Tibet e degli uiguri»

Il neo segretario di Stato Blinken: «Gli Stati Uniti continueranno a lottare per i diritti umani e i valori democratici»

Respinta nave da guerra americana nel Mar cinese.

WASHINGTON - Durante il suo primo contatto con il governo di Pechino da quando Joe Biden è salito al potere, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha esortato la Cina a rispettare i diritti degli uiguri, del Tibet e di Hong Kong. Lo rende noto il Dipartimento di Stato americano in un comunicato.

«Gli Stati Uniti continueranno a lottare per i diritti umani e i valori democratici, anche nello Xinjiang, in Tibet e a Hong Kong», avrebbe detto Blinken all'alto responsabile diplomatico cinese Yang Jiechi durante un colloquio telefonico. Blinken ha inoltre «esortato la Cina a unirsi alla comunità internazionale nella sua condanna del colpo di Stato militare in Birmania».

Gli Stati Uniti - aggiunge il comunicato - riterranno Pechino «responsabile dei suoi tentativi di destabilizzare la regione indo-pacifica, compreso lo Stretto di Taiwan, e dei suoi attacchi contro le regole stabilite dal sistema internazionale».

«Respinta nave da guerra americana» - Sulla scia delle tensioni tra Washington e Pechino, la marina cinese ha intanto ordinato a una nave da guerra statunitense di lasciare un'area contesa nel Mar Cinese: lo ha fatto sapere la stessa marina militare cinese, contraddetta però dalla Marina statunitense.

Il cacciatorpediniere USS John S. McCain «è entrato nelle acque territoriali delle isole Xisha senza autorizzazione», ha fatto sapere l'esercito cinese, riferendosi a ciò che viene comunemente chiamato Paracels, un arcipelago di piccole isole coralline rivendicato da molti Paesi. «Le forze navali e aeree hanno monitorato da vicino la situazione e hanno ordinato (alla nave americana) di lasciare l'area», ha aggiunto in una breve nota, criticando gli Stati Uniti per aver «gravemente violato la sovranità della Cina» e «minato la pace regionale».

La Marina degli Stati Uniti ha però contraddetto la versione di Pechino. La USS John S. McCain «non è mai stata cacciata dal territorio di un altro Paese», ha assicurato un portavoce della flotta del Pacifico, il tenente James Adams. «Il cacciatorpediniere americano ha condotto questa operazione di libertà di navigazione in conformità con le leggi internazionali e poi ha continuato le sue normali operazioni in acque internazionali».

Pechino rivendica quasi tutte le isole del Mar Cinese Meridionale e contesta sistematicamente le operazioni americane in quest'area, ma è la prima volta che un simile "incidente" si verifica dopo l'insediamento del presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Anche diversi paesi vicini come Filippine, Malaysia, Brunei, Indonesia, Singapore e Vietnam stanno contestando alcune rivendicazioni cinesi in quest'area, una rotta chiave per il commercio marittimo globale.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
patrick28 8 mesi fa su tio
Bravo
F.Netri 8 mesi fa su tio
Caspita! Gli Uiguri sono davvero una priorità per l'intera umanità!
francox 8 mesi fa su tio
«Gli Stati Uniti continueranno a lottare per i diritti umani e i valori democratici» Ci va dell'umorismo ogni tanto...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 11:47:54 | 91.208.130.89