Keystone
STATI UNITI
21.08.2020 - 15:560

Il Capo delle Poste si fa garante davanti al Senato del voto per corrispondenza

Louis DeJoy ha rassicurato che i tagli non comprometteranno la distribuzione durante le presidenziali di novembre.

WASHINGTON - «Voglio assicurare a questa commissione e a gli americani che le Poste sono totalmente in grado di consegnare la posta elettorale in modo sicuro e tempestivo. Questo sacro dovere è la mia priorità numero uno tra oggi e l'election day»: lo ha garantito il "postmaster general" Louis DeJoy, il capo delle Poste chiamato a testimoniare al Senato dopo i timori che i suoi tagli al servizio possano compromettere il voto per corrispondenza, associato da Donald Trump ai brogli elettorali.

Nei giorni scorsi il dirigente, travolto dalle polemiche, aveva fatto marcia indietro annunciando la sospensione delle sue modifiche sino alle elezioni.

DeJoy, nominato dal tycoon in maggio, è un grande donatore del partito repubblicano ed è stato il responsabile finanziario della convention repubblicana 2020 sino al nuovo incarico. È finito nel mirino dem anche per possibili conflitti d'interesse, essendo stato il numero uno di una azienda fornitrice delle Poste.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 14:21:24 | 91.208.130.85