Archivio Keystone
ITALIA
16.07.2020 - 17:030

Boss della 'Ndrangheta fa causa al Comune di Buccinasco

Rocco Papalia avrebbe fatto causa al Comune e al Sindaco, Rino Pruiti

MILANO - Rocco Papalia, considerato uno dei più importanti capi della 'Ndrangheta al Nord, che ha scontato 26 anni di carcere e un periodo in una casa lavoro in Abruzzo, ha fatto causa al Comune di Buccinasco, dove vive, e al sindaco Rino Pruiti.

Oggetto del contendere l'uso del cortile della palazzina in cui abita e in cui «lo Stato ha confiscato alla sua famiglia (sua moglie) due appartamenti, box e una taverna». Lo ha annunciato il sindaco del Comune alle porte di Milano, spiegando che «da anni» le strutture sono destinate «a un progetto per minori». Il cortile è quello che dà accesso ai box ora usati dal Comune come magazzino.

«Invece di chiedere scusa e di pentirsi, invece di chiedere il perdono ai parenti delle sue vittime» ha scritto Pruiti sul proprio sito, «una volta riaperti i tribunali dopo la pandemia, ha fatto causa civile al comune di Buccinasco e a me, perché vuole l'uso del cortile dove ci sono i box confiscati dallo Stato e dati in uso al comune (li usiamo come magazzino)».

«Naturalmente, lui e la sua signora, non se ne farebbero nulla di questi 4 metri quadrati di cortile cementato, non si può sostare lì né fare nessuna attività condominiale, evidentemente il loro scopo è un altro: continuare la sfida allo Stato e contrastare l'azione culturale e sociale che in quel luogo stiamo svolgendo dal 2015».

L'udienza è fissata per il 20 novembre. «La Giunta ha subito nominato un legale e ci opporremo con qualsiasi mezzo lecito a questa richiesta indecente. L'agenzia per i beni confiscati del nord Italia, tramite il suo Presidente Roberto Giarola, mi ha assicurato la sua piena collaborazione, in giornata informerò la Prefettura di Milano e il ministero degli Interni» ha spiegato il sindaco chiedendo alla popolazione di «sostenere le iniziative che la mia amministrazione metterà in campo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GIGETTO 7 mesi fa su tio
Solo in Italia possono succedere certe cose.....allucinante!!
centauro 7 mesi fa su tio
@GIGETTO In uno stato di diritto ciascuno è libero di poter avviare una procedura legale, un soggetto del genere con i suoi venerabili precedenti non andrà molto avanti!
lo spiaggiato 7 mesi fa su tio
In pratica il comune si è appropriato illegalmente del piazzale del ex galeotto... che storia... :-)))
centauro 7 mesi fa su tio
Un rifiuto del genere nemmeno lo devono considerare.
seo56 7 mesi fa su tio
Questa gentaglia solo muta deve stare!!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-28 17:51:00 | 91.208.130.85