keystone
Un'infermiera stremata, in un ospedale di Buenos Aires.
+2
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
CILE
3 ore
Il Cile mette al bando i sacchetti di plastica
È il primo paese dell'America latina che introduce tale misura
STATI UNITI
5 ore
La procura indaga Trump per frode bancaria
È quanto scrive il New York Times: il presidente è stato sollecitato a consegnare alcune dichiarazioni fiscali
SPAGNA
6 ore
Juan Carlos se ne va dalla Spagna
Dopo le indagini per presunta evasione fiscale, il re emerito ha deciso di trasferirsi all'estero
FOTO E VIDEO
ITALIA
6 ore
Un arcobaleno, poi il tricolore salutano il nuovo ponte
A due anni dalla tragedia del Ponte Morandi è stato inaugurato il nuovo viadotto Genova San Giorgio.
REGNO UNITO
7 ore
Pensavano fosse stato assassinato, risalta fuori 5 anni dopo
La surreale storia di Ricardas Puisys, nascosto nel bosco per scappare alla criminalità organizzata: «Ora è al sicuro»
ITALIA
8 ore
Coronavirus: 1,48 milioni d'italiani hanno gli anticorpi
Sono sei volte più rispetto al totale dei casi intercettati, come emerge dallo studio sulla sieroprevalenza
FILIPPINE
9 ore
Duterte, pugno di ferro anche contro il virus
Manila e le province circostanti saranno nuovamente in quarantena da domani e per due settimane
ITALIA
9 ore
Novartis e Roche assolte in Italia per il caso Avastin-Lucentis
Caduta l'accusa di accordo illecito fra i colossi farmaceutici per due farmaci simili ma dai prezzi molto diversi
RUSSIA
11 ore
Milioni di dosi di vaccino «entro l'inizio del 2021»
La previsione di Mosca, che annuncia la produzione in massa del preparato sviluppato dal Centro Gamaleya
GERMANIA
12 ore
«Lui non collaborerà mai con la polizia»
Le parole del legale di Christian Brueckner, l'uomo attorno a cui si concentrano le indagini sul caso di Maddie McCann
ITALIA
12 ore
MSC Crociere, si salpa ma con un tampone Covid-19 per tutti
Misure eccezionalmente severe per passeggeri ed equipaggio: «Vogliamo offrire una vacanza sana e sicura»
FOTO
GRECIA
12 ore
Proti, piccolo aereo si schianta nel villaggio
L'incidente è avvenuto nelle prime ore di lunedì mattina. Il pilota è finito in ospedale
MONDO
13 ore
Vendite di tablet in aumento (grazie al lockdown)
I dispositivi sono diventati indispensabili non solo per intrattenimento, ma anche per lavoro e didattica a distanza
ITALIA
13 ore
Minacciava i passanti con due coltellacci, fermato a Torino un cittadino svizzero
L'uomo è un senza fissa dimora, in stato confusionale si aggirava per il centro cittadino
FOTO
AFGHANISTAN
14 ore
L'Isis attacca un carcere: almeno 21 morti
Tra le vittime dell'attentato ci sarebbero anche alcuni bambini
ITALIA
14 ore
Poche ore all'inaugurazione: «Non vediamo l’ora che questa giornata sia finita»
I parenti delle vittime vivono con insofferenza la cerimonia: «Da mesi sentiamo parlare di "miracolo", siamo stanchi».
CINA
19.04.2020 - 20:490
Aggiornamento : 23:06

Tre mesi che hanno cambiato il mondo

Il 20 gennaio XI Jinping lanciava l'allarme. Oggi in Europa si vede - forse - la luce in fondo al tunnel

Cronaca di 90 giorni con il coronavirus

WUHAN/NEW YORK - All'improvviso, il virus. Sono passati tre mesi da quando, il 20 gennaio, il presidente cinese Xi Jinping decise di lanciare pubblicamente l'allarme su una possibile epidemia. Tre mesi dopo, il pianeta conta oltre 160'000 vittime, quasi 2 milioni e mezzo di contagiati e più della metà della popolazione mondiale costretta o invitata a rimanere a casa. Un cambiamento radicale quanto repentino, in un mondo che si è scoperto impreparato sotto ogni punto di vista: sanitario principalmente, ma anche politico, economico, umano.

In quei giorni la città di Wuhan - dove in un mercato il nuovo virus aveva compiuto il salto di specie dall'animale all'uomo - contava già centinaia di casi e almeno tre morti, e i media di Pechino parlavano di una "misteriosa polmonite".


keystone
Un paziente trasportato in ospedale a Wuhan, il 18 gennaio.

Ma sebbene alla leadership cinese il rischio per la popolazione fosse già chiaro almeno dal 14 gennaio - come dimostrato da una recente inchiesta dell'AP - a Wuhan la vita continuò come nulla fosse per altri sei lunghi giorni prima che Xi decidesse di dare l'allerta, e altri tre per chiudere e isolare l'intera città dell'Hubei con i suoi 11 milioni di abitanti.

A guardarlo con gli occhi di allora, il lockdown di Wuhan sembrò agli occidentali una risposta antidemocratica, possibile solo in un regime autoritario. Appena tre mesi dopo, le città europee e americane le assomigliano molto: strade deserte e saracinesche abbassate, e i volti, le angosce, le speranze, chiusi tra le mura domestiche o nascosti dietro le mascherine.


keystone
Controlli all'aeroporto internazionale di Wuhan, il 21 gennaio.

Da allora ogni nuovo stop, blocco, lockdown è stato uno stupore nuovo e doloroso: in un mondo frenetico e globalizzato, si sono prima fermati i voli, chiuse le frontiere, cancellati i principali eventi internazionali.

Un mese dopo l'allarme di Xi, il 21 febbraio, il nuovo coronavirus - al quale nel frattempo la scienza ha dato il nome di Sars-Cov-2 - ha comunque raggiunto l'Italia, l'Europa e il resto del mondo. Si sono chiuse le scuole, poi via via i negozi, i bar, i ristoranti, gli uffici, le fabbriche.


keystone
Fuori dall'ospedale di Codogno, in provincia di Lodi, il 21 febbraio.

Si è fermato il calcio, le Olimpiadi di Tokyo rinviate di un anno, si sono chiusi spiagge e musei, si sono spenti i cinema e la musica, papa Francesco ha pregato da solo in una San Pietro deserta in un'immagine simbolo del mondo sconvolto dalla pandemia.


keystone
La preghiera del mattino in una Piazza San Pietro deserta, 13 aprile.

In molti l'hanno paragonata a una guerra contro un nemico invisibile. Lo è senz'altro per i medici e gli infermieri in prima linea sul fronte delle terapie intensive, lo è per chi stenta a fare la spesa, a pagare bollette e dipendenti, per chi deve combattere altre malattie nell'incertezza e nella paura.

Ma, guerra o no, la vita è cambiata per tutti: per molti lavoro, scuola, cultura, affetti viaggiano sulla rete, nelle chat, per telefono, persino sui balconi. Per altri i solchi delle disuguaglianze sono diventati ancora più profondi.

A fare un bilancio di questi tre mesi, quella che non sembra essere cambiata è la politica che, presa alla sprovvista, dopo un iniziale spirito di collaborazione ha ricominciato a dividersi e ad attaccarsi. L'Europa stenta a dimostrarsi unita, gli Usa di Donald Trump in piena campagna elettorale accusano la Cina di aver taciuto sul virus, se non di averlo creato.


keystone
Una manifestazione armata contro il lockdown nel Michigan, 15 aprile.

Come non sono cambiate le crisi ormai sparite dalle prime pagine, ma non dal terreno, in Siria, Libia, Yemen. A cambiare, in meglio, è stata invece la salute del Pianeta: senza auto, aerei e produzioni industriali sono calati, per ora, i livelli di CO2.

La fine dell'emergenza da pandemia, decretata dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) l'11 marzo, è ancora lontana, ogni giorno si continuano a piangere migliaia di vittime in tutto il mondo e si contano decine di migliaia di nuovi contagi.


keystone
Disinfestazioni anti-Covid nella città siriana di Idlib, semi-distrutta dalla guerra, il 9 aprile.

Con il Pil mondiale che subirà una drammatica battuta d'arresto e l'incertezza nel futuro, la speranza oggi si aggrappa alla scienza, alla scoperta di una terapia e alla ricerca di un vaccino contro un virus appena conosciuto.

Restano intatti il dolore, la paura, la diffidenza, ma comincia anche ad insinuarsi l'impazienza di tornare alla normalità. Una nuova normalità, in un mondo cambiato.

keystone
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 02:26:42 | 91.208.130.87