keystone-sda.ch (Bernd W?stneck)
In troppi in Germania dimostrano di non aver capito i rischi del coronavirus.
GERMANIA
18.03.2020 - 16:500

La Germania è indignata per i Coronaparty dei giovanissimi

In troppi aggirano i divieti di riunirsi in gruppo, mostrando di non aver capito la gravità della situazione

BERLINO - Il neologismo è invitante, li chiamano 'Coronaparty' e sono l'ultima moda in Germania, fra i giovanissimi. In un Paese in cui il virus ormai dilaga - i casi ufficiali sono oltre 8.200 e il sistema sanitario tocca i propri limiti - c'è chi non ha ancora capito.

Scuole chiuse? Tutti nei parchi, a festeggiare. Discoteche, locali notturni blindati? Si ripiega nelle abitazioni private o anche in piena notte all'aria aperta, fra litri di birra e musica. Un fenomeno diffuso, che riguarda Berlino ma anche le città della Baviera.

Intervistati su questa condotta, i ragazzi dimostrano di non aver compreso la gravità della situazione: «Non siamo nella fascia a rischio e abbiamo sempre con noi il disinfettante», risponde una di loro in un video postato su Twitter. E poi non «coccolerà» nessuno a fine serata. Insomma, un esercito d'inconsapevoli.

Per fermare i Coronaparty, a tutela di tutti, arriva la polizia, che fino a inizio settimana ha sciolto gli assembramenti "con le buone", invitando tutti ad andare a casa. «Comportamenti del tutto irresponsabili», è la denuncia bipartisan di molti politici.

L'indignazione è esplosa sul web. La Germania che richiama i medici dalle pensioni e costruisce ospedali negli hotel per raddoppiare i posti letto di terapia intensiva mal sopporta l'incoscienza dei giovanissimi. «Gli farei pagare fino a 5.000 euro di multa», commenta qualcuno su Twitter. «Per ogni Coronaparty andrebbero fatte scorrere le immagini che arrivano dall'Italia. Grazie a voi, presto così anche da noi».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-26 00:42:57 | 91.208.130.87