CINA
02.06.2019 - 11:010

Il cantante pop-rock cinese Li Zhi è sparito nel nulla

E, da tre mesi a questa parte, anche le sue canzoni sono scomparse dal web, si pensa che sia per "colpa" di alcuni sui pezzi troppo schierati

PECHINO - Sono passati circa tre mesi dalla "sparizione" del musicista rock cinese Li Zhi: un tour nello Sichuan è stato cancellato a febbraio e i suoi account sui vari social media sono stati chiusi.

Inoltre, la sua musica è stata rimossa dai principali siti di streaming cinesi ed è quasi come se il folk rocker quarantenne di Changzou, nello Jiangsu, non fosse mai esistito provando a navigare su internet in mandarino.

Nel 30/o anniversario dei tragici fatti di Tiananmen, Li ha avuto la "responsabilità" d'aver toccato temi sociali dando voce a un malessere diffuso, malgrado la poderosa avanzata economica e geopolitica del Dragone, arrivando ad affrontare il tema tabù delle proteste pro-democrazia degli studenti, soppresse dai militari nel sangue il 4 giugno del 1989.

Titoli come "La Piazza" o versi come "Ora questa piazza è la mia tomba" o "Tutto è solo un sognare" sono sufficienti, è il sospetto, a "turbare" l'ossessione del Partito comunista cinese per la stabilità.

A maggior ragione nel mezzo delle incertezze per le pesanti turbolenze della guerra commerciale con gli Usa.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 12:32:08 | 91.208.130.86