Keystone
SPAGNA
28.03.2018 - 11:470
Aggiornamento : 12:14

Catalogna: la Cup chiede una sessione per l'investitura di Puigdemont

«Ci assumeremo tutte le responsabilità», afferma. L'ex presidente indipendentista è detenuto in Germania

BARCELLONA - Il capogruppo della Cup, l'ala sinistra del fronte indipendentista, Carles Riera, ha chiesto questa mattina la convocazione di una sessione del parlamento di Barcellona per rieleggere presidente della Catalogna Carles Puigdemont, contro il veto di Madrid.

«Ci assumeremo tutte le responsabilità», ha affermato, «con tutte le conseguenze».

Puigdemont è attualmente detenuto in Germania.

L'ex-ministra Ponsati si consegna alla polizia scozzese - L'ex-ministra indipendentista catalana Carla Ponsati, contro la quale il giudice per le indagini preliminari del tribunale supremo spagnolo ha emesso una richiesta di arresto ed estradizione europea, si intanto è consegnata questa mattina alla polizia scozzese, riferisce Tv3.

Il suo avvocato ha indicato che la leader catalana, in esilio in Scozia dove insegna all'università di St. Andrews, denuncerà davanti alla giustizia scozzese la «persecuzione politica» attuata nei suoi confronti dallo Stato spagnolo.

Il parlamento catalano chiede la liberazione di Puigdemont - Il parlamento catalano, riunito in sessione urgente, ha chiesto oggi la liberazione del presidente deposto Carles Puigdemont, detenuto in Germania, e degli altri leader indipendentisti in carcere a Madrid.

In una risoluzione approvata per iniziativa dei gruppi indipendentisti, l'assemblea ha inoltre sancito il diritto di Puigdemont di essere rieletto presidente della Catalogna contro il veto di Madrid, in base anche a una recente ripresa di posizione della Commissione dei diritti umani dell'Organizzazione delle Nazioni Unite.
 
 


 
 


 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-07 04:55:31 | 91.208.130.85