GIAPPONE
03.02.2015 - 07:120
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

I nuovi consulenti bancari sono dei robot

Si chiamano NAO e verranno assunti dal gigante bancario Bank of Tokyo-Mitsubishi

TOKYO - E' la prima volta e non poteva succedere che in Giappone. Una grande banca nipponica ha assunto un robot umanoide nel settore del servizio per la clientela. Come ha riferito un portavoce dell'istituto finanziario Bank of Tokyo-Mitsubishi, Nao, così si chiama il prototipo, sarà introdotto in una o due filiali di Tokyo a titolo sperimentale.

Il robot, alto 58 centimetri e dal peso di 5,4 chili, è dotato di telecamere e microfoni e avrà il compito di accogliere i clienti che entrano in banca. Non appena il cliente esprime la propria richiesta il robot risponde e fornisce indicazioni utili per indirizzarlo allo sportello adatto. L'umanoide parla 19 lingue.

Il robot, grazie alle sue 25 giunture mobili, riesce a gesticolare.

L'istituto finanziario giapponese guarda avanti, alle olimpiadi di Tokyo del 2020, e spera che l'utilizzo dei robot possa far fronte all'atteso aumento dei clienti che arriveranno dall'estero, in occasione del grande evento internazionale.

I robot, nella prima fase di prova, saranno affiancati dai loro colleghi umani per osservare come i clienti reagiranno alla vista di questi nuovi consulenti particolari. Soltanto dopo questo periodo di prova i vertici bancari decideranno se introdurre ufficialmente i robot in banca.

Nao è di produzione francese, la Aldebaran Robotics, una impresa affiliata del gigante giapponese Softbank Corp.

Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-22 16:27:05 | 91.208.130.86