Immobili
Veicoli

LUGANOUna «spada di Damocle» sulle pensioni dei docenti comunali

07.09.22 - 07:35
Raoul Ghisletta parla di «imminente massacro», a partire dal 2024, e interpella il Municipio di Lugano
Tipress (foto d'archivio)
Una «spada di Damocle» sulle pensioni dei docenti comunali
Raoul Ghisletta parla di «imminente massacro», a partire dal 2024, e interpella il Municipio di Lugano

LUGANO - Una «spada di Damocle che pende sulle pensioni di vecchiaia» per i docenti della città di Lugano affiliati all'Istituto di previdenza del Canton Ticino (IPCT). Con queste parole il consigliere comunale socialista Raoul Ghisletta sollecita in un'interpellanza il Municipio di Lugano, parlando di «imminente massacro» delle suddette pensioni.

A partire dal 2024, scrive, i docenti di Lugano «si vedranno ridurre la pensione di un ulteriore 20%, dopo aver già perso un 20% nel 2013», portando così «il totale della riduzione» al 36% sull'arco di 15 anni. «Mai vista una cosa simile», rimarca Ghisletta chiedendo all'esecutivo luganese di prendere posizione, sulla situazione e in merito all'idea di «un piano di compensazione» a cui contribuire finanziariamente «come datore di lavoro dei docenti comunali».

Il consigliere comunale PS chiede altresì di «fornire un confronto sulle pensioni di IPCT e di Cassa pensioni di Lugano, in base alle condizioni vigenti al 1.1.2022 per i rispettivi assicurati in primato di contributi (senza garanzie specifiche dovute a regimi pregressi) con pensionamento a 65 anni», ipotizzando differenti scenari* per uno «stipendio assicurato al secondo pilastro durante 40 anni di assicurazione».

Le domande dell'interpellanza

    1. È informato della spada di Damocle che pende sulle pensioni di vecchiaia IPCT per i docenti comunali della Città di Lugano, che sono in primato di contributi senza le garanzie del 2013 a partire dal 2024? Che ne pensa? Sostiene l’idea di un piano di compensazione ed è disposto a contribuire al suo finanziamento come datore di lavoro dei docenti comunali?
    2. Può fornire un confronto sulle pensioni di IPCT e di Cassa pensioni di Lugano in base alle condizioni vigenti al 1.1.2022 per i rispettivi assicurati in primato di contributi (senza garanzie specifiche dovute a regimi pregressi) con pensionamento a 65 anni, ipotizzando uno stipendio assicurato al secondo pilastro durante 40 anni di assicurazione di 10'000 fr, 20'000 fr, 30'000 fr, 40'000 fr, 50'000 fr, 60'000 fr, 70'000 fr, 80'000 fr, 90'000 fr, 100'000 fr? *
    3. A quanto ammontano sinora i contributi di risanamento versati dal Municipio di Lugano nella Cassa pensioni di Lugano per garantire le attuali prestazioni 1.1.2022? Quanti sono le/gli assicurati della Città presso la Cassa pensioni di Lugano?
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO