Ti Press
Nicola Schoenenberger, Capogruppo in Consiglio Comunale a Lugano per I Verdi.
LUGANO
02.03.2020 - 10:140

«Maggior tutela per il nostro patrimonio culturale»

I Verdi hanno presentato una mozione e un'interrogazione.

Chiedono fra le altre cose di creare una lista di edifici e di alberature pubbliche e private meritevoli di conservazione

LUGANO - I Verdi di Lugano, assieme a PS e PC, hanno inoltrato al Municipio una mozione e un'interrogazione per chiedere maggiore incisività nella tutela del patrimonio costruito.

Quasi dieci anni fa l’architetto Riccardo Bergossi scriveva: «A Lugano il rapporto tra gli edifici costruiti prima e dopo la guerra è a occhio e croce quello di Berlino, città che è stata quasi rasa al suolo per i bombardamenti […]. Gli edifici - palazzi, ville, giardini e parchi storici - creati dalla borghesia illuminata dell'Ottocento e della prima parte del Novecento sono distrutti senza sosta dalla doppia azione dell'ignoranza e della speculazione».

Da allora, «con ritmo regolare ma ultimamente ancora più incalzante», per i Verdi si assiste ad abbattimenti o domande di demolizione di edifici che fanno parte del paesaggio urbano e del patrimonio culturale di Lugano. Ad esempio i due stabili di inizio ‘900 affacciati sul Piazzale di Besso (dove ora c’è una voragine desolante), le centenarie ville Colombo in via San Gottardo 7 e 9 oppure il deposito delle ARL in via La Santa a Viganello. Costruzioni demolite o a rischio, malgrado siano citate nell’Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere d’importanza nazionale (ISOS).

Nella mozione presentata, si propone in particolare che i contenuti dell’inventario ISOS siano integrati negli atti pianificatori. Si chiede anche la creazione di una commissione di esperti con l’incarico di proporre al Municipio, in tempi brevi, una lista di edifici e di alberature pubbliche e private, meritevoli di conservazione.

Conseguentemente al recente stralcio da parte del Tribunale amministrativo cantonale dei vincoli di tutela per una serie di stabili luganesi, l’interrogazione invece chiede se il Municipio intende consolidare la tutela di tutti i beni estromessi dal Tram e se intende farlo attraverso la rapida pubblicazione di una nuova variante di PR oppure demandando il tutto alla revisione del PR unitario di Lugano. Ch però non vedrà la luce prima del 2028.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 12:05:56 | 91.208.130.86