Al Palasio l'anno scolastico non potrà cominciare
Tipress
+16
BELLINZONA
08.08.2021 - 18:030
Aggiornamento : 20:17

Al Palasio l'anno scolastico non potrà cominciare

La struttura è stata devastata dal maltempo di sabato sera. Necessari fino a otto mesi per il ripristino

Il Municipio di Bellinzona è in cerca di alternative per i 160 bambini e quindici docenti

BELLINZONA - Il maltempo che la scorsa notte si è abbattuto sul Bellinzonese ha letteralmente devastato gli spazi della scuola dell'infanzia Palasio a Giubiasco. Spazi invasi dall'acqua del riale Fossato che è straripato.

L'interno della scuola è completamente pieno di detriti, fango e acqua. E questo a meno di un mese dalla riapertura dell'anno scolastico, prevista per il prossimo 30 agosto.

Una riapertura che per la scuola dell'infanzia Palasio sarà per forza ritardata. Il Municipio di Bellinzona sta ora valutando alcuni scenari per permettere a 160 bambini e alla quindicina di docenti d'iniziare le lezioni in un luogo alternativo, come si legge in un comunicato. La scuola rimarrà infatti inagibile per almeno quattro-otto mesi e non è dunque escluso che sia necessario tutto il prossimo anno scolastico per rendere di nuovo agibili le aule che accolgono otto sezioni e una mensa.

Nei prossimi giorni tutti i genitori degli allievi iscritti all'istituto scolastico in questione saranno informati tramite lettera delle tempistiche necessarie per l’avvio delle lezioni: è infatti possibile che, per permettere l’organizzazione di un’alternativa confacente, l’anno scolastico prenda il via con una o due settimane di ritardo.

I lavori hanno preso il via già ieri sera con la messa in sicurezza dell’area, mentre fin dal primo mattino è iniziato lo sgombero delle aule: in alcuni punti l’acqua ha superato il metro e mezzo di altezza e tutti i mobili non sono dunque più utilizzabili.

Gli ingenti danni a questo stabile comunale – che la Città sta ancora cercando di quantificare nel dettaglio – sono come detto stati causati dal Riale Fossato che ha divelto un muro della camera di contenimento andando a invadere completamente il terreno della scuola dell’infanzia. Si tratta della più eclatante conseguenza delle intense piogge cadute in serata che hanno causato innumerevoli danni e disagi anche in altri luoghi della Città, con strade invase dall’acqua, sottopassaggi chiusi, riali ingrossati e anche numerose abitazioni di privati allagate.

Particolarmente significativi i dati pubblicati da MeteoSvizzera in relazione alla quantità di acqua scesa sul breve termine: a Bellinzona sono caduti 20 millimetri d’acqua in soli 10 minuti e 39,4 sull’arco di 20 minuti. Il Corpo pompieri di Bellinzona è stato particolarmente sollecitato dalle 18.30 di ieri con circa 150 chiamate. Nel corso della notte una quarantina di militi è stata impiegata sul territorio; una trentina quelli operativi nella giornata di oggi.

Gli interventi per ripristinare la normalità continueranno anche nei prossimi giorni. Oltre alla pulizia degli spazi pubblici e al ripristino della viabilità, sono infatti necessari altri lavori urgenti come ad esempio lo svuotamento dei detriti trattenuti dalle opere di premunizione del Riale Vallascia, dove durante l’intenso evento meteorologico si sono depositati diverse migliaia di metri cubi di materiale. Le vasche di contenimento che erano state ripulite recentemente verranno ripristinate, e verranno inoltre sistemati gli argini distrutti dalla piena. Proseguiranno inoltre gli interventi già in corso sulla collina di Gudo dove fortunatamente le ultime piogge non hanno peggiorato la situazione.

Tipress
Guarda tutte le 20 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 20:47:29 | 91.208.130.86