Depositphotos (kozzi2)
CANTONE
28.03.2020 - 17:030
Aggiornamento : 29.03.2020 - 14:47

I Verdi: «Semi e piantine sono beni di prima necessità»

L'appello degli ambientalisti è in favore dell'autosostentamento e contro lo spreco

BELLINZONA - « I Verdi hanno sempre dato molto valore all’autoproduzione alimentare. A maggior ragione nel periodo di crisi come questo, promuovere l’orticoltura locale è molto importante. Sementi e piantine da orto sono da ritenersi, in questo senso, beni di prima necessità», inizia così il comunicato diffuso oggi dai Verdi ticinesi che rilancia un tema sentito anche a livello svizzero.

«È assurdo che si possano comperare, nei grandi magazzini, verdure prodotte in Spagna o in Olanda e non si possano invece comperare i semi e le piantine che molti piccoli orticoltori-vivaisti svizzeri hanno preparato per la primavera. In mancanza di un possibile smercio si vedono ora costretti a distruggerle: una rilevante perdita economica per loro e uno spreco insensato per noi».

Secondo gli ambientalisti, quindi, quella delle autorità è «una scelta che danneggia i produttori locali e che impedisce a molti cittadini-orticoltori di contribuire al proprio autosostentamento alimentare, nonché a una maggiore autosufficienza del paese».

Per questo: «i Verdi del Ticino fanno quindi appello alle autorità affinché riconoscano, tra i beni di prima necessità, anche semi e piantine».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-28 14:19:09 | 91.208.130.85