Archivio Rescue Media
CANTONE
27.11.2019 - 09:080

Appiccò il fuoco in un palazzo di Massagno, si apre il processo

Già nel 2010 aveva incendiato cinque case nel Luganese. Fu condannato. E ora torna in aula per il rogo dello scorso 26 maggio. 

LUGANO - «Abbiamo visto il fumo e abbiamo pensato: ci risiamo». Queste erano le parole di alcuni abitanti di Massagno, dopo che lo scorso 26 maggio nello scantinato di un palazzo di via Ceresio qualcuno aveva appiccato un fuoco. Nel quartiere non si trattava del primo rogo di origine dolosa, ma quella volta la polizia aveva individuato l’autore: un cinquantenne che oggi compare alle Criminali di Lugano, presiedute dal giudice Amos Pagnamenta, per rispondere di incendio intenzionale, ripetuto.

L’uomo, difeso dall’avvocato Yasar Ravi, nega ogni addebito. Nel 2010 era comunque già stato condannato per incendio intenzionale aggravato: all’epoca aveva appiccato roghi nelle cantine di cinque palazzine del Luganese, in soli sei giorni. Nei suoi confronti la Corte aveva stabilito una pena sospesa di diciotto mesi a favore di un trattamento stazionario.

Quella sera di maggio i ventiquattro inquilini del palazzo di Massagno avevano dovuto passare la notte fuori casa. E diversi di loro avevano manifestato sintomi di intossicazione. Oggi la Corte ricostruirà i fatti. In aula l’accusa è rappresentata dal procuratore pubblico Roberto Ruggeri.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-08 17:45:40 | 91.208.130.89