Foto Ticinonline
+ 2
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
4 ore
Swiss Engineering ha eletto il nuovo comitato
ASCONA
7 ore
A scuola di talento con Maurizio Ganz
BELLINZONA
9 ore
La grande famiglia dei pompieri di Bellinzona festeggia 190 anni
CANTONE
9 ore
Un successo la prima Festa Filippina
ASTANO
9 ore
Moltiplicatore al 110%: «Statistiche o solo suggestioni?»
LOSONE
10 ore
Tagli all'Agie Charmilles, lasciate a casa 14 persone
CANTONE
10 ore
Salario minimo, Unia smentisce Caprara: «Proposta tutt'altro che consensuale»
GAMBAROGNO
10 ore
Ecco cosa è quella strana schiuma nel lago
CANTONE
11 ore
Gioco d'azzardo, aumentano le richieste d'aiuto
CANTONE
12 ore
Sciopero generale donne: «Un diritto fondamentale in ogni società democratica»
LUGANO/LUCERNA
12 ore
Il "Quattromani" 2016 tenuto a battesimo da Marco Romano
CANTONE
13 ore
Il Ticino strizza l'occhio al «turismo d'affari»
CANTONE
14 ore
Diritti politici: «Più potere al popolo anche nei Comuni»
LUGANO
14 ore
Gran successo per la Quairmesse
CANTONE
14 ore
Tasse di cancelleria, Mendrisio come Bellinzona
DAVESCO-SORAGNO
16.11.2014 - 12:530
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

"Non ho niente da dire. C'è solo dolore"

I proprietari dello stabile si chiudono in un silenzio che vale come mille parole. Parla invece un imprenditore: “Il mio ufficio è distrutto"

4 anni fa Palazzina crollata, ci sono due morti
4 anni fa "Le ricerche sono ancora in corso"
4 anni fa Cento persone alla ricerca dei dispersi

DAVESCO-SORAGNO - “C’è solo dolore” è l’unico commento che la famiglia Gianini, proprietaria di parte dell'abitazione travolta questa mattina da una frana a Davesco-Soragno, ci rilascia al telefono. "Non vogliamo dire niente". Ma il silenzio, in casi come questo, vale più di mille parole.

"La mia azienda distrutta" - Tra le macerie, i soccorritori, le vite tratte in salvo e quelle spezzate dalla frana che ha travolto questa notte la palazzina di Davesco, riducendola a un cumulo di rovine, questa mattina si aggirava anche il signor Filippo Rutishauser, di Viganello. Non si trovava nello stabile, al momento della tragedia, per un soffio: “Non fosse accaduto nel weekend, sarei stato lì dentro anche io”. Il suo ufficio, al pianterreno, è stato completamente distrutto, ma lui non lo sa. O almeno, nessuno glielo ha ancora comunicato. “Non mi hanno fatto salire, e va bene, ma almeno dirmi se la mia azienda è stata colpita o meno dalla frana…”.

La risposta, purtroppo per Rutishauser, è sì. Come tutta la palazzina, anche gli uffici della Herag AG sono un cumulo di macerie. “Avevo dentro tutti i pezzi di ricambio, i computer nuovi di zecca, un furgone… un danno enorme che l’assicurazione ricoprirà solo in parte, senza contare il lavoro andato perduto”. E per fortuna il bollettino del dramma, per quanto riguarda il primo piano, si ferma qui. “Un giorno più tardi e… non ci voglio nemmeno pensare”. Quanto ai piani superiori invece – quelli con gli appartamenti – il bilancio è ben più triste.

Foto Ticinonline
Guarda tutte le 7 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-21 03:17:47 | 91.208.130.86