Cerca e trova immobili

LOCARNOIl 2023 delle Fart è stato un successo

14.06.24 - 09:45
A cominciare dall'incremento dell'utenza, il 20% in più rispetto all'anno precedente.
Archivio Ti Press
Fonte Fart
Il 2023 delle Fart è stato un successo
A cominciare dall'incremento dell'utenza, il 20% in più rispetto all'anno precedente.

LOCARNO - Si è svolta a Locarno ieri, giovedì 13 giugno, l'Assemblea annuale degli azionisti delle FART SA, un'occasione per presentare i risultati finanziari, approvare i conti del 2023 e fare il punto sull'andamento dei passeggeri della ferrovia e delle autolinee. Durante l'incontro, sono stati anche illustrati i numerosi progetti in corso che proietteranno l'azienda locarnese verso il futuro.

Il 2023 è stato un anno contraddistinto da importanti traguardi, ad iniziare dall’aumento del 20% dell’utenza sulla Vigezzina-Centovalli rispetto al 2022 (per un totale di 653'000 passeggeri) fino alla crescita significativa dei passeggeri nelle autolinee regionali (+9%) e urbane (+12%). Dati che dimostrano che l’offerta è in grado di rispondere al meglio alle necessità di mobilità della comunità.

In totale sono stati trasportati 6,9 milioni di passeggeri sulle linee autobus, di cui 5,2 milioni a bordo dei veicoli delle linee urbane e 1,7 milioni sulle linee regionali. Per il secondo anno consecutivo, inoltre, l’esercizio viene chiuso con un risultato finanziario positivo, nel 2023 pari a un utile di 1’048’000 franchi che l’assemblea ha attribuito interamente alle riserve a bilancio.

Una solidità finanziaria che secondo Paolo Caroni, presidente del Consiglio d’Amministrazione delle FART, consente di guardare, con fiducia, ai progetti principali in corso d’opera: la messa in esercizio dei nuovi treni, l’adeguamento delle stazioni alle normative della Legge Disabili, l’avvio del cantiere del nuovo deposito e officina a Riazzino, l’introduzione progressiva della trazione elettrica nel trasporto pubblico urbano e gli interventi infrastrutturali necessari per il potenziamento dell’offerta tra Locarno e Intragna.

Per quanto concerne l’infrastruttura ferroviaria, sono stati messi in servizio i nuovi impianti di sicurezza delle stazioni di Muralto, incrocio galleria, S. Martino, Verscio, Cavigliano e Camedo. Ora si procederà con la realizzazione della fase successiva che prevede, nel corso del 2025, la sostituzione degli impianti di sicurezza delle stazioni di Ponte Brolla, Corcapolo e Verdasio. A seguire, si interverrà anche sugli impianti di sicurezza di Tegna e Intragna. Sono pure in fase di conclusione, in numerose stazioni lungo la tratta ferroviaria, i lavori di adattamento dell’infrastruttura alla Legge disabili (LDis).

I festeggiamenti per il centenario della linea ferroviaria toccheranno l’apice con la consegna scaglionata di otto nuovi convogli (il primo all’inizio dell’autunno 2024, l’ultimo nella primavera 2025). La nuova flotta treni, moderna e più efficiente, proporrà importanti novità che valorizzeranno la qualità del servizio: un aumento del comfort di viaggio, spazi riservati alle famiglie, ai viaggiatori con sedia a rotelle e al trasporto di biciclette. Un innovativo servizio di informazione dinamico completerà l’esperienza di viaggio.

I primi 4 mesi dell’anno corrente si confermano di buon auspicio per il 2024. Il numero dei passeggeri, infatti, si situa leggermente al di sopra rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente confermando lo sviluppo positivo della domanda, malgrado la meteo sfavorevole di questa prima parte dell’anno poco incentivante per gli spostamenti del tempo libero. Nello specifico, i dati da gennaio ad aprile 2024 hanno registrato un lieve incremento percentuale sia per le autolinee regionali (+1.6%) che per le linee urbane (+0.2%). Anche a bordo della Vigezzina-Centovalli i dati sono in crescita: nel primo quadrimestre del 2024 il numero dei passeggeri in transito è superiore (+17%) rispetto a quello del 2023. Grazie anche all’alta stagione turistica ormai alle porte, obiettivo dell’azienda è di consolidare il trend di crescita dei passeggeri osservato nella prima parte del corrente anno.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE