Cerca e trova immobili

MENDRISIOL'opera d'arte urbana sul muro dell'autosilo comunale

13.06.24 - 09:31
Il dipinto dell'artista Antoine Deprez è stato inaugurato ieri
Foto TiPress
Fonte Città di Mendrisio
L'opera d'arte urbana sul muro dell'autosilo comunale
Il dipinto dell'artista Antoine Deprez è stato inaugurato ieri

MENDRISIO - Si è tenuta ieri (mercoledì 12 giugno) l’inaugurazione ufficiale dell’opera d’arte urbana voluta dal Consiglio delle e dei giovani, un dipinto sul muro dell’autosilo comunale di via Praella realizzato e progettato dall’artista indipendente Antoine Deprez insieme agli stessi giovani.

L'esigenza di realizzare un’opera permanente e ben visibile alla cittadinanza «nasce dalla riflessione del Consiglio rispetto ai numerosi stereotipi del mondo adulto nei confronti della popolazione giovanile: luoghi comuni, frettolose semplificazioni ed eccessivi riduzionismi
rispetto alle dinamiche e alla complessità del mondo giovanile» si legge in una nota.

Le giovani e i giovani - prosegue - «non sono cittadine e cittadini del futuro, lo sono già adesso, nel presente, con i loro diritti e doveri, ma anche con i loro desideri, le loro difficoltà e peculiarità. Aspetti talvolta poco tollerati e percepiti con fastidio dal mondo adulto, poiché possono destabilizzare gli equilibri delle comunità e quindi risultare di non semplice gestione».

Per queste ragioni, «l’invito è di riflettere anche sul fatto che il mondo giovanile è inevitabilmente un portatore di cambiamenti ed è ricco di competenze, risorse, nuove idee, attenzioni e nuovi sguardi, dai quali tutta la comunità può trarre beneficio quando riconosciuti e valorizzati».

Il Municipio ha sostenuto fin dall’inizio il progetto, apprezzando - viene sottolineato - l’intento del Consiglio delle giovani e dei giovani «di destinare il proprio budget di spesa a un’iniziativa di pubblica utilità: un’opera esteticamente di valore che abbellisce un’infrastruttura comunale, ma che allo stesso tempo è generatrice di riflessioni».

Queste le parole del Capo Dicastero socialità e pari opportunità Daniele Caverzasio: «Ascoltare e riconoscere il punto di vista dei e delle giovani significa accordare loro il diritto di partecipare. Ciò implica anche concedere, e viceversa assumere, un certo grado di responsabilità che può essere considerato un fattore di sviluppo della propria persona e della comprensione del proprio “posto” nella società, per il bene dell’intera collettività».

Non mancano i ringraziamenti alla Città da parte della giovane consigliera H. A.: «Ringrazio la Città per l’opportunità che ci ha dato. Abbiamo potuto esprimere e realizzare le nostre idee ed è stata una bellissima esperienza», mentre S. E. sottolinea il valore del messaggio veicolato dall’opera: «Il messaggio dell’opera è molto profondo, noi siamo importanti nel presente con le nostre idee, la fantasia e la nostra determinazione e possiamo contribuire alla cura del pianeta».

Il direttore delle Scuole medie di Mendrisio Francesco Doninelli enfatizza il valore pedagogico del Consiglio delle giovani e dei giovani: «Il Consiglio delle giovani e dei giovani è uno dei fiori all’occhiello della Città di Mendrisio, siamo felici di partecipare a questa iniziativa, perché è un metodo efficace e concreto di apprendimento dei concetti e dei valori di cittadinanza e democrazia».

Alla presenza delle autorità, tutti i membri del Consiglio hanno apposto la loro firma a margine della parete dipinta, per lasciare una traccia e una testimonianza del loro contributo alla realizzazione dell’opera d’arte curata da Antoine Deprez.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE