Cerca e trova immobili

SAN BERNARDINO (GR)La rivoluzione a San Bernardino è in atto. «Noi pronti ad aprire, ora sta alla burocrazia»

08.12.23 - 08:00
La trasformazione del paese è in pieno svolgimento. Ora tocca a un nuovo hotel con SPA e appartamenti turistici e l’impianto di innevamento
San Bernardino Swiss Alps
La rivoluzione a San Bernardino è in atto. «Noi pronti ad aprire, ora sta alla burocrazia»
La trasformazione del paese è in pieno svolgimento. Ora tocca a un nuovo hotel con SPA e appartamenti turistici e l’impianto di innevamento
Confin? «Noi saremmo quasi pronti, ora sta alla burocrazia»

SAN BERNARDINO - È un progetto monumentale quello che l'imprenditore ticinese Stefano Artioli ha messo in piedi a San Bernardino. Una vera e propria sfida che, nell'arco di un decennio, punta a rivitalizzare il villaggio in qualità di località invernale di spicco del Grigioni italiano. Ma non solo. L'ambizioso obiettivo, ci conferma Niccolò Meroni, responsabile del marketing e dell'area operativa di San Bernardino Swiss Alps, è infatti quello di creare «un’offerta turistica da vivere tutto l’anno». Non esclusivamente, dunque, attraverso la riattivazione ed ammodernamento degli impianti dell’area sciistica di Confin, fermi da 12 anni.

Quello di giovedì sera, all'Ostello di San Bernardino, è stato dunque un incontro voluto per presentare lo stato di avanzamento del Masterplan e per offrire alla popolazione una visione quanto più ampia di quella che sarà la San Bernardino di domani.

Un villaggio che inizia a mutare

Dalle prime presentazioni pubbliche di fine 2022 il progetto è entrato nel vivo di quella che è la fase iniziale di rilancio del villaggio e di trasformazione del centro del paese, soprattutto dopo la votazione popolare di giugno che ha sancito la possibilità di stabilire un diritto di compera sui terreni dell’Acuforta e l’acquisizione definitiva del pacchetto azionario della San Bernardino SA impianti Turistici (Sbit), società titolare della concessione dell’area sciistica di Confin e dei relativi impianti di risalita.

Ad oggi è già visibile l’intervento di trasformazione, con i cantieri in essere nel centro del villaggio e nel comprensorio di Confin. Quest'anno sarà anche la prima stagione invernale gestita dalla San Bernardino Swiss Alps, sia per quanto concerne la gestione alberghiera e di ristorazione, quella sportiva e degli impianti sciistici, e quella organizzativa.

«È stato un anno intenso e pieno di sviluppi e riteniamo sia importante presentare quanto fatto e mantenere vivo il dialogo con chi vive San Bernardino, con chi è interessato agli sviluppi futuri o semplicemente desidera saperne di più» ha precisato Meroni. Quanto fatto finora, «è già ben visibile attraverso la riattivazione di due strutture alberghiere, della parte di ristorazione e tramite lo sviluppo attivo di quella che è la parte sportiva e di attività».

Un decennio e centinaia di milioni per rivoluzionarle la località

La presentazione è servita ovviamente per presentare quelle che saranno le fasi successive che si articoleranno da qui al 2033. La visione, è quella di una San Bernardino capace di offrire servizi a più livelli, per un target di persone quanto più vario. Un investimento di circa 300 milioni di franchi che, come noto, per il momento vede Stefano Artioli quale finanziatore unico. «Ma non è escluso che in futuro, nelle fasi successive, possano entrare in gioco investitori terzi», sottolinea Meroni.

D'altronde il menù è davvero ampio. Oltre alla riqualificazione di hotel e appartamenti già presenti nel villaggio, ed oltre alla riapertura di Confin, gli ulteriori step prevedono la realizzazione di un nuovo hotel con SPA, altri appartamenti ad uso turistico, e servizi vari sui terreni ad Acuforta, la realizzazione dell’impianto di innevamento programmato e della nuova cabinovia Confin-Alp de Confin.

Successivamente è previsto un nuovo Sport & Family Hotel Ristorante, altri appartamenti (questa volta sui terreni in località Mutti), nuove seggiovie, lo sviluppo dell'area Frach e il recupero della Fonte termale di Sant Bernardino.

Confin? «Mancano alcune autorizzazioni, ma siamo quasi pronti»

Questo, come lo saranno i prossimi, è stato dunque un incontro per scandire i passi di una macchina operativa che, giocoforza, ha a che fare anche con tutta una parte burocratica. E proprio da chi ha in mano le redini della burocrazia si attendono gli ultimi passi utili e ridare vita a Confin che, non ci nasconde Meroni, di fatto è già praticamente pronta per la riapertura: «Stiamo preparando la stazione di partenza, i gatti da neve sono già sulle piste. Mancano una serie di autorizzazioni, ma la nostra speranza è di aprire quanto prima».

L'appuntamento si è concluso presso il nuovo igloo posizionato nel centro del villaggio sugli impianti di Pian Cales (che da oggi vedrà aprirsi le prime infrastrutture del comprensorio). San Bernardino si è accesa con uno spettacolo di luci e colori che proseguirà per tutto il periodo natalizio.

COMMENTI
 

Geremia 2 mesi fa su tio
Burocrazia, politica 🤬🤬🤬. Pensate che lo svincolo di Sigirino aspetta dall’apertura dell’Alptransit e sarà pronto nel 2027.

angelina 2 mesi fa su tio
Bene, bravi complimenti agli attori. Grazie

centauro 2 mesi fa su tio
Accogliamo positivamente l'impegno dell'imprenditore per rilanciare la località montana che merita di essere rivalutata considerando la bellezza del territorio e le svariate opportunità che offre, una località che così come si presenta appare macchiata da un certo abbandono e degrado di diversi edifici del centro, auguriamoci solamente che non diventi la solita località turistica di montagna rivolta ai più ricchi improntata sul lusso a prezzi proibitivi ma con una visione popolare aperta a tutti.

Nico66 2 mesi fa su tio
ma anche scilift e seggiovia che erano all' abbandono da 12 anni apriranno?

Maxt senior 2 mesi fa su tio
Risposta a Nico66
si

eldo74 2 mesi fa su tio
Complimenti a questi imprenditori di casa nostra (Artioli, Frapolli per dirne due) che investono nel nostro territorio. E basta con la troppa burocrazia. E a chi critica, una domanda. Voi cosa avete fatto?

Raptus 2 mesi fa su tio
Poi, se vuoi cambiare un chiodo in una cascina non ti lasciano....

Jullo75 2 mesi fa su tio
Mafia

Pianeta Terra 2 mesi fa su tio
Finalmente San Bernardino ha trovato un vero imprenditore,che ha saputo dare sicurezza alla popolazione che ha approvato i progetti!! BRAVO! E bravi tutti quelli che in questi periodi si prodigano in azioni volute a valorizzare una splendida zona!!

Meck1970 2 mesi fa su tio
complimenti al Signor Artioli e a chi investe.

merluzzen 2 mesi fa su tio
grandissimo

Gemello 2 mesi fa su tio
Complimenti sig Artioli e tanti tanti auguri di una buona realizzazione che purtroppo mancava!! Bravo

Porzarama 2 mesi fa su tio
Ammirazione e Riconoscenza al Signor Stefano Artioli, artefice di una opera di vitale esistenza di San Bernardino. Con la vecchia gestione dei noti Fratelli fu un grande fallimento.

Dan1962 2 mesi fa su tio
Bravissimo Artioli merita un imprenditore che osa dove altri non sono capaci di avere una visione ma lui ce l’ha
NOTIZIE PIÙ LETTE