Cerca e trova immobili

CANTONE«Il deragliamento? Causato da una ruota rotta»

13.08.23 - 12:29
Arrivano le prime spiegazioni sulla causa dell'incidente ferroviario al Gottardo da parte del SISI.
SBB/KEYSTONE
Fonte ATS
«Il deragliamento? Causato da una ruota rotta»
Arrivano le prime spiegazioni sulla causa dell'incidente ferroviario al Gottardo da parte del SISI.

FAIDO - L'incidente avvenuto giovedì all'interno della galleria di base del San Gottardo è verosimilmente stato causato dalla rottura di una ruota di un vagone, avvenuto alcuni chilometri prima dello schianto. Lo ha indicato a Keystone-ATS Christoph Kupper del Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI), l'organo responsabile delle inchieste nell'ambito dei trasporti pubblici.

Il treno merci si è schiantato nel primo pomeriggio di giovedì presso la stazione multifunzionale di Faido, danneggiando gravemente la porta tagliafuoco che separa le due canne del tunnel. Concretamente, il treno merci, che giungeva a una velocità di 100 km/h, si è spezzato in due e una parte di esso è finita contro il cancello di cambio corsia. Parte del binario è stato divelto.

Per chiarire le cause dell'incidente, il SISI ha inviato degli esperti sul luogo. Il compito dell'ente federale non è l'accertamento di colpe o responsabilità, ma prevenire gli incidenti.

Indagini a piedi nel tunnel

Kupper ha spiegato che gli esperti del SISI hanno percorso a piedi la galleria di base armati di torce, a partire dal portale sud. Alcuni chilometri prima del luogo dell'incidente hanno trovato frammenti di una ruota e tracce di deragliamento sui binari.

Kupper ha definito il lavoro nella galleria "particolare". La temperatura è di 40 gradi, non c'è luce naturale e il luogo dell'incidente è raggiungibile solo a piedi. Sul posto erano presenti anche la polizia e rappresentanti del Ministero pubblico. I lavori del tunnel devono essere ben coordinati, ha sottolineato.

Il lavoro del SISI comprende anche l'esame della documentazione relativa alla manutenzione da parte del proprietario del vagone. Lo stesso dicasi l'infrastruttura ferroviaria. "Si tratta anche di poter escludere alcuni scenari", ha detto Kupper. Tenuto conto dell'entità dei danni, la questione delle responsabilità sarà rilevante, ma, come detto, questo non è compito del SISI.

Il deragliamento non ha provocato danni alla locomotiva e ai vagoni anteriori. Il SISI vorrebbe spostare questa parte del treno verso nord e ispezionarla alla luce del giorno a Erstfeld (UR).

Il sistema controllo non ha segnalato problemi

I treni che entrano nella galleria di base da sud vengono controllati da un sistema automatico a Claro (TI), che, come già indicato venerdì, non ha segnalato problemi al convoglio in questione. Il SISI parte quindi dal presupposto che il disco della ruota si sia rotto all'interno della galleria. Tutti i frammenti sono stati recuperati, ha detto Kupper precisando che alcuni sono di una certa dimensione.

Al momento non è chiaro come si è verificata la rottura, ha precisato Kupper. Potrebbero esserci influenze esterne o "fratture" dovute all'usura. Per fare chiarezza, le parti delle ruote saranno esaminate tramite analisi metallografica.

Malgrado la ruota rotta, il vagone ha potuto continuare la sua corsa. All'arrivo alla stazione multifunzionale, il vagone è stato catapultato da uno scambio nel cunicolo che collega le due canne. In seguito a ciò, tutti i vagoni che lo seguivano sono usciti dai binari, per un totale di più di 20 unità.

Le ruote sono "componenti rilevanti per la sicurezza", ha ricordato Kupper. Per questo motivo sono state elaborate norme speciali sia per la loro costruzione che per la manutenzione. La rottura dei dischi delle ruote non è frequente. Un caso si è verificato nel 2014 presso le Ferrovie dell'Appenzello.

Tunnel resta chiuso

Come detto, l'incidente ha gravemente danneggiato la porta tagliafuoco che separa le due canne del tunnel. Fino a quando non sarà almeno parzialmente riparata, nessun transito commerciale sarà possibile attraverso la canna rimasta intatta.

L'obiettivo delle FFS è riaprire uno dei due tubi al traffico nei prossimi giorni: martedì per i merci e giovedì per i treni passeggeri. Visti gli elevati danni, la canna interessata dall'incidente resterà chiusa più a lungo.

Nel frattempo i treni passeggeri a lunga percorrenza vengono deviati lungo la vecchia linea, con ritardi di circa un'ora. La capacità dei convogli è inoltre mediamente del 30% inferiore, perché le carrozze a due piani non possono essere utilizzate sulla tratta di montagna.

Procede intanto senza grosse difficoltà il traffico passeggeri attraverso la linea cosiddetta "panoramica". La capacità è sufficiente, ma non tutti possono trovare un posto a sedere.

Il portavoce delle FFS Reto Schärli ha dichiarato a Keystone-ATS che ieri tutti i treni previsti dall'orario hanno potuto circolare. A questi si sono aggiunti i convogli speciali per la Street Parade.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

vulpus 10 mesi fa su tio
Chi fa l'inchiesta la farà sicuramente a 360°, e sicuramente verrà anche valutata l'eventuale causa dovuta alla velocità di certi convogli: questi treni merci che vanno da una parte all'altra dell'Europa, sono pronti a percorrere i 57 Km di fila ad una velocità di 100km/h?

Koblet69 10 mesi fa su tio
Risposta a vulpus
La velocità di 100km/h é quella massima prevista per i treni merci in buona parte della rete europea. Solo vagoni appositamente modificato con specifiche idonee posso circolare a velocità più alte(120-140 km/h vMax.

Evry 10 mesi fa su tio
Conseguenze delle manutenzioni... lacunose e mancati controlli dei vagoni di diverse proprietà che entrano in Svizzera senza controlli..... se si va in avanti cosi, non sarà l'ultima volta !!! Adottare misure molto più severe e controlli !

Hammer 10 mesi fa su tio
Sta di fatto che il tunnel ci è costato miliardi, non bruscolini. Qualcuno dovrà assumersi le PIENE RESPONSABILITÀ. Personalmente ci metterò il dovuto tempo per tornare ad avere fiducia nell'attraversarlo

Core_88 10 mesi fa su tio
Risposta a Hammer
Tu sei tutto scceemo

Teferzio 10 mesi fa su tio
Risposta a Hammer
sveglione, la causa é una ruota malfunzionante...c'é scritto nel titolo. Cosa centra il tunnel. Ringrazia che é deragliato li, se deragliava a causa di uno scambio vicino a un paesino o qualche campo sarebbero scappati i morti.

Mitomane 10 mesi fa su tio
Risposta a Hammer
Chiaramente andrà capito di chi fosse il vagone interessato dalla rottura. Poi a cascata le altre responsabilità. Si presume che il tunnel abbia poco o nulla a che fare, ma lo accerteranno. Ad esempio si dovrà capire se il meccanismo di scambio era sicuro o no. Da qui a condannare tutto il progetto ce ne passa. Del resto la strada è infinitamente più pericolosa.

adri57 10 mesi fa su tio
Oggi giorno, vi sono degli apparecchi che segnalano se vi sono dei problemi all’impianto frenante. Se questo avviso c’è stato, il treno andava fermato e controllato prima di entrare in galleria. Solo l’inchiesta stabilirà i fatti.

Rigel 10 mesi fa su tio
Risposta a adri57
Hai letto l'articolo? Il convoglio è stato controllato a Caro (quindi pochi minuti prima). Non sono state rilevate anomalie in quel momento.

centauro 10 mesi fa su tio
Risposta a adri57
Adri57, non è precisato che l'anomalia sia stata l'impianto frenante ma sembra la rottura di una ruota.

adri57 10 mesi fa su tio
Risposta a Rigel
Che non siano stati rilevati problemi lo dici tu non l’inchiesta!

Rigel 10 mesi fa su tio
Risposta a adri57
IL SISTEMA DI CONTROLLO NON HA SEGNALATO PROBLEMI è scritto sopra, nell'articolo. Ora, che l'inchiesta arrivi alla conclusione che il sistema non ha funzionato, è un altro paio di maniche. Da qualche parte qualcosa si è sicuramente inceppato. Però per come stanno i fatti fino a qui resi pubblici, non puoi affermare che "il treno andava fermato prima di entrare in galleria". È come dire che metto un sistema di sicurezza ma non mi fido di lui.

Rigel 10 mesi fa su tio
Ho 60 anni. 40 o 50 anni fa, quando le FFS funzionavano che era una meraviglia, io c'ero. Usavo spesso il treno e ho molti ricordi di quei tempi. Mi ricordo viaggi lunghissimi, mentre ora si arriva più in fretta. D'estate era un forno, ora quasi sempre c'è l'aria condizionata. I convogli erano rumorosi, ora manco lo senti arrivare il treno. 50 anni fa c'erano poche corse giornaliere per qualsiasi destinazione, ora ogni mezz'ora se non addirittura quarto d'ora abbiamo una corsa. Potrei proseguire... ah si, dico ancora una cosa: allora in Svizzera eravamo 6mio, ora superiamo i 10mio e ci muoviamo molto di più, e oggi ci sono molti km di binari in più di allora nonostante il territorio svizzero non sia diventato più grande, mi pare... Se mi guardo indietro non posso negare che e FFS si siano date da fare in tutti questi anni. A chi si lamenta a prescindere dico che siete dei viziati incompetenti. I trasporti pubblici sono senz'altro migliorabili e sono sicuro che chi di dovere (politici, tecnici ecc) stanno facendo quello che possono. Di questi tempi tutto cambia molto più in fretta di una volta perciò, per stare a passo con la tecnologia e con le pretese degli utenti, ci vogliono più cantieri che giocoforza causano disagi, ritardi, adattamenti. Non si può avere il panino e il soldino. Per capire tutto questo bisogna fare solo un minimo sforzo con la testa... È giusto dire la propria, reclamare e indignarsi. Ma solo se ce n'è motivo. Altrimenti, se non avete niente di costruttivo da dire, fate silenzio. E abbiate un po' i rispetto per chi lavora...

Hammer 10 mesi fa su tio
Risposta a Rigel
Sicuramente giusto avere rispetto per chi lavora. Io ci ho rimesso una parte di salute a causa dei menagèra. Ma bisogna considerare il fatto che il soldino si fa sempre più piccolo e il panino pure. E a pagare non sono certo quelli che al contrario si arricchiscono nel contempo sulle nostre spalle.

Rigel 10 mesi fa su tio
Risposta a Hammer
Se intendi che la nostra Società, in senso lato, distribuisce le ricchezze in modo arbitrario, sono d'accordo. Ma la discussione richiederebbe troppo tempo e non è questa la sede. Con il mio commento intendevo raggiungere chi critica tutto e tutti a prescindere senza usare minimamente il cervello. Prima di sputare sentenze, gente, informatevi da più fonti. Approfondite l'argomento. E quando avrete conoscenze a sufficienza per una critica costruttiva, solo allora, dite l vostra. Altrimenti tacete che fate una figura migliore.

Hammer 10 mesi fa su tio
Risposta a Rigel
Rigel, mi trovi assolutamente d'accordo. Spesso però mi parte l'embolo. Cerco sempre di esternarmi con cognizione di causa comunque...

Koblet69 10 mesi fa su tio
Stessa causa dell'incidente di Viareggio, rottura di una ruota di un carro proveniente dall'Europa dell'est dove i controlli sui carri merci lasciano a desiderare. Qui nn si sa ancora da dove proveniva il vagone, ma nn 'é certo un problema di infrastuttura

L HOST 10 mesi fa su tio
Come volevasi dimostrare. Le ruote dei merci hanno il vantaggio che non vanno ribandaggiate ma sostituite direttamente (spesso le ruote lasciano l officina sotto misura…). In questo caso chi sa quale particolare han tralasciato e per quali motivi.

Elisa_S 10 mesi fa su tio
Frase del giorno: "La capacità è sufficiente, ma non tutti possono trovare un posto a sedere". Definire "capacità" prego. Include una persona sopra l altra o sdraiata del vano porta bagagli ?

Rigel 10 mesi fa su tio
Risposta a Elisa_S
Ma bisogna proprio dirvi tutto? avete la prolunga così corta? Se dicono che non tutti trovano un posto a sedere, significa che devono restare n piedi. E prima di sentire un altro commento del genere: la capacità è quella che è, ad ognuno di decidere se rischiare di fare il viaggio in piedi, oppure rimanere a casa.

Elisa_S 10 mesi fa su tio
Risposta a Rigel
Messa a parte la questione sicurezza... Ma ride mai a battute o e perennemente con le p girate ? 😅🤣

Rigel 10 mesi fa su tio
Risposta a Elisa_S
Quando le battute fanno ridere, rido.

Rigel 10 mesi fa su tio
..

Paolin’ 10 mesi fa su tio
Ancora paranoia ovunque. Sì, c’è stato un incidente. Sì, sicuramente ci sarà un’inchiesta. No, i treni non erano più sicuri mezzo secolo fa. No, non è un complotto.

Hammer 10 mesi fa su tio
Risposta a Paolin’
nessun complotto, solo,si fa per dire, speculazione sulle pelle dei contribuenti... da vecchio esperto del traffico pubblico, mi permetto di non concedere credito a chi non ha la dovuta esperienza

Paolin’ 10 mesi fa su tio
Risposta a Hammer
Non è mia intenzione mettere in dubbio le competenze di chi (al contrario di me) è esperto nell’ambito. Quando qualcuno spara boiate su cose di cui io sono esperto mi fa imbestialire e lo capisco. È il contenuto paranoico di certi commenti, che critico. E comunque, « speculare » è uno dei motti di tutte le imprese private, comprese le FFS. Questo è solo per dire che non difendo le FFS, anzi!

Hammer 10 mesi fa su tio
personalmente, a volte mi capita di andare oltralpe e utilizzo volentieri il treno. purtroppo la mia fiducia nella tanto decantata sicurezza, ora è scesa ai minimi termini fino ad ancora non so quando. se dovessi per forza andare a Zurigo ad esempio, mando la fattura del volo alle FFS...

Core_88 10 mesi fa su tio
Risposta a Hammer
Cosa centrano le ffs con la rottura di una ruota di un vagone estero. Come incolpare ustra se un camion rumeno marcio perde una ruota

Blobloblo 10 mesi fa su tio
Risposta a Hammer
Mi raccomando, il prossimo incidente in autostrada smetti di usare la macchina però! Giusto per coerenza! Genio

Koblet69 10 mesi fa su tio
Risposta a Core_88
Esatto bravo

Hammer 10 mesi fa su tio
fatalità? niente scuse, qualcuno ha mancato seriamente a partire della progettazione e messa in opera dei controlli e servizi preposti. così si evidenzia e deduce nell'articolo. trasferimento degli EC e IC sui voli Lugano-Zurigo?

Core_88 10 mesi fa su tio
Risposta a Hammer
Mado l’ignoranza

Koblet69 10 mesi fa su tio
Risposta a Hammer
Se nn capisci nulla di ferrovia nn commentare!!!!!!

swisshornet11 10 mesi fa su tio
Soliti commenti dei tuttologhi, esperti con master anche in traffico ferroviario, preparazione treni merci e gestione di tutto ciò che ci ruota attorno 😣😠

Simulator 10 mesi fa su tio
Poco importa se era treno merci, se accadeva mentre transitava in treno passeggeri? Spero che aprono un inchiesta per capire se vengono fatte le adeguate manutenzioni….e chi sono i responsabili.

cle72 10 mesi fa su tio
Sono le cosiddette fatalità. Pf si trattava di un treno merci e non di un treno passeggeri. Sarebbe stata l'ennesima tragedia.

Hammer 10 mesi fa su tio
Risposta a cle72
se è andata bene, non è assolutamente un motivo per soprassedere e non indagare. a questo punto è più che evidente che i controlli e servizi preposti ha qualche "piccola carenza". trasferimento degli EC e IC via aerea? paura, senso e disperazione....costo zero, vero?

robinson 10 mesi fa su tio
Una volta nelle stazioni c’erano i Ferrovieri che passavano con una mazzuola e percuotevano le ruote di ogni vagone, se ce n’era una che non suonava giusto il treno non partiva …… Oggi le FFS con le loro nuove tecnologie hanno fatto un passo indietro .

Serfol 10 mesi fa su tio
Risposta a robinson
un passo indietro...?? ma per favore...

francox 10 mesi fa su tio
Risposta a robinson
Controllavano se i ceppi dei freni erano staccati dalla ruota...

swisshornet11 10 mesi fa su tio
Risposta a robinson
Una volta per valicare il San Gottardo si prendeva la diligenza trainata da cavalli a Flūelen e si arrivava a Camerlata (Como) dopo 24 ore di viaggio...

Teferzio 10 mesi fa su tio
Risposta a robinson
un mito sei. Qualsiasi cittadino senza nessuna base di statistica può aprire admin.ch, inserire la ricerca "Incidenti dei trasporti" e osservare i grafici riassuntivi che mostrano un trend calante e un rischio attuale di decesso e incidente ferroviario irrisorio rispetto al passato. Ma tu devi tirar fuori la mazzuola e il suono delle ruote, geniale. Proprio 0 rispetto per chi 60/70 anni fa moriva proprio a causa della mancanza dei sistemi di sicurezza attuali. La beffa sui morti e le famiglie ahah, la mazzuola!

Gus 10 mesi fa su tio
Risposta a Serfol
Le FFS sono andate indietro del tutto!

Tirasass 10 mesi fa su tio
Risposta a Gus
Il traffico ferroviario non è più quello della mitologia degli anni '70. Oggi è intensissimo x frequenza e coincidenze, con merci di tutti i tipi. La gente se lo dimentica e si lagna x 10 min di ritardo. Lamentiamoci x cose serie tipo che a certi orari non c è mai posto a sufficienza oppure che certe coincidenze saltano troppo spesso. Oppure prendere in condiderazione che siamo più vicini in certi orari ad un traffico da città e che quindi potremmo parlare di utenza tipo metropolitana e che si sta in piedi.... le cose cambiano, capisco chi non è contento e che gli anziani, ad esempio, fanno fatica con questo sistemaa coincidenze strette, tipo 4 min...
NOTIZIE PIÙ LETTE