Immobili
Veicoli
La Federazione dei sordi mette in guardia dai truffatori

CANTONELa Federazione dei sordi mette in guardia dai truffatori

27.06.22 - 10:08
L'appello pubblico alla vigilia delle vacanze estive affinché si possano riconoscere gli approfittatori
Federazione svizzera dei sordi
La Federazione dei sordi mette in guardia dai truffatori
L'appello pubblico alla vigilia delle vacanze estive affinché si possano riconoscere gli approfittatori
L'organizzazione: «Con il pretesto di firmare una petizione, presumibilmente per una buona causa, queste persone chiedono poi offerte in denaro che non arriveranno mai»

LUGANO - Si aggirano nei luoghi pubblici, autobus, negozi. Ti avvicinano con la scusa di farti firmare una petizione e poi cercano di chiederti del denaro. A lanciare l’allarme su questo genere di truffa è la Federazione svizzera dei sordi in un comunicato stampa.

L’organizzazione, come da consuetudine, vuole avvertire la popolazione sul fenomeno dei finti sordi e ci tiene a ricordare come essa segua delle regole rigide nell’ambito della raccolta fondi. «Le persone sorde non chiedono l’elemosina per strada, ma lottano per essere incluse nella società, e di poter beneficiare dell’istruzione e del lavoro come qualsiasi altro cittadino svizzero», si legge nel comunicato. Il logo della Federazione, certificata ZEWO, è ben visibile sugli abiti del personale - che dispone anche di tessere di riconoscimento presentabili su richiesta - e sugli stand delle sue iniziative. Inoltre, i membri non raccolgono firme e non chiedono denaro in contante nel corso delle campagne.

Chiunque venga avvicinato o veda un falso sordo in azione, è pregato di segnalare il fatto alla Polizia.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO