Immobili
Veicoli
Un altro anno all'insegna dei treni puntuali, anche in Ticino
20min/Marvin Ancian
CANTONE / SVIZZERA
20.01.2022 - 11:230
Aggiornamento : 13:58

Un altro anno all'insegna dei treni puntuali, anche in Ticino

Nel 2021 il 91,9% dei convogli è arrivato in orario. È il secondo miglior risultato della storia (dopo quello del 2020)

In entrambi gli anni, l'aumento della puntualità è da ricondurre anche al minor numero di viaggiatori a causa della pandemia

BELLINZONA / BERNA - Lo scorso anno il 91,9% dei treni del traffico viaggiatori è arrivato a destinazione puntuale, ossia con meno di tre minuti di ritardo, come previsto dagli standard FFS. La puntualità dei treni ha così notevolmente superato l'obiettivo del 90,5%.

Per la clientela, questo ha determinato una puntualità di coincidenza importante: il 98,9% dei viaggiatori è riuscito a effettuare il cambio previsto, portando il valore finale leggermente al di sopra dell'obiettivo del 98,8%.

Per l'ex regia federale, quello del 2021 è il secondo miglior risultato della storia. È andata meglio soltanto nel 2020, quando però il numero di viaggiatori era estremamente basso a seguito dello scoppio dell'emergenza sanitaria.

A livello regionale, anche in Ticino la puntualità ha raggiunto (e superato, seppure di poco) l'obiettivo fissato dalle FFS. Il valore si situa comunque sotto la media nazionale. Nel nostro cantone, la percentuale dei treni arrivati in orario è infatti del 90,7% (un risultato che è migliorato dello 0,7% rispetto all'anno precedente). Se si considerano soltanto i treni a lunga percorrenza, la percentuale è del 90,6% (-1,2%), mentre per quelli regionali è del 90,7% (+1,4%).

In generale, il risultato positivo del 2021 è da ricondurre - spiegano le FFS - a una migliore pianificazione dei cantieri e a una distribuzione più uniforme dei lavori durante l'anno. Si sono inoltre verificati meno malfunzionamento degli impianti e del materiale rotabile. Un altro elemento che ha alleggerito il sistema ferroviario è stato il ridotto numero di viaggiatori, a seguito della pandemia che ha continuato a imperversare.

I ritardi non sono comunque mancati. Spesso a causa di grandi lavori di costruzione o a riserve insufficienti nell'orario. E si parla anche della carenza di macchinisti.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-25 22:17:51 | 91.208.130.89