Immobili
Veicoli
PSE sì o no? A Lugano i dubbiosi non mancano

LUGANOPSE sì o no? A Lugano i dubbiosi non mancano

15.11.21 - 06:00
Lo stadio è il benvenuto, palazzi e cemento extra invece non convincono
Davide Giordano
PSE sì o no? A Lugano i dubbiosi non mancano
Lo stadio è il benvenuto, palazzi e cemento extra invece non convincono
Disagi, speculazioni e... tasse alimentano il partito del no.

LUGANO - PSE sì o PSE no? Il 28 novembre prossimo Lugano saprà se avrà ottenuto il permesso di rifare il look a Cornaredo o se il tanto chiacchierato progetto finirà nel cestino.

Il referendum è vicino e molti degli aventi diritto al voto hanno già scelto da che parte stare. Qual è questa parte? Al momento, tra sondaggi, voci raccolte per strada, opinioni e pareri di chi vive o meno lo sport il “Sì” sembra prevalere, anche se parecchi continuano a mostrar dubbi. Non tanto sulla necessità di dotarsi di strutture sportive all’avanguardia - ritenute unanimemente indispensabili per una città che guarda al futuro e vuole farsi bella - quanto piuttosto sul “contorno”.

A far storcere il naso a tanti votanti sono i palazzi e il cemento extra. Faranno crescere traffico e disagi? Acuiranno il già noto problema dello sfitto? E poi, ancora, c’è l’aspetto economico: il polo causerà un aumento delle tasse? Strizzato insomma l’occhio allo sport, molti luganesi faticano a digerire quella che ritengono pura speculazione, puro business. Modernità a pagamento o immobilismo gratuito? La scelta è semplicemente questa.

COMMENTI
 
vulpus 1 anno fa su tio
Oramai il ricatto per lo sport è oramai evidente. Dal punto di vista finanziario , per gli investitori privati è una manna: hanno terreni a disposizione per costruire e attirare i residenti della città, spostando il polo a est, e oltretutto rifatturano ai cittadini che a loro fanno le concessioni. Lo sport? È una vergogna che la politica si faccia scudo della prima squadra di calcio del FCL per agevolare speculazioni private. Purtroppo le conseguenze le pagheranno i cittadini, con le imposte le tasse i disagi di traffico e inquinamento ambientale. Se veramente la città voleva affrontare l'adeguamento delle strutture sportive, poteva sicuramente affrontare il problema senza lanciarsi in un progetto megalomane che la lega mani e piedi per 90 anni. E pure vergognoso, se in effetti non esiste un piano B. Di fronte ad un tale impegno era più che giudizioso preparare una alternativa. Fatto sicuramente possibile , senza trascendere, se il progetto verrà rigettato, contenendo tempistiche e costi. Basta volerlo. Troppi fatti si stanno stagliando dietro a questa operazione: la scesa in campo di tanti immobiliaristi nostrani e non, a favore di questo progetto è significativo. E non da ultimo la vecchia presidenza del calcio cittadino non è estranea al tutto.
F/A-19 1 anno fa su tio
Ma ci mancherebbe, Renzetti sta piazzando centinaia di appartamenti in zona, Loi insieme alla sua combriccola hanno allungato le mani già da anni, anche il gruppo che dovrebbe costruire il centro sportivo in via Brentani sta edificando centinaia di appartamenti tirando il collo in modo indecente a molti artigiani, tra l’altro il progettista e direttore lavori indovinate chi è? Mi viene quasi da ridere....., Artisa poi da grande volpone non ha voluto essere da meno, un’altro che dice di voler bene alla città di Lugano! E poi c’è tutta la pletora attaccata a questi promotori, un bel gruppo di personaggi, non c’è che dire, i politici poi appoggiano e incitano a tutto questo, avranno sicuramente qualcosa da guadagnare anche loro. Nano Bignasca era contrario al maracana’ mentre i finti leghisti di adesso sono a favore, chissà perché? Speriamo che il cittadino comune si rechi alle urne perché tra i favorevoli nessuno mancherà l’appuntamento, speriamo che il povero cittadino laborioso ed onesto faccia uno sforzo e vada a dire la sua.
F/A-19 1 anno fa su tio
Io posso dire che ho eseguito lavori in passato allo stadio e senza entrare nei particolari per prendermi quelle poche migliaia di franchi ho dovuto combattere per più di un’anno.
ISO 37001 1 anno fa su tio
Strano che molti di quelli che adesso fanno campagna "per lo sport", fino a ora dello sport non si sono mai preoccupati. Strano che se lo sport è così importante, con questo PSE a Cornaredo ci sarà meno superficie dedicata allo sport che adesso. Strano che abbiano tanti soldi per la loro campagna pubblicitaria a tappeto (anche questa con un partenariato pubblico-privato?), ma non per sistemare docce e spogliatoi già adesso.
F/A-19 1 anno fa su tio
Stanno mettendo una valanga di soldi per promuovere i palazzi i speculativi, mi chiedo dove vanno a prenderli, sono soldi dei cittadini di Lugano oppure sono i soldi di chi poi è sicuro che si becca i lavori? Potrebbero chiarire almeno questo? Qualcuno può dire dove vanno a prendere quelle decine di migliaia di franchi per pubblicizzarsi e poi vien da chiedere se è legale fare una pubblicità così sfrenata per un’oggetto pubblico.
Topino 1 anno fa su tio
Sei un po’ prevenuto, io scritto per il PSE e palazzi.. Comunque viva la democrazia, il popolo deciderà.
F/A-19 1 anno fa su tio
Ma a te sembra normale che per un’opera pubblica si investano molti soldi a favore e televisioni, social e giornali spingono di brutto a favore del centro sportivo ed abitativo speculativo? Ma siamo seri, sulla bilancia vanno messi con la stessa enfasi pro e contro, poi come dici bene, il popolo deciderà.
Topino 1 anno fa su tio
Concordo con te. Nel mii messaggio precedente ho dimenticato io AVREI scritto ..
Moro 1 anno fa su tio
A tutti, vaccinati, guariti, testati e non vaccinati, ci riguarda tutti! Non importa quale sia lo status dell'individuo. Coloro che a novembre diranno "sì" alla legge Covid in Svizzera forse non hanno capito qual è la vera posta in gioco! Penso che la maggior parte di essi non siano consapevoli e non sappiano davvero a cosa dovrebbero dire di sì. Si fidano ciecamente delle dichiarazioni di "20 Minuten" e "SRF" che sono veicolate dal governo. Quindi qual è la cosa fondamentale di questa legge a cui dovete pensare prima di votare. *- Secondo l'articolo 1, il Consiglio federale può prendere decisioni in casi urgenti fino alla fine del 2031 senza informare i parlamenti*. *- Secondo l'art. 9, il Consiglio federale può intervenire nella legislazione in materia di esecuzione e fallimento e quindi limitare i diritti di proprietà*. *- Il Consiglio federale può decidere arbitrariamente e da solo sulle restrizioni della vita economica e sociale fino alla FINE del 2031*. *- La discriminazione e la sorveglianza di massa sono sancite dall'art. 3. La ricerca di contatti, le soglie, il programma di vaccinazione, gli ordini di quarantena, i test sono legalmente ordinati dal Consiglio federale*. *- L'introduzione del certificato Covid nell'art. 6a permette la restrizione e la sorveglianza dei cittadini su base permanente. Tutto questo non può essere approvato, nessuno può approvare che i nostri diritti fondamentali vengano tolti agli svizzeri in questo modo? E questo non ha niente a che vedere con il fatto che uno sia un sostenitore della vaccinazione, un oppositore della vaccinazione, un sostenitore di Corona o un critico. Si tratta di limitazioni palesi dei nostri diritti fondamentali che ci faranno perdere la nostra libertà in futuro. Qualsiasi cosa che non sia un *NO* a questa legge permetterà alla nostra tanto decantata democrazia di vacillare! La libertà è un valore grande e comporta delle responsabilità. Alziamo la testa, guardiamo il cielo e votiamo NO alle pastoie che ci vogliono imporre per il nostro bene. Un grande grazie a tutti voi.
Alexch67 1 anno fa su tio
Ma quelli che ancora la remenano col moltiplicatore ?? E' stato calcolato che al massimo ci costerà 100 franchi all'anno ... SCIA DAI .... cerchiamo di non essere ridicoli ... col LAC nessuno ha detto nulla e l'ha pagato INTERAMENTE il Comune ! SI AL PSE !!!
Topino 1 anno fa su tio
Fosse solo per il moltiplicatore, nel volantino di oggi ci sono tante di quelle inesattezze che oramai quasi più nessuno ci crede. Hanno toccato il fondo!
F/A-19 1 anno fa su tio
3% di moltiplicatore sarà 100 franchi x te, per chi conta a livello finanziario è sufficiente x levare i tacchi ed emigrare altrove, tè capii?
Topino 1 anno fa su tio
Quando sento le motivazioni dei contrari mi cascano le braccia per non dire altro. Oggi altro volantino nella bucalettere; ma che la smettono di rompere con affermazioni non vere e si mettano il cuore in pace. Il polo si farà alla faccia di questi affossatori di un bel progetto che riqualifica tutta la zona.
F/A-19 1 anno fa su tio
Strada a 4 corsie, traffico fermo e congestionato più di adesso che già è un disastro, campi da calcio per i nostri giovani delocalizzati, in quella valle della stampa tra polvere e rumore infernale, ulteriori palazzi speculativi, maggiori tasse per tutti assicurate, svuotamento del centro di Lugano. Ci vuole altro per capire che la città ha bisogno di un nuovo stadio, bene fatelo e non rompete le scatole, tutto il resto è pura speculazione e guadagni per i soliti noti.
Mattiatr 1 anno fa su tio
Non vedo l'ora che votiate su sto dannato polo sportivo. Ogni volta che a Lugano succede qualsiasi cosa si scatena il pandemonio cantonale. Così i Luganesi, in particolar maniera i politici, si convincono che il cantone sia la città, centro del mondo. È stato fatto un affare di stato per un paio di campi di calcio e una qualche palestra. Negli altri comuni ci si lamenta sempre di ogni infrastruttura nuova, poi però si fatto e tutti felici, invece a Lugano vi mettete i bastoni fra le ruote in continuazione per poi piangere in cantone per le vostre mancanze (questo in riferimento particolarmente ai politici).
NOTIZIE PIÙ LETTE