«Dottori rubati agli altri Paesi, è ora di finirla»
Depositphotos/ Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
43 min
Ticinesi pazzi per la sella: «Ne vendiamo tre tonnellate al mese»
La sella di capriolo è uno dei piatti maggiormente in voga in questo periodo dell’anno. E i numeri lo confermano.
TENERO
2 ore
In spiaggia anche in inverno
Ripartire da una disavventura? Capita al bagno pubblico, colpito pesantemente dal maltempo lo scorso luglio.
BELLINZONA
4 ore
Settimana bianca: «Decide il Municipio, non i direttori»
Il Municipio precisa di non aver ancora preso alcuna decisione: «Valutiamo decine di misure sul Preventivo 2022».
LUGANO
4 ore
Tassisti aggrediti dal branco
Un pestaggio è avvenuto sabato notte in Via Pretorio: due persone sono rimaste lievemente ferite.
CADEMARIO
5 ore
Anche Cademario vuole aggregarsi
Il Municipio ha scritto una lettera a Bellinzona per comunicare il proprio desiderio di aderire al progetto.
MENDRISIO
6 ore
Colpo di scena: Ligornetto riapre al traffico in transito
La misura non potrà essere attuata, fintanto che il TF non si sarà espresso sull'effetto sospensivo richiesto da Stabio
CANTONE
6 ore
Altri milioni per combattere il Covid-19
Luce verde al contributo straordinario di 3.5 milioni per il mantenimento in prontezza del dispositivo ospedaliero.
LOCARNO
7 ore
Un nuovo futuro per il Grand Hotel Locarno
L'edificio costruito fra il 1874 e il 1876 diverrà una moderna struttura alberghiera.
VERZASCA
7 ore
Prima di svuotare la diga, via tutti i limiti di pesca
L'esercizio della pesca è possibile da subito senza un numero massimo di catture né misure minime.
LOCARNO
7 ore
Un negozio Lidl a Locarno
La filiale apre i battenti domani in via Vallemaggia
CANTONE
8 ore
«La sussidiarietà per spendere “meno e meglio”»
Il gruppo UDC in Parlamento ha depositato un'iniziativa elaborata per modificare la legge sui sussidi cantonali
CANTONE
13.10.2021 - 18:380
Aggiornamento : 20:40

«Dottori rubati agli altri Paesi, è ora di finirla»

Mancheranno sempre più professionisti nella Svizzera italiana. Se ne è discusso su Piazza Ticino. Guarda il video.

Ospiti Franco Denti, presidente dell'Ordine dei medici ticinesi, e Marina Carobbio, consigliera agli Stati e medico.

LUGANO - Nella Svizzera italiana nel prossimo decennio potrebbe esserci una grossa carenza di medici. Soprattutto di famiglia. A ribadirlo è Franco Denti, presidente dell'Ordine dei medici ticinesi. Ospite su Piazza Ticino con Marina Carobbio, consigliera agli Stati oltre che dottoressa, Denti è stato esplicito: «I nostri dottori sono sempre più anziani. Sui circa 1000 medici attivi in Ticino, 332 hanno tra i 56 e i 65 anni, 106 tra i 66 e i 74 anni, 49 oltre i 75 anni. Mentre sotto i 45 anni abbiamo solo 145 medici. Aumentano, inoltre, le donne medico, che spesso lavorano a tempo parziale».

«Sistema di accesso agli studi inadeguato» – Il tema è di strettissima attualità anche considerando i recenti dati diramati dall'Ufficio federale di statistica: la crescita del numero di medici in Svizzera sta rallentando bruscamente. Senza contare gli effetti della pandemia, con molti professionisti che hanno deciso di abbandonare la professione. Marina Carobbio, che aveva depositato, invano, una mozione a Berna per abbattere il numero chiuso nelle facoltà di medicina, insiste: «Il Consiglio federale sosteneva che erano già stati fatti investimenti in passato. Ma non sono sufficienti. Bisogna portare avanti una politica per formare più medici. Anche il sistema di accesso agli studi di medicina non è più adeguato, gli esami non definiscono se una persona è veramente adatta a fare quel tipo di mestiere. Ci sono candidati esclusi che sarebbero davvero in gamba come medici».

Ora paghiamo anche quei decenni di blocco – È soprattutto il medico di famiglia a mancare. Un ruolo che col passare dei decenni ha perso sempre più prestigio. «È una professione di sacrificio con una remunerazione ridotta rispetto agli specialisti – spiega Denti –. Paghiamo anche le conseguenze dei decenni di blocco per l'apertura di nuovi studi medici. I dottori restavano negli ospedali o si specializzavano. E questo ha sottratto forze nuove alla medicina sul territorio. I medici sono inoltre confrontati con troppa burocrazia. Questo sottrae tempo al paziente e genera frustrazione». 

Il lato positivo della medaglia – In Ticino ci sono comunque lati positivi da considerare. Denti li illustra: «Abbiamo investito sulla facoltà di scienze biomediche dell'USI, sul master in medicina e sul progetto che permette la formazione di un medico assistente in uno studio privato. Sono risposte che comunque non bastano».

Le responsabilità della politica – Il sovraccarico pandemico preoccupa Carobbio. «La pandemia – ammette – ha reso evidente la necessità di formare più medici. La sanità è un servizio pubblico che garantisce cure alla popolazione. La politica ha una forte responsabilità. Ne è cosciente, ma non vara ulteriori decisioni accanto a quelle sancite in passato. Bisogna garantire maggiormente l'accesso alla formazione. Altrimenti dipenderemo sempre più spesso da medici che provengono da altre nazioni».

Una questione etica – «È un problema di costi – replica Denti –. Formare un medico costa tra i 300 e i 500.000 franchi. Soldi che arrivano da Cantoni e Confederazione. Il dramma è che questo ragionamento blocca ogni ipotesi di abolizione del numero chiuso. Bisogna chiedersi quanto sia etico continuare a ricorrere a medici che provengono dall'estero. Ci sono Paesi che investono per formare i loro medici. E c'è chi glieli porta via».   

CLICCA QUI PER VEDERE LA DOPPIA INTERVISTA

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 21:17:54 | 91.208.130.85