Immobili
Veicoli
«Dottori rubati agli altri Paesi, è ora di finirla»
Depositphotos/ Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
AVEGNO GORDEVIO
10 ore
Perizia psichiatrica per il sospetto matricida
Il 21enne che dovrà rispondere del reato di assassinio è attualmente incarcerato alla Farera.
FOTO
CAPRIASCA
11 ore
L'altalena panoramica non c'è più
L'atto di vandalismo sarebbe stato commesso con una motosega.
CANTONE
12 ore
Gratis è meglio
Solo il 3% dei campioni d'acqua corrente analizzati dal Laboratorio cantonale nel 2021 presentavano delle lacune.
CANTONE
14 ore
Inquinamento, incendi ed esplosioni: una settimana di catastrofi
Sono stati svelati oggi i dettagli dell'operazione Odescalchi 2022, che scatterà il 13 giugno.
TICINO
14 ore
Sposarsi con l'ambiente: arriva il Festival della Natura
Biodiversità e riscoperta del verde al centro della nuova edizione che avrà luogo dal 18 al 22 maggio.
CANTONE
14 ore
Bignasca e Aldi lasciano TiSin
La novità è apparsa sul Foglio Ufficiale. No comment dal sindacato
LAVIZZARA
15 ore
Si è spento Giorgio Vedova
Addio a un uomo speciale. Con la sua azienda aveva dato lavoro a tanti ticinesi.
CANTONE
16 ore
Altri 35'000 posti a sedere per Ascensione e Pentecoste
Nei due weekend sono previsti venticinque treni speciali da e per il Ticino
FOTO
CANTONE
17 ore
Altro passo verso una (eventuale) aggregazione del Basso Mendrisiotto
Il consigliere di Stato ha incontrato gli Esecutivi di Balerna, Breggia, Chiasso, Morbio Inferiore, Novazzano e Vacallo.
VALMARA
18 ore
Daniele Maffei lascia il Municipio
L'ex sindaco di Melano ambiva al sindacato del neonato comune di Valmara. Ma è stato superato da Jean-Claude Binaghi
CANTONE
18 ore
Il Passo del San Gottardo riapre venerdì
Dal prossimo 20 maggio alle 16 lo si potrà nuovamente percorrere in alternativa alla galleria autostradale
CANTONE
13.10.2021 - 18:380
Aggiornamento : 20:40

«Dottori rubati agli altri Paesi, è ora di finirla»

Mancheranno sempre più professionisti nella Svizzera italiana. Se ne è discusso su Piazza Ticino. Guarda il video.

Ospiti Franco Denti, presidente dell'Ordine dei medici ticinesi, e Marina Carobbio, consigliera agli Stati e medico.

LUGANO - Nella Svizzera italiana nel prossimo decennio potrebbe esserci una grossa carenza di medici. Soprattutto di famiglia. A ribadirlo è Franco Denti, presidente dell'Ordine dei medici ticinesi. Ospite su Piazza Ticino con Marina Carobbio, consigliera agli Stati oltre che dottoressa, Denti è stato esplicito: «I nostri dottori sono sempre più anziani. Sui circa 1000 medici attivi in Ticino, 332 hanno tra i 56 e i 65 anni, 106 tra i 66 e i 74 anni, 49 oltre i 75 anni. Mentre sotto i 45 anni abbiamo solo 145 medici. Aumentano, inoltre, le donne medico, che spesso lavorano a tempo parziale».

«Sistema di accesso agli studi inadeguato» – Il tema è di strettissima attualità anche considerando i recenti dati diramati dall'Ufficio federale di statistica: la crescita del numero di medici in Svizzera sta rallentando bruscamente. Senza contare gli effetti della pandemia, con molti professionisti che hanno deciso di abbandonare la professione. Marina Carobbio, che aveva depositato, invano, una mozione a Berna per abbattere il numero chiuso nelle facoltà di medicina, insiste: «Il Consiglio federale sosteneva che erano già stati fatti investimenti in passato. Ma non sono sufficienti. Bisogna portare avanti una politica per formare più medici. Anche il sistema di accesso agli studi di medicina non è più adeguato, gli esami non definiscono se una persona è veramente adatta a fare quel tipo di mestiere. Ci sono candidati esclusi che sarebbero davvero in gamba come medici».

Ora paghiamo anche quei decenni di blocco – È soprattutto il medico di famiglia a mancare. Un ruolo che col passare dei decenni ha perso sempre più prestigio. «È una professione di sacrificio con una remunerazione ridotta rispetto agli specialisti – spiega Denti –. Paghiamo anche le conseguenze dei decenni di blocco per l'apertura di nuovi studi medici. I dottori restavano negli ospedali o si specializzavano. E questo ha sottratto forze nuove alla medicina sul territorio. I medici sono inoltre confrontati con troppa burocrazia. Questo sottrae tempo al paziente e genera frustrazione». 

Il lato positivo della medaglia – In Ticino ci sono comunque lati positivi da considerare. Denti li illustra: «Abbiamo investito sulla facoltà di scienze biomediche dell'USI, sul master in medicina e sul progetto che permette la formazione di un medico assistente in uno studio privato. Sono risposte che comunque non bastano».

Le responsabilità della politica – Il sovraccarico pandemico preoccupa Carobbio. «La pandemia – ammette – ha reso evidente la necessità di formare più medici. La sanità è un servizio pubblico che garantisce cure alla popolazione. La politica ha una forte responsabilità. Ne è cosciente, ma non vara ulteriori decisioni accanto a quelle sancite in passato. Bisogna garantire maggiormente l'accesso alla formazione. Altrimenti dipenderemo sempre più spesso da medici che provengono da altre nazioni».

Una questione etica – «È un problema di costi – replica Denti –. Formare un medico costa tra i 300 e i 500.000 franchi. Soldi che arrivano da Cantoni e Confederazione. Il dramma è che questo ragionamento blocca ogni ipotesi di abolizione del numero chiuso. Bisogna chiedersi quanto sia etico continuare a ricorrere a medici che provengono dall'estero. Ci sono Paesi che investono per formare i loro medici. E c'è chi glieli porta via».   

CLICCA QUI PER VEDERE LA DOPPIA INTERVISTA

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-18 06:11:38 | 91.208.130.87