Immobili
Veicoli
Frapolli: «Non faccio più lo sponsor ai club locali. Gli altri avranno gli sconti»
Tipress
Giovanni Frapolli
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
40 min
La moglie faceva il palo, lui contrabbandava prosciutti
Il Tribunale amministrativo federale ha fornito nuovi dettagli sul modo di agire di un contrabbandiere fermato nel 2017.
MASSAGNO
1 ora
È arrivata l'app che ti aiuta a fare la differenziata
L'applicazione riconosce il prodotto e indica all'utente come smistarlo.
CANTONE
2 ore
Meno positivi, ma quattro i decessi
I nuovi positivi sono poco più di mille. Cala anche il numero dei ricoveri, ma non nelle terapie intensive.
CANTONE
2 ore
Una serata (online) per diventare soccorritori volontari
Tre Valli Soccorso è alla ricerca di persone pronte a mettersi a disposizione per una nobile causa.
CANTONE
2 ore
Ecco come imparare a studiare
Torna il corso della Pro Juventute. Ci sono ancora alcuni posti liberi
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Il Tavolino Magico torna a pieno regime
Dopo un 2020 complicato, l'anno scorso l'associazione ha salvato e distribuito 5'182 tonnellate di cibo in Svizzera.
CANTONE
4 ore
«Si controlli l'effettivo pluralismo dei media»
Una mozione dei comunisti chiede al Cantone di monitorare annualmente TV, radio e le testate giornalistiche ticinesi.
CANTONE
4 ore
Stipendio dimezzato: «Siamo sommersi dai debiti»
Basta un licenziamento, e una famiglia può finire al limite dell'auto-fallimento. Il caso di una coppia del Luganese
LOCARNO
5 ore
«Il test rapido ci stava regalando una falsa certezza»
Sempre più dubbi su come si va a caccia del Covid. Il caso di una coppia negativa al primo esame, positiva col PCR.
FAIDO
12 ore
Fumo dal veicolo sulla strada cantonale a Lavorgo
Il conducente si è fermato e ha subito azionato l'estintore
GAMBAROGNO
19 ore
Cade da un muro e finisce all'ospedale
È accaduto a un operaio che stava lavorando in un giardino privato di Caviano.
CANTONE
20 ore
Sostegno alla cultura, accordi rinnovati tra Cantone e Comuni
Sono sei gli accordi sottoscritti per un totale di 1'599'000 franchi all'anno.
BOSCO GURIN
12.10.2021 - 18:160
Aggiornamento : 13.10.2021 - 09:28

Frapolli: «Non faccio più lo sponsor ai club locali. Gli altri avranno gli sconti»

Malumore tra i sodalizi di valle che negli anni passati ottenevano prezzi di favore e c'è chi guarda altrove

Il patron degli impianti sciistici ribatte: «Si sono alleati con le persone sbagliate. Pretendono solo e non vedo dei risultati»

BOSCO GURIN - Dopo il tormentone primaverile con il patriziato proprietario dei terreni, a valanga il problema si sposta ora sulle piste e sugli impianti già provati dal tiramolla “mollo-proseguo” da parte del gestore Giovanni Frapolli. «Non faccio più lo sponsor alle società locali che pretendono solo. Si sono "alleati" con le persone sbagliate» è l'ultima, velenosa, manche dello slalom che vede impegnato il patron di Bosco Gurin.

Le stagionali aumentano, le giornaliere no - A far storcere il naso è il rincaro degli abbonamenti stagionali in vista dell’imminente stagione bianca. Non ci riferiamo alle giornaliere che invece restano immutate. Le stagionali invernali per adulti passano invece dai 740 franchi (stagione 2020/21) a 850 franchi (2021/22). Non sono risparmiate le altre fasce d’età: bambini da 350 franchi (2020/21) a 400; giovani da 500 a 560; studenti e AVS da 560 a 670. La giornaliera, va detto, è l'opzione più gettonata dai frequentatori di Bosco.

Il fronte degli scont...entati - Il mal di pancia maggiore si registra tra i club locali, che finora riuscivano a concordare tariffe più basse proprio sulle stagionali. Tariffe stagionali che nel 2020/21 sono state, ad esempio, per un club pari a 175 franchi per bambino; 235 franchi (giovani); 280 (studenti/Avs); 350 franchi (adulti); 530 (famiglie monoparentali) e 665 franchi (famiglia). «Giovanni Frapolli non fa sconti» si lamenta il membro di comitato di uno dei sodalizi scontenti: «Se non cambia idea, il problema si pone, ma è casa sua e comanda lui». Il malumore è comunque diffuso: tra gli scontenti, con il rischio di dimenticare qualcuno, possiamo citare lo Sci club Bosco Gurin, la Scuola svizzera di sci Bosco Gurin, il Maggiore Ski team (che comprende anche il team gare dello Sci club Losone), nonché diversi Comuni della Vallemaggia che a Bosco qualche franco negli anni lo hanno lasciato.

La trattativa oggi sfumata - Tra i sodalizi c'è poca voglia di portare allo scoperto la vicenda, anche se uno dei club citati ha già inviato una comunicazione alle famiglie dei tesserati annunciando la decisione di «non promuovere l’acquisto delle stagionali a Bosco Gurin». Una decisione, si sottolinea, «difficile e sofferta», perché «Bosco Gurin è la stazione di riferimento ed è per tutti noi un po’ come essere “a casa”. Purtroppo, oltre alle condizioni economiche non favorevoli (in particolar modo per le famiglie), negli ultimi anni gli sforzi del comitato per ottenere delle giuste condizioni, sono diventati eccessivi». La rinuncia alla stagionale è una via sofferta, ma che il sodalizio in questione si prepara a battere: «Non è nostra intenzione di abbandonare definitivamente la stazione di Bosco Gurin, ma di vivere una stagione di transizione...». In altre parole, anche se le opportunità in Ticino sono limitate, si valutano altre piste sul breve: «Non mancheranno sicuramente alcune uscite a Bosco, augurandoci di poter raggiungere un buon accordo che ci permetterà di tornare con regolarità nella stagione 2021/22».

La replica del patron - Malumore che giriamo allo stesso Giovanni Frapolli: «Non faccio più lo sponsor alle società locali che pretendono solo e io non vedo dei risultati. Si sono "alleati" con le persone sbagliate e sono contrari allo sviluppo di Bosco Gurin. Non rispettano chi investe lassù. Pertanto non è che li voglia penalizzare qualcuno, ma non li sponsorizzo più. Dico di più per l'anno prossimo ho già altri che verranno al loro posto. Se non capiscono, il messaggio mi pare chiaro». E gli altri sci club o gruppi del Cantone (ricordiamo, ad esempio, che il comune di Balerna possiede una colonia per la stagione bianca degli allievi) che trattamento devono attendersi? «Ad uno sci club del Luganese, per dire, continuerò a fare gli sconti del passato». Quanto alle tariffe destinate al grande pubblico Frapolli sottolinea che «le giornalieri non sono state toccate». Le stagionali sì,  «ma erano basse e quando si fa una promozione si deve vedere il ritorno. E io ho visto che tra chi aveva le stagionali - una trentina, gli scontenti oggi, non tremila persone - sciava una quarantina di volte e dopo la dodicesima giornata, per loro, la tariffa ormai era già pagata. Non faccio più da sponsor».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-18 12:41:16 | 91.208.130.86