Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CURIO
12 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
12 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
12 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
13 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
GIORNICO
14 ore
Tre nuovi volti nel PLR di Giornico
I nuovi membri sono Elena Traversi, Sara Capri e Andrea Norghauer, diventato pure presidente.
CANTONE
15 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
16 ore
«Per un salario minimo sociale»
Il Partito socialista ha lanciato un'iniziativa popolare atta a garantire «almeno 21,50 franchi all'ora».
LUGANO
17 ore
Al Moncucchetto c'è «Buona Cucina»
Il ristorante di Lugano ha ricevuto il premio assegnato dall'Accademia italiana della Cucina.
CANTONE
18 ore
Rally del Ticino: «È ora di dire basta»
Un'interrogazione dei Verdi chiede lumi sulla compatibilità con gli impegni presi per la protezione del clima.
CANTONE
18 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
20 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
22 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
CANTONE
27.08.2021 - 18:230
Aggiornamento : 28.08.2021 - 10:23

Il deputato: «Ho una bella targa, ma acquistata regolarmente»

Numeri particolari, basta poco per generare il sospetto, soprattutto se il conducente è un politico.

Non aiuta la ricerca il fatto che nel motore di ricerca del Cantone le targhe che non portano al nome del proprietario sono circa il 30 per cento: «Sono 70mila - spiega Aldo Barboni della Circolazione -. Ma non chiamatele targhe protette, è solo un blocco della comunicazione dei dati personali».

BELLINZONA - Caccia alla magnifica dozzina. Da quando è emerso il caso delle targhe con cifre particolari vendute sottobanco dall’ex funzionario del Servizio immatricolazione, è iniziata la ricerca di chi quei numeri li ha comprati evitando gli incerti (e i costi) dell’asta pubblica. Uno sport anche popolare, quello della "recherche du nombre perdu", ma dagli esiti assai incerti visto che sono sempre di più le targhe che gli automobilisti chiedono di anonimizzare sul totem online, l’elenco targhe presente sul sito del Cantone (vedi sotto).

Il deputato con la bella targa - Spesso basta una bella sequenza di numeri, ancora meglio se ben si sposa con il modello di auto, per generare la scintilla del sospetto. È il caso di un politico ticinese che effettivamente possiede una «bellissima targa», anonimizzata sull’elenco online. «Qualcuno, simpaticamente, me lo ha fatto notare - dichiara a Tio/20Minuti il granconsigliere -. Non l’ho avuta per vie traverse da Camorino. Assolutamente». Il numero però è particolare… gli facciamo notare: «Era una targa che mi piaceva e ho avuto la possibilità di acquistarla, ma da un privato. Una regolare cessione. Ho tutto documentato e non ho niente da nascondere». 

Settantamila numeri mascherati - Questo per la corsa a reperire la dozzina di beneficiati (o spennati) dall’ex funzionario, che dopo lo scandalo si è dimesso anche dalla carica di presidente della Sezione Udc di Bellinzona e Valli. In parallelo, ma disgiunto da intenti truffaldini, si registra il fenomeno di chi sempre di più chiede al Cantone di “mascherare” il proprio numero di targa: «Se ci limitiamo alla categoria automobili, possiamo dire che a oggi ce ne sono in circolazione poco più di 226'000 e di queste circa 70'000 hanno il blocco della comunicazione dei dati personali attivato. Parliamo quindi di una percentuale di poco superiore al 30%» ci ragguaglia Aldo Barboni, aggiunto e sostituto Caposezione della Circolazione.

La base legale - Il quale tiene anche a precisare che «non si tratta di una “protezione” o di “targhe protette”, bensì del blocco della comunicazione di dati personali. Questo blocco si basa sull’art. 25a della Legge cantonale sulla protezione dei dati personali, la quale prescrive anche i casi in cui il dato deve essere comunicato nonostante la richiesta di blocco del cittadino, ad esempio in caso di richieste delle forze dell’ordine o in caso di danni provocati a terzi, etc. Il termine “protette” potrebbe creare confusione negli utenti e non aderire completamente a quanto espresso nella base legale».

Tutti possono - Negli ultimi 5 anni, continua il sostituto Caposezione, «il numero di richieste è stato piuttosto lineare, non si riconosce un aumento marcato. Parliamo di una cifra costante tra le 6'000 - 7'000 richieste annue, sempre limitandoci alle automobili». Peraltro non occorrono particolari requisiti per farne richiesta, «se non quello di riempire l’apposito formulario, disponibile sul sito della Sezione della circolazione, firmarlo e inviarlo per posta ordinaria o elettronica. La prassi è questa da moltissimi anni e riteniamo stia funzionando in modo adeguato, considerato il buon riscontro che riceviamo dagli utenti» conclude Barboni.

La chiave di riparto del raggiro: 30mila franchi se li è tenuti l'ex funzionario
Nel frattempo emergono nuovi particolari nell'inchiesta aperta nei confronti di Simone Orlandi. Secondo quanto riferisce laRegione, è di poco superiore ai 30mila franchi la cifra che il Ministero pubblico imputa direttamente all'ex funzionario, il quale ha agito in complicità con un 48enne assicuratore. La novità è appunto la chiave di riparto dell'incasso, in un rapporto di 60-40. Sull'ammontare complessivo della cifra di 50mila franchi per la cessione di una dozzina di targhe, Orlandi ne avrebbe tenuti 30mila, mentre 20mila sarebbero rimasti al complice. Una spartizione che inguaia ulteriormente l'ex funzionario.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-23 08:57:35 | 91.208.130.89