Tipress
CANTONE
27.08.2021 - 11:170
Aggiornamento : 17:18

«Parificare il matrimonio, non cambiarlo»

Ecco il comitato ticinese a sostegno del “Matrimonio per tutti”

BELLINZONA - «Senza la possibilità di sposarsi, le persone omosessuali in Svizzera non hanno ancora gli stessi diritti delle persone eterosessuali. Il “Matrimonio civile per tutte e tutti” offre l’opportunità di porre fine a questa disparità di trattamento dando la possibilità a tutte le coppie di sposarsi». Questa rappresentanti del mondo politico e della società civile ticinese hanno presentato gli argomenti a favore dell'oggetto in votazione il prossimo 26 settembre.

«Il Matrimonio è un rapporto tra due persone che decidono di assumere un vincolo di mutua assistenza, di protezione l’una con l’altra. E alla nostra società e al nostro Stato non fa nessuna differenza se queste due persone sono due uomini o due donne o un uomo e una donna, perché ciò che conta è la volontà di aiutarsi a vicenda. Questa votazione è fondamentale perché possiamo fare un passo avanti verso una parità di trattamento» ha detto Alex Farinelli, consigliere nazionale PLRT.

Oggi per le coppie omosessuali esiste unicamente l'unione registrata. «Un matrimonio di seconda classe» come lo ha definito Mattea David, co-presidente del comitato cantonale PS. Con questa iniziativa «si vuole parificare i matrimonio, non cambierà quello fra uomo e donna».

La granconsigliera Cristina Gardenghi (Verdi) ha sottolineato che «oggi il matrimonio per tutte e tutti è una realtà in quasi tutta l'Europa. Anche la Svizzera è finalmente pronta a compiere questo grande passo».

«La consigliera nazionale verde liberale, Kathrin Bertschy, ha presentato l’iniziativa parlamentare “Matrimonio per tutti” nel 2013 - ha detto Massimo Mobiglia dei Verdi liberali Ticino - nel 2021 la Svizzera è pronta a questo voto poiché siamo uno stato liberale e aperto, e poiché stiamo parlando di persone che hanno dei sentimenti e il cui amore non è inferiore».

Il sostegno al Matrimonio per tutti

Il sostegno all’estensione del matrimonio civile a tutte le coppie in Ticino arriva in primis dalle associazioni che da anni in Ticino si impegnano per i diritti delle persone LGBT+ tra cui Imbarco Immediato, Zonaprotetta, Network Ticino e la federazione delle famiglie arcobaleno, ma non solo pure dalle associazioni delle famiglie e dei bambini tra cui la Conferenza cantonale dei genitori, l’associazione mantello Pro Familia Svizzera, Pro Juventute Svizzera Italiana e l’Associazione Ticinese delle famiglie monoparentali e ricostituite. Del mondo associativo e sindacale si aggregano pure FAFTplus (federazione delle associazioni femminili ticinesi), Amnesty International Svizzera italiana, l’Unione Sindacale Svizzera Ticino-Moesa, il Coordinamento donne della sinistra e il collettivo io l’8 ogni giorno. Anche una parte del mondo religioso è tra chi sostiene l’estensione del matrimonio a tutte le coppie tra cui la Chiesa Evangelica Riformata e la Chiesa Cattolica cristiana della svizzera.

I partiti politici che sostengono l’oggetto in votazione sono il Partito Verde Liberale, il Partito socialista, i/le Verdi, il Partito Liberale Radicale, i giovani verdi liberali, la Gioventù socialista, i giovani liberali radicali, le giovani verdi, il ForumAlternativo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 19:53:23 | 91.208.130.85