Ti-Press
Altre preoccupazioni per lo stilista.
CANTONE
12.06.2021 - 10:110
Aggiornamento : 12:19

Philipp Plein doppiamente nei guai

L'ispettorato del lavoro e una società italiana hanno presentato due denunce penali al Ministero pubblico

Lo stilista tedesco è stato segnalato per presunte violazioni alla legge sul Lavoro, amministrazione infedele e falsità in documenti.

LUGANO - Ancora guai per lo stilista tedesco, ma trapiantato a Lugano, Philipp Plein. Dopo le pizze e il sushi, scelte di marketing discutibili e la querelle con Ferrari (costata un risarcimento di 300'000 euro), il designer finisce in procura. Due denunce penali a suo carico - come anticipato da La Regione - sono state presentate nel 2020 dall'ispettorato del lavoro e dalla società italiana Billionaire Italian Couture Srl.

Il primo fascicolo è stato aperto la scorsa estate e riguarda «presunte violazioni della Legge federale sul lavoro» legate ai tagli perpetrati durante il primo lockdown, quando la sua ditta era ricorsa al lavoro ridotto e aveva pure richiesto e ottenuto gli aiuti dalla Confederazione. 

Il secondo fascicolo è invece stato aperto nei confronti della Philipp Plein International AG nell'autunno 2020 per «presunta amministrazione infedele e falsità in documenti» su richiesta della Billionaire Italian Couture Srl.  Entrambi i fascicoli sono in mano al procuratore pubblico Daniele Galliano. Contattato dal quotidiano bellinzonese, Philipp Plein ha preferito non commentare la vicenda.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-05 16:24:05 | 91.208.130.87