Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Meno di 30 anni e già con il fegato compromesso
La pandemia ha acutizzato le dipendenze da alcol, che possono sfociare in gravi problemi di salute.
CANTONE
10 ore
Ticinesi pazzi per la sella: «Ne vendiamo tre tonnellate al mese»
La sella di capriolo è uno dei piatti maggiormente in voga in questo periodo dell’anno. E i numeri lo confermano.
TENERO
12 ore
In spiaggia anche in inverno
Ripartire da una disavventura? Capita al bagno pubblico, colpito pesantemente dal maltempo lo scorso luglio.
BELLINZONA
14 ore
Settimana bianca: «Decide il Municipio, non i direttori»
Il Municipio precisa di non aver ancora preso alcuna decisione: «Valutiamo decine di misure sul Preventivo 2022».
LUGANO
15 ore
Tassisti aggrediti dal branco
Un pestaggio è avvenuto sabato notte in Via Pretorio: due persone sono rimaste lievemente ferite.
CADEMARIO
15 ore
Anche Cademario vuole aggregarsi
Il Municipio ha scritto una lettera a Bellinzona per comunicare il proprio desiderio di aderire al progetto.
MENDRISIO
16 ore
Colpo di scena: Ligornetto riapre al traffico in transito
La misura non potrà essere attuata, fintanto che il TF non si sarà espresso sull'effetto sospensivo richiesto da Stabio
CANTONE
17 ore
Altri milioni per combattere il Covid-19
Luce verde al contributo straordinario di 3.5 milioni per il mantenimento in prontezza del dispositivo ospedaliero.
LOCARNO
17 ore
Un nuovo futuro per il Grand Hotel Locarno
L'edificio costruito fra il 1874 e il 1876 diverrà una moderna struttura alberghiera.
VERZASCA
17 ore
Prima di svuotare la diga, via tutti i limiti di pesca
L'esercizio della pesca è possibile da subito senza un numero massimo di catture né misure minime.
CANTONE
11.05.2021 - 06:000
Aggiornamento : 10:10

«Uno come lei in sei mesi ritroverà il lavoro»

Troppo qualificati e costosi? Di sicuro la disoccupazione dopo 50 anni diventa un vicolo cieco per i bancari

Il direttore dell'Associazione bancaria ticinese inquadra però il problema nel contesto generale: «Spesso si tratta di profili difficili da ricollocare. I numeri potrebbero essere più elevati se non ci fosse una certa mobilità tra banche e società finanziarie»

LUGANO - Da tempo hanno perso il lavoro e, molti di loro, anche la fiducia. Sono i disoccupati over 50. Dopo l’annuncio della creazione di una figura, a livello cantonale, il “job mentor”, che dovrebbe aiutarli, in diversi hanno scritto a tio/20Minuti per raccontare le loro storie. Per sfogare soprattutto una frustrazione fatta di centinaia e centinaia di candidature inoltrate senza risposta. 

Quattro lingue e una bocca - Come Roberto, 55 anni, di cui una trentina investiti nel settore finanziario: «Ho lavorato in banche e fiduciarie con cariche manageriali e sono stato responsabile del personale». Da oltre un lustro è senza impiego e senza diritto all’assistenza perché proprietario dell’abitazione dove abita: «Vivo con i miei risparmi da 5 anni e dovrò farlo fino alla pensione perché non ho diritto a nessun sussidio». Quattro lingue e molta esperienza non sono servite: «All’Ufficio regionale di collocamento mi hanno anche detto: “Credevamo che uno come lei dopo sei mesi di disoccupazione avrebbe trovato”. Forse non conoscono il mondo reale. In compenso non mi hanno proposto nulla». 

Un problema solo delle banche? «No» - Tra le testimonianze non sono poche quelle provenienti dal ramo finanziario. A Franco Citterio, direttore dell’Associazione Bancaria Ticinese (ABT), abbiamo chiesto se il problema nella Piazza è più acuto che altrove: «Non credo - risponde - che sia una prerogativa del nostro settore, ma il problema sicuramente esiste. Molte volte sono profili difficili da ricollocare». Perché? «Talvolta si tratta di persone specializzate in ambiti difficilmente reperibili a livello cantonale. I cambiamenti tecnologici hanno inoltre spiazzato certi profili. Ma poi possono pesare le condizioni economiche fuori mercato rispetto ad altre professioni». In altre parole, si tratterebbe di salari pesanti con oneri sociali altrettanto importanti. «Sono tutti fattori che spingono fuori mercato un cinquantenne» dice Citterio.

La valvola del prepensionamento - Quanto alla consapevolezza da parte del datore di lavoro, il direttore dell’ABT ritiene che «una certa sensibilità ci sia. Naturalmente il nostro è anche un settore che negli ultimi anni ha ridotto gli effettivi. Ciò però è avvenuto sovente attraverso la fluttuazione naturale del personale e con i prepensionamenti. In casi estremi anche con dei licenziamenti. Chiaramente se dovesse esserci un’ulteriore riduzione, senza il cuscinetto dei sessantenni, il rischio riguarderebbe direttamente le fasce più giovani».

Chi si mette in proprio - Il problema esiste, ma prosegue Citterio, «non mi sembra sia numericamente fuori controllo. Purtroppo, come in altri settori, non si considera sufficientemente l’esperienza delle persone. Per cui il cinquantenne sconta il suo costo più elevato». I dati per il settore finanziario (compresi i fiduciari e gli assicuratori) indicano, a marzo 2021, circa 315 disoccupati. «Numeri che potrebbero essere più elevati se non ci fosse, da tempo, una mobilità tra banche e società finanziarie. Spesso vediamo bancari che, o per scelta o perché costretti, avviano una loro attività». Il posto garantito a vita in banca appartiene, insomma, a un’altra epoca. «Da un pezzo ormai» conclude il direttore dell’ABT.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 07:23:45 | 91.208.130.85