Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOSTALLO
2 ore
Contro la ringhiera, finisce nel prato
Ferite gravi per un'automobilista uscita di strada a Lostallo
LUGANO
4 ore
«Contenti loro, contenti tutti»
Fulvio Pelli dopo la sconfitta alle urne fa gli auguri al Polo Sportivo. «Non brontolo, staremo a vedere»
LUGANO
8 ore
Polo sportivo, ecco cosa accadrà da domani
Tutte le prossime tappe che porteranno alla costruzione del nuovo stadio e dell'intero progetto
CANTONE
8 ore
Votazioni federali: due "sì" e un "no" dal Ticino
Il 65,3% dei votanti ha dato via libera alla Legge Covid-19, mentre il 56,1% ha sostenuto l'iniziativa sugli infermieri.
LUGANO
9 ore
Paolo Beltraminelli è il nuovo presidente del PPD di Lugano
L'ex consigliere di Stato è stato nominato quest’oggi durante l'assemblea svoltasi a Pregassona
FOTO
CANTONE
13 ore
Bianco risveglio in buona parte del Ticino
A San Bernardino si misurano attualmente ben 25 centimetri di neve. Un centimetro anche a Lugano.
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
Tre temi federali e il PSE: ancora poche ore per votare
Fino a mezzogiorno sarà possibile recarsi alle urne per esprimere la propria opinione sui tre oggetti federali.
FAIDO
1 gior
«Da sola non ce l'avrei mai fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
1 gior
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
FOTO
CANTONE
1 gior
Inaugurato il nuovo stabile dell'Istituto di ricerca in biomedicina
Il centro è pensato come «una nuova casa comune per la ricerca in biomedicina».
CANTONE
1 gior
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
AVEGNO-GORDEVIO
1 gior
Doppia meraviglia nei cieli sopra ad Avegno
Il fenomeno è stato provocato da una doppia riflessione della luce solare dentro le gocce di pioggia.
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
1 gior
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
CANTONE
07.05.2021 - 20:040
Aggiornamento : 21:48

«Caro Job Mentor, ti racconto come si diventa un fantasma»

Un ex impiegato di banca finito in assistenza spiega cosa dirà alla nuova figura chiamata ad aiutare gli over 50

«Nel periodo in cui ero iscritto alla disoccupazione ho mandato oltre 550 curriculum vitae e non mi hanno proposto nemmeno un impiego»

LUGANO - Sono in tanti, ma in pochissimi hanno voglia di raccontarsi. Anche lui, che ha quasi 54 anni, è cittadino svizzero e quattro anni fa è stato licenziato dopo trent’anni di lavoro in banca, ne avrebbe fatto volentieri a meno. «Perché di quelli come me non frega niente a nessuno o quasi» dice. 

L'ingiustizia sulla pelle - Ma poi è arrivata ieri la notizia del “job mentor” e allora Luca (il cui vero nome è noto alla redazione) ci ha scritto per anticiparci cosa racconterà a questa nuova figura voluta dalla Segreteria di Stato dell’economia (Seco) e dal Cantone per aiutare gli over 50 senza più un lavoro. «Sono stato licenziato a 50 anni. Dopo tanti anni passati in un’azienda lo vivi come un lutto - dice ripensando a quel giorno -. Senti l'ingiustizia sulla pelle e questo è molto doloroso anche perché sai che il mercato del lavoro non accetta più quelli come te, non più giovanissimi. Sai che farai molta fatica a rientrare in gioco e chissà se ci riuscirai».

Una vita lastricata di curricula - Dopo un anno e mezzo Luca consuma il diritto alla disoccupazione. «Ti senti completamente abbandonato, ora ti devi arrangiare, a mantenere te stesso e la famiglia. Ora sei solo». Al “job mentor” direbbe anche che non è rimasto come le mani in mano. Anzi. «Nel periodo in cui ero iscritto alla disoccupazione ho mandato più di 550 curriculum vitae, ma non è stato sufficiente a trovare un impiego. L'Ufficio regionale di collocamento in questo periodo non mi ha proposto neanche un impiego, la mia vecchia attività non esiste più dicevano. Ho subito pensato che collocare degli ultracinquantenni dovesse essere complicato anche per loro! Figurarsi per me».

Obbligati a rintanarsi - Reinventarsi, riqualificarsi, rifarsi una vita. Rigeneranti parole, sulla carta. «Non tutti i disoccupati sono in grado di farlo da un giorno all'altro, non è facile ideare una nuova attività finanziandola da zero e resta difficile acquisire certe competenze in questo contesto. E aggiungo anche che non sono tutti Steve Jobs capaci di inventarsi un'attività nel garage di casa». E allora, prosegue il 54enne, si è costretti ad andare in letargo come marmotte con poco grasso. «Così molti "dimenticati" vivono consumando i risparmi di una vita e pensando ogni giorno a quando finiranno. Non è un bel vivere, passi le giornate sempre preoccupato e senza prospettive future. Sempre più spesso ti senti triste e depresso. Vedi gli altri che vanno al lavoro ed hai vergogna perfino verso la tua famiglia, perché hai perso un ruolo».

Piove sul bagnato - Poi è arrivata la pandemia che ha dato il colpo di grazia finale. L'impossibilità totale di fare qualsiasi attività. «Immagini - racconterebbe Luca al job mentor - persone come me, senza alcun reddito, chiuse in casa a consumare i risparmi, senza prospettive, dimenticati dalle istituzioni e senza alcun aiuto. Tutti ricevono invece questi aiuti, aziende, lavoratori, perfino i disoccupati, ma tu no, perché non esisti. Sei come un fantasma».

Il marchio dell'assistenza - Il job mentor avrà un bel daffare per far cambiare a Luca «l’idea che in Svizzera nessuno aiuterà mai le persone come me». L’assistenza, prosegue, «è profondamente ingiusta in quanto ha una connotazione sociale che fa sentire chi vi ricorre, uno sconfitto. Chi è costretto a farne richiesta si sente marchiato dalla riprovazione sociale e passa da mantenuto, da scansafatiche, anche chi ha lavorato una vita e che per motivi di risparmio viene espulso dal mondo del lavoro, magari da ultracinquantenne».

Il bisogno di sentirsi utile - Più che consigli, Luca chiede un reinserimento e un aiuto economico che non sia visto come un’elemosina: «In assenza di altri redditi, dovrebbe esserci un sussidio a fondo perso mensile di almeno 1'500 franchi. Ma la cifra esatta la lascio valutare agli esperti». Nel frattempo anche Comuni e Cantone «dovrebbero avere un piano occupazionale con assunzioni preferenziali per queste persone, dei collocamenti anche solo per una parte dell'anno. Lavori di carattere sociale, manutenzioni varie, volontariato retribuito eccetera. Le persone in difficoltà non devono sentirsi abbandonate, devono invece ritrovare la propria dignità, rendendosi utili alla collettività, sentendo di farne parte». Perché in conclusione, ricorderà Luca al suo job mentor, «prima o poi tutti compiamo 50 anni. Prima o poi tutti potremo trovarci con le spalle al muro!».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-29 00:34:33 | 91.208.130.89