Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CERENTINO
14 min
Lavori stradali a Cerentino
Dal 30 giugno fino alla metà di ottobre 2021 è previsto il rifacimento della pavimentazione lungo la cantonale
CANTONE
37 min
Il ventiseiesimo giorno senza decessi
In Ticino si segnalano altri cinque contagi in ventiquattro ore
LUGANO
58 min
Due mesi di disagi al traffico dei bus
Autopostale annuncia che, causa cantiere, fino a fine agosto ci saranno sostituzioni e soppressioni di fermate.
CANTONE
1 ora
Un Super Puma per la radioattività
Il 30 giugno l'elicottero effettuerà dei voli di misurazione sopra Lugano e altre aree ticinesi
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
In Svizzera si contano 343'000 frontalieri
Alla fine del 2020 la percentuale più alta si registrava in Ticino. Un ritratto dei lavoratori provenienti dall'estero
LUGANO
3 ore
Il neonato paga la piscina: ma il Comune rimedia
Tariffe "baby" fino a tre anni nei Lidi della Città. Il caso di un bambino di 14 giorni a Carona
CANTONE
3 ore
Si può tornare a comprare birra e vino alla sera
Non ci sono stati ricorsi o referendum: il divieto serale è confermato solo per i superalcolici
CANTONE
4 ore
Non banalizzate la montagna, il pericolo è dietro l'angolo
Affinché le vette ticinesi siano luoghi di piacere non bisogna sottovalutarle: i consigli di Montagne Sicure
MENDRISIO
4 ore
Avvicinare il Magnifico Borgo al lago, ecco "Mendrisio Beach"
Valorizzare il lungolago di Capolago, oggi un po' trascurato, creando una spiaggia e accessi per gli sport acquatici.
CANTONE
4 ore
Pronti a farsi oltre 800 chilometri a piedi
La sfida di Mirko Cotti Piccinelli e Patrick Bizzozero. Fino a Napoli per beneficenza.
BELLINZONA
12 ore
Il Rabadan ha un nuovo presidente
Lascia Petraglio, gli succede Capoferri
LUGANO
12 ore
Tpl, deficit da 1,5 milioni
L'azienda di trasporto pubblico ha accusato il colpo della pandemia. E chiude in rosso per la prima volta
CHIASSO
12 ore
Fumo nel vagone ristorante
Intervento dei pompieri in un treno fermo alla stazione di Chiasso
CANTONE
07.05.2021 - 20:040
Aggiornamento : 21:48

«Caro Job Mentor, ti racconto come si diventa un fantasma»

Un ex impiegato di banca finito in assistenza spiega cosa dirà alla nuova figura chiamata ad aiutare gli over 50

«Nel periodo in cui ero iscritto alla disoccupazione ho mandato oltre 550 curriculum vitae e non mi hanno proposto nemmeno un impiego»

LUGANO - Sono in tanti, ma in pochissimi hanno voglia di raccontarsi. Anche lui, che ha quasi 54 anni, è cittadino svizzero e quattro anni fa è stato licenziato dopo trent’anni di lavoro in banca, ne avrebbe fatto volentieri a meno. «Perché di quelli come me non frega niente a nessuno o quasi» dice. 

L'ingiustizia sulla pelle - Ma poi è arrivata ieri la notizia del “job mentor” e allora Luca (il cui vero nome è noto alla redazione) ci ha scritto per anticiparci cosa racconterà a questa nuova figura voluta dalla Segreteria di Stato dell’economia (Seco) e dal Cantone per aiutare gli over 50 senza più un lavoro. «Sono stato licenziato a 50 anni. Dopo tanti anni passati in un’azienda lo vivi come un lutto - dice ripensando a quel giorno -. Senti l'ingiustizia sulla pelle e questo è molto doloroso anche perché sai che il mercato del lavoro non accetta più quelli come te, non più giovanissimi. Sai che farai molta fatica a rientrare in gioco e chissà se ci riuscirai».

Una vita lastricata di curricula - Dopo un anno e mezzo Luca consuma il diritto alla disoccupazione. «Ti senti completamente abbandonato, ora ti devi arrangiare, a mantenere te stesso e la famiglia. Ora sei solo». Al “job mentor” direbbe anche che non è rimasto come le mani in mano. Anzi. «Nel periodo in cui ero iscritto alla disoccupazione ho mandato più di 550 curriculum vitae, ma non è stato sufficiente a trovare un impiego. L'Ufficio regionale di collocamento in questo periodo non mi ha proposto neanche un impiego, la mia vecchia attività non esiste più dicevano. Ho subito pensato che collocare degli ultracinquantenni dovesse essere complicato anche per loro! Figurarsi per me».

Obbligati a rintanarsi - Reinventarsi, riqualificarsi, rifarsi una vita. Rigeneranti parole, sulla carta. «Non tutti i disoccupati sono in grado di farlo da un giorno all'altro, non è facile ideare una nuova attività finanziandola da zero e resta difficile acquisire certe competenze in questo contesto. E aggiungo anche che non sono tutti Steve Jobs capaci di inventarsi un'attività nel garage di casa». E allora, prosegue il 54enne, si è costretti ad andare in letargo come marmotte con poco grasso. «Così molti "dimenticati" vivono consumando i risparmi di una vita e pensando ogni giorno a quando finiranno. Non è un bel vivere, passi le giornate sempre preoccupato e senza prospettive future. Sempre più spesso ti senti triste e depresso. Vedi gli altri che vanno al lavoro ed hai vergogna perfino verso la tua famiglia, perché hai perso un ruolo».

Piove sul bagnato - Poi è arrivata la pandemia che ha dato il colpo di grazia finale. L'impossibilità totale di fare qualsiasi attività. «Immagini - racconterebbe Luca al job mentor - persone come me, senza alcun reddito, chiuse in casa a consumare i risparmi, senza prospettive, dimenticati dalle istituzioni e senza alcun aiuto. Tutti ricevono invece questi aiuti, aziende, lavoratori, perfino i disoccupati, ma tu no, perché non esisti. Sei come un fantasma».

Il marchio dell'assistenza - Il job mentor avrà un bel daffare per far cambiare a Luca «l’idea che in Svizzera nessuno aiuterà mai le persone come me». L’assistenza, prosegue, «è profondamente ingiusta in quanto ha una connotazione sociale che fa sentire chi vi ricorre, uno sconfitto. Chi è costretto a farne richiesta si sente marchiato dalla riprovazione sociale e passa da mantenuto, da scansafatiche, anche chi ha lavorato una vita e che per motivi di risparmio viene espulso dal mondo del lavoro, magari da ultracinquantenne».

Il bisogno di sentirsi utile - Più che consigli, Luca chiede un reinserimento e un aiuto economico che non sia visto come un’elemosina: «In assenza di altri redditi, dovrebbe esserci un sussidio a fondo perso mensile di almeno 1'500 franchi. Ma la cifra esatta la lascio valutare agli esperti». Nel frattempo anche Comuni e Cantone «dovrebbero avere un piano occupazionale con assunzioni preferenziali per queste persone, dei collocamenti anche solo per una parte dell'anno. Lavori di carattere sociale, manutenzioni varie, volontariato retribuito eccetera. Le persone in difficoltà non devono sentirsi abbandonate, devono invece ritrovare la propria dignità, rendendosi utili alla collettività, sentendo di farne parte». Perché in conclusione, ricorderà Luca al suo job mentor, «prima o poi tutti compiamo 50 anni. Prima o poi tutti potremo trovarci con le spalle al muro!».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-24 10:44:33 | 91.208.130.87