Immobili
Veicoli

CANTONE«Molte imprese non rispettano le misure anti-Covid»

27.11.20 - 14:00
Il sindacato Unia ha presentato un'analisi dettagliata del fenomeno, analizzando la situazione su 132 cantieri.
Tipress (archivio)
«Molte imprese non rispettano le misure anti-Covid»
Il sindacato Unia ha presentato un'analisi dettagliata del fenomeno, analizzando la situazione su 132 cantieri.
Mascherine e disinfettanti presenti, ma non ovunque. Tracciamento (quasi) assente. Quarantene non rispettate. Distanziamento problematico. Il sindacato denuncia uno «scenario desolante» in diversi cantieri: «Chiediamo maggiori controlli a SUVA e Cantone».

BELLINZONA - «La responsabilità delle imprese lascia a desiderare per quanto riguarda il rispetto delle misure anti-Covid sui cantieri». È questa la conclusione di un'analisi statistica condotta da Unia tra l'11 e il 17 novembre su 132 cantieri ticinesi, numero questo che corrisponde a circa il 13-15% del totale, e che è stata presentata oggi durante una conferenza stampa su Zoom.

«Situazione catastrofica» - Un grido d'allarme in questo senso era già stato lanciato - lo scorso 9 novembre - dai delegati nazionali del settore edilizia del sindacato che avevano denunciato la «situazione catastrofica» vissuta sui cantieri elvetici per quanto riguarda la protezione individuale anti-covid 19. Lo scenario è desolante e mostra «distanze non rispettate, poche mascherine, mancanza di messa in quarantena malgrado colleghi trovati positivi e controlli rari».

Le cinque misure - Prendendo spunto dalla situazione nazionale, il sindacato Unia Regione Ticino e Moesa ha voluto approfondire e valutare quella ticinese. E le cose, come detto, non sono andate benissimo. Il sindacato ha infatti posto domande relative le cinque principali misure di prevenzione della salute degli edili: ovvero presenza e fornitura di disinfettante e mascherine, applicazione o meno di un sistema di tracciamento, aumento o meno del numero di baracche e della loro igienizzazione. 

Una su quattro senza disinfettante - La prima misura esaminata da Unia, è quella relativa alla presenza di disinfettante. Una prevenzione facilmente attuabile, diranno molti, ma che però non viene rispettata da tutti. Anzi. «33 ditte - precisa il sindacato - non fornisce infatti il prodotto». Sul posizionamento, quasi il 69% dei cantieri riforniti afferma che il disinfettante «è presente solo nelle baracche», mentre in più del 74% dei cantieri sondati «non esistono apposite postazioni con disinfettante» a disposizione dei lavoratori all'esterno.

DisinfettanteNo
Fornito dalla ditta75%25%
Presente in baracca68.94%31.06%
Sono presenti delle postazioni sul cantiere25.76%74.24%

 

Venti imprese non forniscono la mascherina - Per quanto riguarda le mascherine protettive, in 112 cantieri «questo fondamentale strumento di protezione» viene fornito dall'impresa. Interessante è però valutare anche la frequenza con cui le mascherine vengono messe a disposizione degli operai. Quattro cantieri su cinque hanno precisato di fornirla «su richiesta», mentre quasi il 10% le consegna «giornalmente» ai lavoratori. E solo il 7% «molto raramente». Ma quello che preoccupa Unia veramente è che venti imprese non forniscano mascherine ai loro dipendenti. «Siamo stupiti e amareggiati che non si sentano minimamente in obbligo di fornire alle proprie maestranze questo semplice ma basilare strumento di protezione individuale».

MascherineNo
Fornite dalla ditta84.85%15.15%

 

Tracciamento questo sconosciuto - Nella maggioranza dei cantieri il tracciamento è considerato un orpello inutile. E non viene neppure tenuto un registro all'entrata. E se questo non è un grosso problema in quelli piccoli, dove bene o male le maestranze si conoscono, diventa invece enorme nei cantieri più grandi. Dopo il lockdown, rivela l'analisi di Unia, solo 30 ditte hanno introdotto un sistema di tracciamento. E solo sei lo ha mantenuto in vigore «seriamente» per almeno quattro mesi. Ancora peggio i risultati relativi alla seconda ondata: solo diciotto ditte hanno infatti introdotto il contact-tracing. «Di conseguenza - precisa Unia - è impossibile affermare che nei cantieri ticinesi non ci siano focolai del virus poiché non esiste alcuna possibilità di tracciare la propagazione dello stesso a partire da questi posti di lavoro. Se a ciò si aggiunge il fatto, più volte denunciato, che molti imprenditori nascondono quarantena e contagi dei propri dipendenti, lo scenario risulta allarmante».

Tracciamento cantiereNo
Dopo il lockdown è stato introdotto? 22.73%77.27%

 

Distanziamento e pulizia baracche - Anche per quanto riguarda distanze e igiene nelle baracche le cose non vanno benissimo. Le distanze sono infatti rispettate solo in 75 cantieri e solo il 14.29% delle aziende hanno pensato a soluzioni alternative, come far mangiare i dipendenti a turni, per risolvere il problema. «Ciò significa - precisa Unia - che la responsabilità nel trovare una soluzione è scaricata agli operai, i quali devono ricavare dei locali mensa alternativi». Nella bella stagione, naturalmente, questo problema non si poneva, ma tutto è cambiato con l'arrivo del freddo». Anche per quanto riguarda l'igiene e la pulizia dei locali comuni (baracche e bagni) non si ravvisano cambiamenti tra la fase normale e quella post lockdown. «Anche qui - conclude Unia - sono gli operai che cercano di ovviare a questo problema, naturalmente sprovvisti degli strumenti tecnici specifici».

Distanziamento e igiene baraccheNo
Le baracche sono abbastanza grandi per rispettare le distanze?57.58%42.42%
Se non c'è abbastanza spazio, sono organizzati turni?14.29%85.71%
Baracche e bagni sono lavati con maggiore frequenza e igienizzati?19.70%80.30%

 

Pochissimi controlli - In tutti i cantieri visitati è stata confermata, da parte degli operai, la totale assenza d'interventi specifici supplementari relativi all’applicazione conforme dei “controlli Covid-19 sui cantieri” definiti dalla Seco e della Suva. «L'inchiesta - precisa Unia - mette in evidenza come sui cantieri la lotta alla pandemia sia un fattore chiaramente secondario davanti agli imperativi di continuare a macinare cifra d’affari e profitti. Evidentemente i martellanti appelli alla responsabilità individuale si arrestano sulle soglie delle imprese edili». Considerato tutto questo il sindacato esige da SUVA e Cantone «l’aumento di controlli, approfonditi e articolati, sui cantieri edili e artigianali» e «il rispetto vincolante delle misure di protezione» da parte delle imprese, perché «l’economia non può essere sostenuta a qualunque costo» soprattutto quando sussiste il rischio di «aggravare gli effetti della pandemia».

COMMENTI
 
pillola rossa 2 anni fa su tio
Pochi sono convinti che le misure servano a qualche cosa per cui si fa buon viso a cattiva sorte. Si cerca di rispettare come si può per non fare polemica. Mi chiedo come possa continuare a stare in piedi questa farsa.
F/A-19 2 anni fa su tio
Continuo a non conoscere nessuno che è morto di COVID, solo dei casi positivi in piena salute, gente che è costretta a quarantene ma in piena salute e per sentito dire qualche anziano che dalle varie cade anziani per un po’ di tosse o febbre viene trascinata all’ospedale, poi di loro non si sa più niente, qualcuno muore ed i parenti vengono tenuti lontani ed all’oscuro di tutto. Mah!
Luca 68 2 anni fa su tio
i cantieri vanno chiusi, troppo complicato fare rispettare le regole, in cantiere si deve solo correre e rendere
pillola rossa 2 anni fa su tio
Questo dimostra che le misure preventive attuate non hanno alcun influsdo sul virus.
Luca 68 2 anni fa su tio
si insiste a tenere aperto, ma in cantiere praticamente nessuno rispetta niente, non è evidente come potrebbero pensare quelli c'è preparano le raccomandazioni anti covid.
joe69 2 anni fa su tio
Desolante si... spesso e volentieri sui furgoni sono in coppia o addirittura in 3 e tutti rigorosamente senza mascherina!! sui cantieri distanze zero, mascherina... sotto il mento!!! Ora nn esiste più la scusa del caldo,;-) pertanto si può indossare benissimo e anzi, preserva anche i polmoni da polvere ecc...
NOTIZIE PIÙ LETTE