TiPress - foto d'archivio
CANTONE
04.05.2020 - 11:040

«Interinali letteralmente messi in strada»

La denuncia di Unia dopo il licenziamento a Losone di 18 lavoratori presso AGIE

LUGANO - «Sono i lavoratori più precari le prime vittime della crisi del coronavirus». Ne è convinto il sindacato Unia, che commenta i 18 lavoratori licenziati da AGIE Charmilles SA a Losone.

Unia denuncia «abusi di ogni genere» subiti in Ticino dai lavoratori interinali dall’inizio della pandemia. Anche le misure decise dal Consiglio federale - che ha esteso il diritto alle indennità per lavoro ridotto - «si stanno rivelando inefficaci a causa della brutalità con cui le agenzie interinali salvaguardano i propri interessi economici». Per non pagare i contributi, pare infatti che queste decidano di licenziare piuttosto che assumersi i costi. «È del resto la stessa Swissstaffing, l’associazione padronale di categoria, a suggerire di non chiedere sistematicamente il lavoro ridotto - scrive il sindacato -, ma di valutare caso per caso per evitare eventuali costi supplementari. È come se il governo suggerisse ai datori di lavoro di selezionare i dipendenti per i quali chiedere il lavoro ridotto e di licenziare tutti gli altri».

Il sindacato Unia Ticino ribadisce che «il tanto decantato “rilancio economico”» deve necessariamente cominciare con «un rafforzamento delle tutele e dei diritti di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori», come pure ribadisce «la necessità di porre dei freni al proliferare delle agenzie di lavoro temporaneo, che, con la stessa virulenza del Covid-19, diffondono nella società precarietà e povertà».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-15 01:48:58 | 91.208.130.89