TiPress - foto d'archivio
CANTONE
12.04.2020 - 12:500

«La falce non mi ha colpito, ma ne ho sentito il sibilo»

Il presidente del Locarno Film Festival è stato ricoverato per dodici giorni dopo aver contratto il coronavirus

LOCARNO - È passato un mese dal 10 marzo. Quel giorno Marco Solari era stato ricoverato presso La Carità di Locarno dopo essere risultato positivo al coronavirus. È stato dimesso dopo 12 giorni, il 24 marzo. «Ho visto la morte davanti agli occhi» ha dichiarato oggi al SonntagsBlick. «La falce non mi ha colpito, ma ne ho sentito il sibilo».

Solari ha spiegato di avere iniziato con sintomi influenzali. Ma sentendosi sempre peggio, si è sottoposto al test dietro consiglio del suo medico curante. Il Covid-19 ha colpito anche lui.

A causa delle condizioni di salute precarie, il presidente del Locarno Film Festival, 76 anni, ha dovuto ricorrere anche alle cure della terapia intensiva. Alcune persone sono morte intorno a lui, mentre si trovava ospedalizzato. «Provo un senso di colpa per questo - ha spiegato al domenicale -, anche in considerazione del fatto che sono un personaggio pubblico».

Solari ha sottolineato la propria gratitudine nei confronti di chi si è preso cura di lui, dai dottori agli infermieri fino al personale sociosanitario.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-02 11:08:42 | 91.208.130.85