Depositphotos (archivio)
CANTONE
03.04.2020 - 14:290

Emergenza virus: «Tante donne precarie. Non dimentichiamole»

Il sindacato OCST lancia un appello alla SECO e al Consiglio di Stato

LUGANO - Prendere in considerazione la situazione precaria di molte donne assunte privatamente che non possono fare ricorso allo strumento del lavoro ridotto in questo periodo di crisi. A chiederlo alla SECO e al Consiglio di Stato ticinese è il sindacato OCST.

Donne delle pulizie, babysitter, governanti: «Si tratta nella maggior parte dei casi di lavoratrici, occupate presso più famiglie e, per questo, assunte e assicurate presso più datori di lavoro», scrive il sindacato sottolineando come la loro condizione le renda «più deboli», nonostante svolgano spesso un impiego quasi a tempo pieno, in quanto «non vengono assicurate per il secondo pilastro o per la malattia».

Analoga - scrive l'OCST - è la situazione delle mamme diurne e degli operatori delle mense scolastiche e dei doposcuola. «Non possiamo non ricordare che, anche se svolta in un ambito privato, è pur sempre un'attività economica, dato che genera un reddito e dato che esiste un rapporto di lavoro e vengono versati dei contributi. La concessione del lavoro ridotto nell'ambito della crisi del Coronavirus non dipende da ragioni economiche, quindi mal si comprende la discriminazione applicata a queste categorie, che peraltro offrono servizi preziosi», conclude l'appello del sindacato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
4cerchi 4 mesi fa su tio
A questo punto puntiamo il dito alle badanti che percepiscono i soldi in nero...
4cerchi 4 mesi fa su tio
Personalmente non ci voglio quei fenomeni dei sindacati per fare qualcosa. la casalinga non è mai stata riconosciuta. Ma di che cosa si parla. È una vera vergogna che nella Ch ricchissima pagano manager a fior di quattrini e alle donne casalinghe, intendo non quelle che girano col suv nei bar a fare aperitivi, ubriacandosi, lasciando vuota la tavola all arrivo del ramollito marito,ma quelle che accudiscono i figli, preparano pranzo e cena, stirano, non viene dato un cip. Ma per i profughi dell Afganistan allora si che si sperpera. Basta questo circo, e non servono i partiti, ma serve la testa, possibil mente con la materia grigia
Zico 4 mesi fa su tio
una presa di posizione 'donnofoba'!
SosPettOso 4 mesi fa su tio
...e per gli uomini che hanno lavori precari, su chiamata, via agenzia? Chiederete domani?
Um999 4 mesi fa su tio
@SosPettOso Bravo ottima osservazione, oggi siamo un po‘ tutti precari chi più chi meno. Cercare di portare avanti una sola campana oggi è fuori tema e fuori contesto, non credo che oggi ci siamo in atto discriminazione mirate, oggi c’è forse la corsa alla sopravvivenza in certi ambiti.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 01:14:20 | 91.208.130.86