TiPress (archivio)
La firma dell'accordo dovrebbe avvenire nei primi giorni di maggio.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
5 min
Dall'Ascensione al Corpus Domini: giorni di fuoco per l'A2
BELLINZONA
43 min
Primo agosto, Bellinzona ospite d'onore delle celebrazioni ad Altdorf
SVIZZERA / CANTONE
59 min
Il Consiglio federale ammette: «Gli studenti in medicina italofoni sono discriminati»
CONFINE
1 ora
Trafficava armi da guerra, arrestato in Valtellina
LOCARNO
1 ora
Inaugurato il nuovo Centromedico
LUGANO
1 ora
Veicolo in panne nella Vedeggio Cassarate
AGNO
1 ora
«L’aeroporto è moribondo, inutile accanirsi per rianimarlo»
CANTONE
2 ore
«I manager di Kering non hanno ingannato le autorità»
CANTONE
2 ore
Tilo sostituiti da bus tra Cadenazzo e Luino
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Accordo quadro: «No, grazie»
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Un vicepresidente ticinese per Spitex
MENDRISIO
3 ore
Festa della Musica, ecco la line up ufficiale
CANTONE
4 ore
Lo spropositato costo in Ticino di riviste e vestiti
LUGANO
4 ore
«Master plan e studio di San Gallo per il rilancio dell'aeroporto»
CANTONE
4 ore
Aggregazione tra Morcote e Vico, istituita la commissione di studio
ITALIA / CANTONE
25.04.2019 - 11:370
Aggiornamento : 13:47

Kering, oltre un miliardo per chiudere il caso

In arrivo un maxi-risarcimento per risolvere la controversia fiscale legata alla presunta evasione di 1,4 miliardi di euro. Il gruppo però precisa: «Accordo non ancora raggiunto»

ROMA - Un assegno a nove zeri, da oltre un miliardo di euro. A tanto corrisponderebbe la cifra record che il gruppo Kering si appresta a versare come maxi-risarcimento all’Agenzia delle Entrate italiana per mettere la parola fine alla controversia fiscale legata alla presunta evasione di circa 1,4 miliardi di euro, con ricavi non dichiarati per 14,5 miliardi di euro.

Secondo il Sole 24 Ore, che riporta oggi la notizia, l’accordo con il Fisco italiano - un accertamento con adesione, che consentirebbe al gruppo di evitare una lite tributaria - dovrebbe essere firmato nei primi giorni di maggio.

Il periodo della presunta evasione si situa tra il 2011 e il 2017. Stando a quanto ricostruito dalle indagini delle Fiamme Gialle, il gruppo Kering, attraverso «una stabile organizzazione occulta» costituita dalla società svizzera LGI Luxury Goods International, avrebbe evitato di pagare le tasse sulla commercializzazione in Italia di prodotti del marchio Gucci, ma avrebbe pagato solo le imposte svizzere inferiori al 9%.

La posizione di Kering - Sull'indiscrezione pubblicata dal quotidiano italiano, il gruppo ha ufficialmente preso posizione dichiarando che «come comunicato lo scorso 25 gennaio, Kering intrattiene confronti regolari con le autorità fiscali italiane su questo tema. Diversi incontri hanno già avuto luogo in un clima aperto e collaborativo. Ad oggi non è ancora stato raggiunto un accordo sull’ammontare specifico».

3 mesi fa Una ventina di manager con falsa residenza: «Come vi sono sfuggiti?»
7 mesi fa Luxury Goods: il PS chiede risposte al DFE
7 mesi fa Luxury Goods: «Un fallimento programmato che pagheremo tutti»
1 anno fa Caso Kering: «Il gruppo del lusso è la parte lesa»
1 anno fa Accertamenti su un ex manager di Kering
1 anno fa Inchiesta avviata sul caso Kering
1 anno fa «Quanti sono i top manager legati al gruppo Kering che risultano residenti in Ticino?»
1 anno fa Kering sotto inchiesta: evasione fiscale in Francia grazie alla sede di Cadempino
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-23 13:31:23 | 91.208.130.87