TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
6 ore
Frate cappuccino alla sbarra a dicembre
CANTONE
8 ore
Gobbi sul radar di Camorino: «Lo scopo preventivo è quantomeno discutibile»
CANTONE
9 ore
Swiss sui voli cancellati: «Siamo in stretto contatto con Adria Airways»
CANTONE / SVIZZERA
9 ore
Lavoratori distaccati: «No a maggiori diritti verso gli appaltatori»
CANTONE
9 ore
Casse malati, l’Ordine dei medici sta con Raffaele De Rosa
BIASCA
11 ore
Licenziato dall'Ocst: «Sono distrutto»
CANTONE
11 ore
Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe
CANTONE
12 ore
Martina Hirayama ricevuta da Manuele Bertoli
CANTONE
13 ore
Consuntivo 2018, c'è l'ok del Gran Consiglio
CANTONE
13 ore
Troppi voli cancellati: «Non si può andare avanti così!»
CANTONE
13 ore
Pau-Lessi: «Mai coperto nessuno». E chiede di essere sentito dal Gran Consiglio
CANTONE
14 ore
Mountain bike elettriche da condividere fra Biasca e Blenio
LOCARNO
14 ore
Carte di credito, cellulari e leasing con identità altrui. Arrestata
CANTONE
14 ore
Terza corsia sull'A2? «Basta con le soluzioni prefabbricate»
BELLINZONA
17 ore
Frena per evitare lo schianto, 15enne in ospedale
CADEMPINO
09.10.2018 - 14:170

Luxury Goods: il PS chiede risposte al DFE

Proprio lo scorso maggio Mediapart aveva reso pubblico un documento secondo il quale il gruppo Kering aveva dato il via a una riorganizzazione interna volta a ridimensionare le attività in Svizzera

CADEMPINO - La decisione del gruppo Kering di cancellare 150 posti di lavoro in Ticino non è una novità. Ne è convinto il Partito socialista, che ricorda le inchieste per evasione fiscale condotte in Francia e in Italia nei confronti del gruppo, attivo nel nostro cantone attraverso Luxury Good International.

Proprio lo scorso maggio il sito d’inchiesta francese Mediapart aveva reso pubblico un documento secondo il quale il gruppo Kering aveva dato il via a una riorganizzazione interna volta a ridimensionare le sue attività in Svizzera. Inchiesta che aveva svelato come «gli importanti redditi delle aziende dell’alta moda stabilite in Ticino poggino su un sistema opaco che permette di fatturare nel nostro  cantone per delle attività commerciali che avvengono all’estero, approfittando di un sistema in cui il segreto e le agevolazioni fiscali impediscono la trasparenza e che favoriscono l’adozione di sistemi volti all’evasione fiscale».

Per il PS la situazione deve essere affrontata «una volta per tutte» in un dibattito approfondito. A tal proposito i socialisti «deplorano» che Lega, PPD e PLR «non abbiano accolto né la richiesta né la necessità» di tale dibattito.

Già nel 2014 era stata denunciata la situazione nel settore dell’alta moda: «estrema precarizzazione, salari troppo bassi, turni annunciati la sera prima, retribuzioni tra 2’300 e 2’700 franchi».

Per il PS la situazione è «allarmante» e «esige delle risposte del Dipartimento delle finanze e dell’economia».

11 mesi fa Luxury Goods: «Un fallimento programmato che pagheremo tutti»
11 mesi fa Kering conferma: «Tagliamo 150 posti in Ticino»
11 mesi fa La Luxury Goods International sposta 150 impieghi a Novara
Commenti
 
occhiaperti 11 mesi fa su tio
Sembra che il PS ha bisogno di Pronzi del MPS per svegliarsi. Durisch, Durisch, Dursich, basta di fare nanna o arrivare come ultimo...
Nicklugano 11 mesi fa su tio
E che se ne fanno delle risposte del DFE ? Dai, un puu da fantasia...
Bandito976 11 mesi fa su tio
Aziende cosí ce ne sono tante altre. É ora di aprire gli occhi.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 05:12:54 | 91.208.130.86