TiPress
CADEMPINO / SVIZZERA
22.03.2018 - 07:180

Caso Kering: «Il gruppo del lusso è la parte lesa»

Lo studio legale di Paolo Bernasconi ha presentato nel 2016 denuncia sulle presunte malversazioni dell’avvocato ed ex manager Rotondaro

CADEMPINO - I contorni della vicenda attorno al caso della società francese Kering, proprietaria dei marchi Gucci e Yves Saint-Laurent, non sono ancora chiari. Il Ministero pubblico della Confederazione ha avviato un’inchiesta contro ignoti per i reati di riciclaggio di denaro e falsità in documenti.

La novità - riferita dalla Regione - è che la denuncia in Svizzera è scattata dal Ticino, dallo studio dell’avvocato Paolo Bernasconi, che patrocina il gruppo. La segnalazione riguarda presunte malversazioni compiute a partire dal 2013 dall’avvocato calabrese Carmelo Rotondaro, l'ex manager allontanato da Kering che a gennaio si è visto sequestrare dalla Guardia di Finanza circa sette milioni di euro di beni, tra cui anche 13 immobili sparsi in Italia, pure a Capri e Venezia.

Il gruppo del lusso - secondo l’avvocato Bernasconi - sarebbe quindi la parte lesa: «Quanto emerso sin qui è una bufala storica».

Per l’Ong bernese Public Eye, comunque, «la Kering si è insediata in Ticino per le condizioni fiscali» che «le permettono di rimpatriare i guadagni realizzati nei Paesi di distribuzione e di produzione e fiscalizzarli a un tasso molto basso».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-06 08:45:25 | 91.208.130.85