TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
12 ore
Nuovo corso alla Corsi
CANTONE
12 ore
Soccorritori e sub si esercitano in vista dell'estate
CANTONE
16 ore
Patriziati riuniti in assemblea
CAMORINO
16 ore
Portali aperti al cantiere Alptransit
CANTONE
19 ore
Bellinzona diventa “Fair Trade Town”
CANTONE
19 ore
100 anni del Dono nazionale svizzero
LUGANO
19 ore
Nuda e in stato confusionale sul lungolago
AIROLO
20 ore
Incidente sull'A2, feriti due occupanti del bus
AIROLO
21 ore
Incidente in autostrada, coinvolto un bus
CAMPIONE D’ITALIA
22 ore
«Campione colpito da calamità»
GORDOLA
23 ore
I bimbi sperimentano con le loro mani
CANTONE
23 ore
Flussi migratori e pressione alla frontiera nell'incontro con i Cantoni
AGNO
1 gior
Interruzioni notturne sulla linea FLP
GAMBAROGNO
1 gior
Centocampi in bilico: il giovane agricoltore getta la spugna?
LUGANO
1 gior
Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston
LUGANO
15.05.2017 - 19:080
Aggiornamento : 16.05.2017 - 06:25

«Non ho mai preso soldi dalla 'ndrangheta»

Fa il parrucchiere in piazza Cioccaro, il fratello del sacerdote arrestato nei giorni scorsi in Calabria. È accusato di riciclare denaro sporco in Ticino. «I conti? Sono miei»

LUGANO - C'è una Lugano connection nell'inchiesta sui legami tra 'ndrangheta e centri per richiedenti asilo in Calabria. Secondo gli inquirenti italiani, come riferito, parte dei soldi destinati all'accoglienza dei migranti ospiti del Cara di Isola Capo Rizzuto sarebbero finiti nelle banche svizzere attraverso una persona residente nella Confederazione. Si tratta di un 69enne italo-svizzero domiciliato a Lugano. L'uomo, titolare di un negozio di parrucchiere in piazza Cioccaro, è il fratello di un sacerdote finito in manette in Italia. Raggiunto telefonicamente da tio.ch/20minuti, ha rilasciato alcune dichiarazioni.

«È vero, mio fratello veniva a trovarmi a Lugano in occasione dei suoi viaggi nel nord Italia: l'ultima volta, due anni fa. Ma non mi ha mai consegnato dei soldi, come sostengono i giornali» afferma il 69enne. Le accuse di legami tra il sacerdote e la 'ndrangheta? «Tutte invenzioni della gente invidiosa» taglia corto l'uomo. «Se sono state trovate armi o droga nel centro asilanti - gestito, appunto, dal sacerdote, ndr. - può essere, ma non è certo colpa sua. Mio fratello ha sempre fatto del bene, ricevendo in cambio solo male».

Su un punto, però, il 69enne è categorico. «Le voci su dei soldi nascosti in Svizzera circolano da anni e sono voci di paese, calunnie. Io dispongo di un solo conto bancario, il mio, dove ho messo i risparmi di 40 anni di lavoro in Ticino». Quanto all'indagine in corso, l'uomo afferma di non essere stato contattato finora «né dagli inquirenti elvetici né da quelli italiani» ma di essere «sereno e tranquillo perché non ho fatto nulla di male».  

 

2 anni fa Denaro destinato ai migranti riciclato in Svizzera
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-26 09:39:32 | 91.208.130.87