ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
23 min
Terribile schianto in galleria: morta una 55enne
L'incidente è avvenuto questa mattina nel tunnel di Eggflue sull'A18 in territorio di Grellingen.
SVIZZERA
41 min
Quando si sceglie il partner i soldi non contano... ma dopo sì
Secondo un sondaggio della Banca Cler, quando un rapporto si consolida aumenta anche l'importanza del denaro
SVIZZERA
53 min
Violi le norme Covid? Multe fino a 300 franchi
Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale che sta esaminando le modifiche alla Legge Covid-19
GRIGIONI
58 min
44enne investito da un treno
L'uomo è rimasto coinvolto ieri sera in un incidente alla stazione di Rabius.
SVIZZERA
1 ora
Gli Stati dicono sì al matrimonio per coppie omosessuali
La Camera dei Cantoni ha approvato una revisione del Codice civile.
SVIZZERA
1 ora
Covid, in Svizzera altri 3'802 casi e 107 decessi
Il 19,2% dei test effettuati nelle ultime ventiquattro ore sono risultati positivi
FOTO
SVIZZERA
1 ora
Decine di incidenti nelle prime ore del mattino
Con dicembre arriva la neve. E con essa i primi disagi sulle strade.
GINEVRA
1 ora
Si schianta contro un bus: morto un 18enne
Grave incidente della circolazione questa mattina in centro Ginevra.
SVIZZERA
1 ora
Al via la raccolta firme contro l'obbligo di vaccinazione
«I potenti, la politica o l'economia non devono poter determinare cosa viene iniettato nel nostro corpo»
ZURIGO / STATI UNITI
1 ora
António Horta-Osório sarà il successore Urs Rohner alla guida del Cda di Credit Suisse
La proposta, avanzata oggi, si realizzerà ad aprile 2021. Intanto l'istituto rischia una multa milionaria negli States
SVIZZERA / MONDO
2 ore
La pandemia e il «brusco risveglio» del mondo
Secondo l'ambasciatrice elvetica la crisi può fungere da «sveglia» per perseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile.
VAUD / GINEVRA
2 ore
Voleva del sesso orale da una 13enne, arrestato un 39enne
Dopo uno scambio di messaggi su internet, l'uomo aveva fissato un appuntamento con la ragazzina.
ZURIGO
2 ore
«Nel settore alberghiero continua l'ondata di licenziamenti»
A lanciare l'allarme è HotellerieSuisse, che sottolinea come le strutture più colpite siano quelle di città.
BERNA
11.06.2013 - 11:560
Aggiornamento : 22.11.2014 - 23:07

"L'immigrazione in Svizzera non ha prodotto danni"

La Confederazione rassicura: "Il mercato del lavoro svizzero ha retto alla libera circolazione che ha assicurato un maggiore finanziamento delle assicurazioni sociali

BERNA - I dai sono quelli che fanno discutere. Secondo l'Ufficio Libera circolazione delle persone e Condizioni di lavoro della Confederazione l’accordo con l’UE sulla libera circolazione delle persone ha agevolato le imprese svizzere nel reclutamento di personale specializzato e ha fornito, negli ultimi undici anni, un importante contributo alla crescita economica e dell’occupazione. Il mercato svizzero del lavoro ha dimostrato una buona capacità di assorbire questa forza lavoro e anche gli ultimi studi empirici attestano la scarsa portata degli effetti negativi sugli stipendi e del crowding out. La crisi economica in Europa ha influito sulla composizione dell’immigrazione degli ultimi due anni, che si è intensificata dai Paesi del Sud e dell’Est europeo, riducendosi invece in provenienza dalla Germania.

Nel decennio 2002-2012 l’immigrazione netta verso la Svizzera è stata di 63 000 persone all’anno: tra queste, delle 38 400 persone provenienti da Paesi UE/AELS, 16 300 erano di nazionalità tedesca e 7 500 portoghese.

 

Il mercato svizzero del lavoro ha saputo assorbire la forte immigrazione degli ultimi anni. Il numero delle persone occupate è salito complessivamente, tra il 2002 e il 2012, di 565 000 unità: di queste, la metà è di nazionalità svizzera o di nazionalità straniera con domicilio in Svizzera, mentre la restante metà comprende titolari di permessi di soggiorno di un anno o meno e transfrontalieri. Tra gli immigrati dall’area UE/AELS si trovano prevalentemente persone altamente qualificate. Il 53 per cento delle persone attive immigrate in virtù dell’accordo sulla libera circolazione possiedono un diploma di livello terziario.

 

Il 60 per cento dell’aumento degli occupati originari dei Paesi UE/AELS si è concentrato nelle tre categorie professionali principali dei dirigenti, degli accademici e dei tecnici o professioni affini. Anche tra gli svizzeri si è registrato negli ultimi dieci anni un forte aumento dell’occupazione in queste categorie professionali.

 

In una prospettiva a lungo termine, al di là dei cicli congiunturali, dagli anni ’90 il tasso di disoccupazione si è mantenuto costante. Nel periodo 2003-2012 gli svizzeri hanno fatto registrare sempre i tassi di disoccupazione più bassi.

I ricercatori delle Università di Zurigo e Losanna sono giunti alla conclusione che la forte immigrazione non ha prodotto in generale effetti di crowding out, o spiazzamento. Un lieve spiazzamento è stato constatato tra i professionisti più qualificati: l’aumento dell'immigrazione determinato dalla libera circolazione delle persone avrebbe fatto aumentare la disoccupazione tra le persone nate in Svizzera dello 0,2 per cento circa ma questo, appunto, soltanto nelle categorie altamente qualificate.

 

Infine, ci sono anche molti vantaggi dall'immigrazione. Il forte flusso migratorio fa aumentare costantemente la partecipazione dei cittadini dell’UE/AELS al finanziamento delle assicurazioni sociali, mentre si riduce il contributo dei cittadini svizzeri. La forte immigrazione ha rallentato negli ultimi anni l’invecchiamento della popolazione, alleggerendo la pressione sulle assicurazioni sociali del primo pilastro (AVS/AI/IPG/PC) finanziate secondo il principio di ripartizione. Il timore che la libera circolazione delle persone portasse a un aumento sproporzionato degli stranieri beneficiari di prestazioni AI si è rivelato infondato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 13:09:15 | 91.208.130.87