Immobili
Veicoli

SVIZZERAIl servizio civile va reso meno attrattivo

29.09.22 - 19:24
Lo chiede il Consiglio nazionale. Lo scopo è aumentare gli effettivi dell'esercito
Tipress (foto d'archivio)
Fonte ats
Il servizio civile va reso meno attrattivo
Lo chiede il Consiglio nazionale. Lo scopo è aumentare gli effettivi dell'esercito

BERNA - Il servizio civile va reso meno attrattivo allo scopo di aumentare gli effettivi dell'esercito. Lo chiede il Consiglio nazionale che ha approvato oggi una mozione del gruppo UDC in tal senso con 93 voti contro 84 e una astensione.

Il numero dei civilisti è fortemente aumentato dall'abolizione dell'esame di coscienza nell'aprile 2009. Si è passati da poche centinaia all'anno a 6000/7000. Si tratta di giovani che non svolgono più il servizio militare semplicemente perché non lo vogliono fare, ha denunciato Thomas Hurter (UDC/SH).

Un'indagine dell'Università di San Gallo mostra che nessuno invoca un conflitto di coscienza per giustificare l'incorporazione nel servizio civile. Allo stesso tempo, il Consiglio federale parla della possibilità di integrare le donne nell'esercito, ha affermato perplesso Hurter.

L'anno scorso, circa 2000 persone sono state ammesse al servizio civile dopo la loro scuola di reclutamento, ha aggiunto Guy Parmelin. Le spese di addestramento dell'esercito perse sono stimate in 69 milioni di franchi, ha aggiunto. Per il consigliere federale è quindi necessario agire.

La sinistra e i Verdi liberali si sono opposti invano. La mozione non mira a rafforzare l'esercito, ma a indebolire il servizio civile, ha criticato Corina Gredig (PVL/ZH). La popolazione è pronta a dare il proprio contributo, ma deve vedere una certa utilità alla cosa, ha aggiunto.

Concretamente, nella mozione i democentristi chiedono: un minimo di 150 giorni di servizio civile da prestare in ogni caso; l'applicazione anche per i sottufficiali e gli ufficiali del fattore 1,5 per determinare i giorni di servizio civile ancora da prestare; escluderne l'impiego dei medici, nel servizio civile, nel rispettivo settore specialistico; la non ammissione per i membri dell'esercito con zero giorni di servizio residui; l'introduzione di un obbligo d'impiego annuale a partire dall'ammissione; l'obbligo di prestare il cosiddetto "impiego di lunga durata" al più tardi nell'anno civile successivo all'ammissione se la domanda viene presentata durante la scuola reclute.

Queste sei misure corrispondono ai provvedimenti non contestati che figuravano nella modifica della legge federale sul servizio civile sostitutivo bocciata dal Parlamento nelle votazioni finali nella sessione estiva del 2020. I due punti maggiormente controversi non sono invece stati ripresi. Ora tocca al Consiglio degli Stati esprimersi.

NOTIZIE PIÙ LETTE