Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
14 min
Anche Beat Stocker respinge tutte le accuse
Coimputato a processo Vincenz, l'ex numero uno di Aduno: «Non mi sono arricchito con quegli investimenti occulti».
SVIZZERA
55 min
Giro di vite sul commercio illegale di animali e piante protetti
Dal prossimo 1. marzo si rischiano fino a cinque anni di carcere. Lo ha deciso il Consiglio federale
SVIZZERA
1 ora
Il voto svizzero all'ONU pubblicato sul sito del DFAE
Il Governo ha adottato la misura riconoscendo «il crescente bisogno di trasparenza» da parte dell'opinione pubblica.
ZURIGO
1 ora
Bimbo di cinque anni investito da un'auto
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio a Horgen. Il bimbo è rimasto gravemente ferito.
BASILEA CITTÀ
1 ora
Il mistero dei “cubi” arancioni
Si tratta di geofoni per la localizzazione di fonti di acqua termale per la realizzazione di un impianto geotermico
ZURIGO
12 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
15 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
17 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
19 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
19 ore
Il vaccino protegge i pazienti ad alto rischio da un decorso grave
Lo dimostra una valutazione del registro dei malati di Covid-19 nelle unità di terapia intensiva
SVIZZERA
19 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
19 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
GRIGIONI
21 ore
Corsa a sposarsi il 22.2.22
Sette matrimoni già prenotati a Coira per quella data. Già tutto esaurito a Zurigo.
SVIZZERA
21 ore
Amori tossici, succede a una persona su due
Violenza fisica, stalkeraggio, offese e degradazioni. La vita di coppia non sempre è rose e fiori.
SVIZZERA
22 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
23 ore
«Non sottovalutate la slitta, indossate un casco»
Secondo uno studio dell'Upi, si raggiunge velocemente una velocità di 45 chilometri all'ora
BASILEA
1 gior
Arma puntata contro un dipendente Manor
L'uomo si era intrufolato nell’edificio prima dell'apertura del negozio. Un sospettato è già stato arrestato.
SVIZZERA
1 gior
«Il nostro parco giochi è il loro spazio vitale»
La Stazione ornitologica svizzera di Sempach invita a prestare attenzione: «Gli sport invernali disturbano la fauna»
SVIZZERA
1 gior
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
SVIZZERA
14.01.2022 - 15:510
Aggiornamento : 19:04

«I media saranno più indipendenti con quei soldi». Ma non tutti li riceveranno

Non tutti i media verranno aiutati. 20 minuti e Tio non riceveranno sostegni. Ne abbiamo parlato con Simonetta Sommaruga

Durante la chiacchierata la Consigliera federale ci ha pure svelato il suo giornale preferito e il perché questa legge sui media va difesa. «I giornali e le radio locali si sono indeboliti, senza questo pacchetto diversi non ce la farebbero».

Fonte Claudia Blumer / 20 Minuten
elaborata da Adriano De Neri
Giornalista

BERNA - Il prossimo 13 febbraio il popolo svizzero è chiamato a esprimersi sul pacchetto di misure a sostegno dei media. Esso mira a rafforzare e a sostenere soprattutto quelle entità locali e regionali che senza un aiuto concreto della Confederazione rischierebbero di scomparire. 20 Minuten, come anche 20 minuti e Tio di quelle sovvenzioni non vedranno nemmeno l'ombra. Ne abbiamo parlato con la Consigliera federale Simonetta Sommaruga, che del pacchetto di misure a favore dei media è una gran sostenitrice.

Qual è il giornale che preferisce?
«Sono soprattutto un'amante della radio. Amo ascoltarla alla mattina. In seguito durante la settimana leggo il Bund e la Berner Zeitung, ovvero i giornali della mia regione. Durante il weekend, invece, preferisco informarmi sul tablet».

Legge anche “20 Minuten”?
«Certamente. Lo leggo sempre quando prendo il treno o il tram».

Si innervosisce quando legge qualcosa che la riguarda?
«Se ho rilasciato io stessa un'intervista, so già che cosa ho detto».

I sondaggi (qui trovi quello di Tamedia) indicano che il popolo boccerà il pacchetto di misure a favore dei media. Si aspetta una sconfitta?
«Se gli svizzeri si rendessero conto che una bocciatura danneggerebbe molto anche loro, allora la proposta potrebbe avere una possibilità. I nostri giornali e le nostre radio locali sono state indebolite dai grandi gruppi mediatici stranieri che sottraggono loro i proventi della pubblicità. Se non supportiamo subito i nostri media, ne spariranno diversi altri. E nel contempo scomparirebbe la cronaca locale delle regioni interessate».

In un momento come questo è però difficile far accettare nuovi sussidi
«Non è un nuovo sussidio. Il finanziamento dei giornali esiste da 170 anni, principalmente per i piccoli media locali. Sono quelli che soffrono di più e che riceverebbero il maggior sostegno dal pacchetto di misure. Si tratta di salvare la cronaca locale. Quella che parla della scuola del paesino o dell'ospedale della regione. I media locali - come il "Sempacher Woche" o il "Willisauer Bote" fanno questo. Se non ci fossero più chi li sostituirebbe? Chi darebbe notizie locali? Google e Facebook non riportano quel che succede a Entlebuch e Willisau» (due comuni del Canton Lucerna, ndr).

20 Minuten (come anche 20 minuti e Ticinonline) raggiunge e informa molte persone. Ma essendo gratuito non rientra tra i giornali aiutati dal pacchetto. Non lo trova ingiusto?
«Questo modello di sostegno della stampa è collaudato da tempo. Da sempre vi è la riduzione sui prezzi di distribuzione per i quotidiani e settimanali in abbonamento. In futuro verranno sostenuti anche i media online co finanziati dai propri lettori (ovvero che pagano un abbonamento per leggere gli articoli, ndr). Ma anche 20 Minuten non rimarrà a mani vuote. Il pacchetto prevede infatti il sostegno alle agenzie di stampa (che mettono a disposizione di altri media informazioni da tutta la Svizzera, ndr), e il potenziamento della formazione dei giornalisti».

I media potranno ancora essere critici verso uno Stato che li sovvenziona?
«Certamente. E la prova la fornisce il tempo. Sono 170 anni che i media vengono sovvenzionati, fin dall'Istituzione dello Stato federale».

Ma prima non venivano effettuati in contanti...
«Questo pacchetto rafforza l'indipendenza dei media. Perché media con maggiori mezzi e con risorse sufficienti possono essere maggiormente indipendenti da inserzionisti e finanziatori. Inoltre, questo modello di finanziamento si rifà al mercato. Chiunque abbia un pubblico disposto a pagare sarà supportato».

La legge è limitata a un periodo di sette-dieci anni. I media saranno nuovamente abbastanza forti dopo questo lasso di tempo?
«Quel che è certo è che i media vanno aiutati in fretta. Soprattutto un giornale locale, poiché se esso muore, è perso»

La morte di un giornale cosa suscita in lei?.
«I miei genitori erano abbonati al “Vaterland” e al “Giornale del Popolo”, mio padre era ticinese. Entrambi i giornali non esistono più. Tanti subiscono il colpo e sono addolorati quando i giornali della propria regione scompaiono o vengono fusi. Per fermare questa tendenza è necessario dire "sì", il prossimo 13 febbraio, al pacchetto di misure a favore dei media».

Durante la pandemia le fake-news l'hanno fatta da padrone. Questo ha danneggiato i media?
«No. Al contrario. Soprattutto durante questa pandemia, molte persone sono state liete di avere giornali e radio locali su cui poter fare affidamento, che ricercavano, classificavano e presentavano diversi punti di vista. I media sono stati un'ancora importante, soprattutto durante la pandemia».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nandolf 1 sett fa su tio
Sicuramente io voto NO secco, se vogliono manipolare i media che se lo paghino di tasca propia
Dalu 1 sett fa su tio
Già avete salvato la rsi..
Dalu 1 sett fa su tio
Ma pagatevelo voi sto giornalismo! Un no secco
Liberatecidalpotere 1 sett fa su tio
Il giornalismo cosi come l'abbiamo scoperto in questi ultimi due anni non si merita di ricevere soldi nostri per fare copia/incolla di ciò che la propaganda chiede loro di dire. Basta soldi e forse torneranno imparziali. Votare NO vuol dire libertà di stampa e di pensiero per i cittadini.
marco17 1 sett fa su tio
@Liberatecidalpotere Bravo, ben detto!
Donatofiorella 1 sett fa su tio
un'altra imbrogliata come quella della canone TV
Coerenza 1 sett fa su tio
Sì sì certo. Si é visto in questi ultimi 2 anni che indipendenza.. Degli zerbini asserviti proprio
marco17 1 sett fa su tio
Visto l'atteggiamento "talebano" di gran parte dei media di fronte alla pandemia (sempre a favore di chiusure e imposizioni) voterò NO al sostegno alla stampa.
spike3.0 1 sett fa su tio
@marco17 La cronaca va documentata... fatti una tua idea indipendente da quello che ti circonda..la lettura di più quotidiani permette ed aiuta una visione ad ampio spettro su quello che succede nel mondo, ad ogni individuo la propria interpretazione, sia essa di centro,sx o dx...i talebani sparano in fronte a donne e bambini, e come termine di paragone lascia un po' a desiderare. Se volevi indicare i limiti imposti da una supremazia guarda in casa nostra cosa impongono
Peter Parker 1 sett fa su tio
Ricercare, classificare e presentare i diversi punti di vista nel giornalismo di questi tempi e' pura utopia. C'e solo un punto di vista e se sei fortunato sei in quello giusto, altrimenti ti devi organizzare ed informare diversamente.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-26 12:14:01 | 91.208.130.87