Freshfocus
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
10 ore
«Dai 10 anni devono poter decidere se vaccinarsi»
Il tema è di forte attualità. E l'UFSP ha aperto il dibattito anche sui social.
BERNA
14 ore
Quando l'arrivo dei ricchi rischia di farti perdere la casa
L'Oberland bernese attira milionari da tutto il mondo. Il valore delle case è così schizzato alle stelle.
SVIZZERA
15 ore
Coronavirus: in calo casi, ricoveri e decessi
Rispetto a quella precedente, la scorsa settimana tutti gli indicatori sull'andamento epidemiologico sono diminuiti.
SVIZZERA
15 ore
Una falla nella sicurezza stende "lemievaccinazioni.ch"
La piattaforma, sospesa dallo scorso marzo, non sarà più riattivata.
ZURIGO
16 ore
Condannati gli attivisti che bloccarono l'entrata di Credit Suisse
Pene pecuniarie con la condizionale per i nove imputati.
SVIZZERA
17 ore
Il radar “sfasato” che la polizia svizzera continua a usare
Può segnare fino a 11 km/h in più e ha problemi con le superfici rifrangenti, l'allarme dal produttore
BERNA
18 ore
Covid: 2300 positivi e 42 vittime
Sull'arco di due settimane, il numero totale di infezioni scende a 18'893.
ZURIGO
19 ore
I ricercatori dell'ETH scoprono il tallone d'Achille del coronavirus
Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un medicinale per combattere il Covid-19.
VAUD
20 ore
Richiedente asilo respinta, poi morta. Si indaga
Il Tribunale federale ha annullato la decisione della giustizia cantonale di non entrare in materia.
SVIZZERA
20 ore
Disoccupazione e penuria di personale, il paradosso post Covid
Se da un lato le aziende licenziano dipendenti, dall'altro cercano nuovo personale diversamente qualificato.
VAUD
21 ore
96enne muore dopo un incidente sull'A1
L'auto della vittima aveva urtato un veicolo che era a sua volta andato a sbattere contro una terza vettura.
BERNA
21 ore
Patenti di guida: rinnovato l’Accordo con l’Italia
L’Accordo permette ai conducenti che si stabiliscono nell’altro Stato di convertire la propria licenza di guida.
SVIZZERA
21 ore
Al confine con la Germania c'è un grande viavai
Il turismo degli acquisti è di nuovo possibile senza limitazioni. E in moltissimi ne hanno approfittato.
LUCERNA
22 ore
Diciottenne finisce a testa in giù nel torrente
Ferite gravi per la passeggera che è stata trasportata in elicottero all'ospedale
SVIZZERA
26.02.2021 - 18:030
Aggiornamento : 27.02.2021 - 08:53

«La mia scelta più dura: chiudere le frontiere»

Il lockdown e la limitazione della libertà l’hanno colpita molto. Accetta le critiche. Fa parte del gioco.

Intervista alla Consigliera federale Karin Keller-Sutter.

Fonte Daniel Waldmeier/20 MIN
elaborata da Sal Feo
Caporedattore

BERNA - È stata meno sotto i riflettori, rispetto ai suoi colleghi Alain Berset e Simonetta Sommaruga. Quando è stato stressante per lei questa annata Covid? È stanca anche lei di questo virus?
“Per il Consiglio federale il peso della responsabilità si è fatto sentire molto. Oltre al Covid c’era anche la normale attività governativa da portare avanti. Oggi, dopo un anno di coronavirus, abbiamo tutti un solo desiderio, quello che tuto questo possa finire al più presto. Dobbiamo solo continuare a rispettare le regole ed essere disciplinati. Sono convinta che con la vaccinazione saremo in grado di uscire da questa situazione”.

Un momento dell’anno che è stato per lei particolarmente pesante?
“Il 16 marzo del 2020: quando abbiamo dovuto annunciare il lockdown. Ero alla conferenza stampa e per la prima volta dalla seconda guerra mondiale abbiamo dovuto chiudere i confini. Le frontiere chiuse era qualcosa che avevo sentito solo dal racconto dei miei genitori. Il lockdown e quindi la limitazione della propria libertà, mi ha molto colpita interiormente. Che sia chiaro: ho preso questa decisione insieme ai miei colleghi di governo. Ho deciso di fare la Consigliera federale per proteggere la libertà dei cittadini, non certo per limitarla”.

Si parla di alcuni fornitori di pacchetti vacanza che vogliono far entrare nei loro hotel solo persone vaccinate. Pensa che anche la Svizzera arriverà a chiedere certificati di vaccinazione?
“È ipotizzabile che possa verificarsi uno scenario simile. Le misure sanitarie di confine sono però di competenza del signor Berset”.

Nell’ultimo periodo non sono mancate critiche al vostro lavoro. Molti pensano che la tempistica sulle restrizioni sia stata lenta. Ritiene che il Consiglio federale venga criticato eccessivamente?
“Fa parte del gioco. Le critiche bisogna prenderle in considerazione quando si ha la responsabilità della gestione di uno Stato. Siamo ben consapevoli che possiamo sbagliare e che ci sarà sempre qualcuno che ci criticherà. Però ci sono tante persone che sono contente del fatto che il Consiglio federale prenda delle decisioni e li protegga. Riceviamo molte lettere dai cittadini, perfino regali. Abbiamo sicuramente commesso degli errori, e forse ne faremo altri, di questo siamo consapevoli. Ma tenete conto che a volte bisogna prendere delle decisioni veloci in situazioni poco chiare. Peggio sarebbe non prendere decisioni. Meglio sbagliare e poi correggersi, anziché non fare nulla”.

Legge anche le critiche oppure le vengono risparmiate?
“Leggiamo tutte le critiche e rispondiamo pure. Ma la maggior parte delle lettere che arrivano sono positive. La gente sa che abbiamo un compito difficile. Trovare il giusto equilibrio in una tale pandemia non è sempre una cosa ovvia. A volte ho pensato ai consiglieri federali in tempo di guerra. Le difficoltà erano maggiori durante la prima e la seconda guerra mondiale. Ora siamo almeno in grado di attutire le conseguenze della pandemia con mezzi finanziari grazie a un buon sistema sociale”.

In qualità di ministro della giustizia, comprende i Cantoni che si rifiutano di chiudere le terrazze dei ristoranti?
“Il Consiglio federale si aspetta che i Cantoni rispettino il diritto federale”.

Lei come arriva a farsi un’opinione? Segue le indicazioni scientifiche? Ascolta le opinioni delle persone attorno a lei?
“Da una parte c’è una base scientifica su cui mi appoggio, dall’altra c’è l’esperienza politica. È importante considerare le questioni sociali ed economiche. Il Consiglio federale ha sempre cercato di trovare una soluzione equilibrata. Una pandemia come questa non è roba da partiti politici. Spesso abbiamo dovuto scegliere tra due cattive soluzioni. In una crisi devi saper guidare e decidere. Le discussioni tra noi Consiglieri federali hanno certamente aiutato”.

Ritiene che il governo federale abbia superato l’obiettivo con le varie restrizioni?
“Siamo attualmente ancora in crisi. Solo dopo la pandemia potremo fare un bilancio e capire cosa avremmo potuto fare meglio o in modo diverso. Tuttavia ho l'impressione che abbiamo valutato attentamente la situazione. La Svizzera ha avuto spesso gli occhi dell’Europa puntati addosso, ma noi non abbiamo mai imposto ad esempio le restrizioni come hanno fatto altri Stati. Non c’è mai stata una chiusura con il coprifuoco, dove le persone venivano multate se uscivano di casa. Abbiamo sempre cercato di difendere le libertà fondamentali. In confronto a quei paesi che hanno ampiamente limitato la libertà di movimento, non siamo messi peggio”.

Un estremista anti coronavirus ha messo una taglia su Alain Berset. Quanto è impegnato l'Ufficio federale di polizia (Fedpol) con i cittadini arrabbiati?
“Il panorama delle minacce è cambiato. La Fedpol rileva che il tono nei confronti dei consiglieri federali è diventato più aggressivo e il rispetto nei loro confronti è sicuramente diminuito”.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-15 08:11:33 | 91.208.130.86