Keystone (archivio)
Il sorriso è (per ora) tramontato.
SVIZZERA
20.12.2019 - 17:460

Pechino interrompe il dialogo con Berna sui diritti umani

La scelta parrebbe essere una ripicca cinese per la lettera con la quale una ventina di Paesi (tra cui la Svizzera) mostravano inquietudine per la situazione degli uiguri. Ma il DFAE non conferma

di Redazione
ats

BERNA - Il dialogo tra Svizzera e Cina sui diritti umani è sospeso: un incontro che avrebbe dovuto svolgersi lo scorso agosto è stato rinviato da Pechino. Si tratterebbe di una sorta di ripicca per la pubblicazione di una lettera, cofirmata da Berna, con la quale oltre una ventina di Stati mostrano inquietudine per la situazione degli uiguri.

Il raffreddamento delle relazioni tra i due Paesi era stato riportato inizialmente, qualche settimana fa, dalla "NZZ am Sonntag". Oggi il DFAE - commentando un'informazione di ieri della RTS che a sua volta citava il domenicale svizzero tedesco - si è limitato a indicare che le discussioni riguardo al proseguimento del dialogo sono in corso.

Durante un incontro a Berna del 22 ottobre, il consigliere federale Ignazio Cassis e il ministro degli esteri cinese Wang Yi avevano già espresso il reciproco interesse nel continuare gli incontri sul tema dei diritti umani. Essi si tengono dal 1991 e finora ci sono state 16 tornate.

Al DFAE le bocche restano cucite in merito ai motivi del rinvio. La Cina appare comunque stizzita dalla missiva sottoscritta anche dalla Confederazione e inviata al presidente del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite Coly Seck e all'Alto commissario dell'ONU per i diritti umani Michelle Bachelet. Stando alla RTS, Pechino, più che le critiche in sé, non avrebbe gradito l'esposizione pubblica della vicenda a fianco di altri membri della comunità internazionale.

Nel testo, dello scorso luglio, veniva denunciata la condizione degli uiguri e di altre minoranze etniche nello Xinjiang, in particolare riguardo ai moltissimi casi di detenzioni arbitrarie. Alla Cina è stato inoltre chiesto di permettere all'ONU un accesso senza ostacoli alla regione, situata all'estremo ovest del Paese.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 1 anno fa su tio
Sono le conseguenze per "aver messo il dito nella piaga". Un atto dovuto che "diplomaticamente" è risolto con l'ibernazione del problema, permettendo di continuare con gli affari ...
Bayron 1 anno fa su tio
Certo che Cassis ne ottiene di fallimenti... opsss volevo dire: di risultati!
Thor61 1 anno fa su tio
@Bayron Se vai a stuzzicare lo scoprione, prima o poi PUNGE!!! Ai cinesi non piace farsi dire cosa devono fare e tutti i politici leccacxlo dell'UE seguono attentamente le istruzioni, altrimenti come ha assaggiato cacchius non ti parlano più!!! In fondo la democrazia l'hanno inventata loro! Ah no, non erano loro!!! ;o)))) Mi è scappata la battuta!! ;o))) A te credo di poterlo dire, Buone Feste.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-27 10:58:35 | 91.208.130.87