Immobili
Veicoli

SVIZZERAJohann Schneider-Ammann dà le dimissioni

25.09.18 - 09:29
Il consigliere federale lascerà la sua carica alla fine dell'anno
Keystone
Johann Schneider-Ammann dà le dimissioni
Il consigliere federale lascerà la sua carica alla fine dell'anno

BERNA - Johann Schneider-Ammann ha annunciato oggi le dimissioni dal Consiglio federale. Lo ha comunicato il presidente del Consiglio nazionale Dominique de Buman precisando che il direttore del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) lascerà la carica a fine anno.

Sotto la cupola federale dal 1999, dove sedeva al Nazionale, Schneider-Ammann è stato eletto in governo nel 2010. È entrato come successore del collega di partito Hans-Rudolf Merz, avendo la meglio su Jean-François Rime e Karin Keller-Sutter. Uomo dell'industria più che politico - è stato tra l'altro presidente di Swissmem, l'associazione dell'industria metalmeccanica, e vicepresidente di economiesuisse - ha assunto la responsabilità del Dipartimento dell'economia.

Figlio di un veterinario, Johann Schneider è entrato a far parte del gruppo industriale del suocero, Ulrich Ammann, all'inizio degli anni '80. Ingegnere di formazione, diplomato all'Insead - l'istituto europeo d'amministrazione di Fontainebleau (F) - ha esteso e reso internazionali le attività del gruppo riuscendo a quadruplicare il fatturato. Secondo una stima della rivista "Bilanz" pubblicata nel 2016, il patrimonio della sua famiglia ammonta a 475 milioni di franchi.

Difensore del liberismo economico - Ardente difensore del liberismo economico, ha sempre sostenuto la concorrenza fiscale, la liberalizzazione delle ore di apertura dei negozi e si è opposto all'introduzione di un salario minimo. Johann Schneider-Ammann si è sempre detto contrario all'estensione delle assicurazioni sociali e si è battuto contro l'assicurazione maternità.

L'industriale bernese ha sempre goduto di un'immagine di uomo integro e con i piedi per terra. Ha criticato i salari abusivi di certi manager e l'atteggiamento della banche durante la crisi. Le sue qualità di rappresentante dell'economia reale, messe in luce dai sostenitori borghesi, sono rispettate anche dai sindacati.

Le critiche al suo operato - Pur essendo un uomo di caratura verso la fine del suo mandato ci si chiede se fosse il profilo giusto per far parte del Consiglio federale. Le premesse erano ottime, ma non sempre Schneider-Ammann è riuscito a soddisfare le attese. Il bernese si è contraddistinto per goffe dichiarazioni e apparizioni pubbliche che non hanno mancato di innervosire lavoratori e accademici. Persino dai ranghi della destra economica sono giunte critiche per la mancanza di decisioni chiave e per essersi fatto cogliere di sorpresa dalla crisi del franco forte.

È stato presidente della Confederazione nel 2016 e il mandato è stato contraddistinto dalle risate suscitate suo malgrado, in parte anche per colpa di un responsabile della comunicazione maldestro. In ricordo del suo disagio nei confronti dei media e delle sue difficoltà nel parlare in pubblico, resterà il famoso discorso in occasione della giornata di malattia, dove il presidente della Confederazione, con tono lugubre e meccanico, disse: "La risata fa bene alla salute!"

Successi e sconfitte - In Parlamento il suo mandato è stato contraddistinto da alcuni rovesci, in particolare quello toccato alla revisione della legge sui cartelli, la battuta d'arresto nella sua strategia nei confronti dell'Unione europea per salvare la ricerca e le difficoltà incontrate dal dossier della politica agricola. Tra i successi di Schneider-Ammann vale la pena di ricordare la conclusione dell'accordo di libero scambio con la Cina.

Schneider-Ammann è il secondo consigliere federale che ha annunciato che lascerà il governo entro la fine della legislatura. Lo stesso aveva fatto già a metà 2017 Doris Leuthard, senza indicare termini precisi. Da parte sua Ueli Maurer - ministro in carica da più anni, dopo Leuthard - ha già fatto sapere che chiederà all'Assemblea federale un rinnovo del mandato nel 2019.

Longevità nella media - Johann Schneider-Ammann lascerà il Governo dopo poco più di otto anni. La durata del suo mandato è in linea con quella degli altri consiglieri federali.

Gli ultimi a lasciare il governo prima del bernese sono stati Didier Burkhalter e Eveline Widmer-Schlumpf, entrambi in carica per otto anni. Micheline Calmy-Rey è rimasta invece un anno di più. Moritz Leuenberger è stato in governo per quindici anni mentre Hans-Rudolf Merz solo sei anni e dieci mesi.

In passato la permanenza in Consiglio federale era più lunga. Carl Schenk è stato in governo per 32 anni, Adolf Deucher 29 anni e Giuseppe Motta 28 anni. Il mandato più breve invece è quello di Louis Perrier, morto nel 1913 a soli 14 mesi dalla sua elezione.

Per quanto riguarda l'età, Johann Schneider-Ammann si situa sotto la media generale. Negli ultimi anni però i consiglieri federali hanno lasciato l'esecutivo prima di raggiungere l'età di pensionamento. Ruth Metzler era stata costretta a lasciare la carica - non essendo rieletta dal parlamento - nel 2003, pochi mesi prima di compiere 40 anni.

COMMENTI
 
siska 3 anni fa su tio
...facilissimo che si addormenti uno così...grande libagione a riempir il panzone pi un pisolino a Palazzo é il miglio andazzo.....zo...zo...zo......ah ah ah ah ah ah
Tato50 3 anni fa su tio
Speriamo che non si addormenti nell'ufficio il giorno della partenza. Cosa che succede troppo sovente anche negli incontri in incontri politici di alto livello.
streciadalbüter 3 anni fa su tio
Se il popolo svizzero potesse decidere li manderebbe tutti a casa
leopoldo 3 anni fa su tio
la simo non a ancora finito nel terzo mondo ci sono ancora tante persone da portare qua.dopo forse o almeno speriamo che se ne vada lasciandoci nel caos come ha fatto la signora che ha inventato la lamal.
Danny50 3 anni fa su tio
Pisolo se ne va. Sai che perdita. Adesso si nominerà una donna vodese nulla, tanto per mantenere il livello medio di mediocrità. Peccato che il francese si é fatto pagare le vacanze altrimenti era il delfino, emule di macron,
Mat78 3 anni fa su tio
Sai che perdita...
Monello 3 anni fa su tio
....E la nostra Simo quando ???
Monello 3 anni fa su tio
...e la Simo quando ???
skorpio 3 anni fa su tio
Le erbacce sono difficili da eliminare....
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA