Depositphotos (AllaSerebrina)
Le aziende specializzate in coworking sono ottimiste nonostante la pandemia.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Il telelavoro rende obsoleto l'abbonamento per i mezzi pubblici
Per molti impiegati il rientro in ufficio sarà parziale. Varrà ancora la pena acquistare un titolo mensile o annuale?
SVIZZERA
9 ore
I giovani non si vaccinano: «È colpa dell'Ufficio federale della sanità»
Critiche piovono all'indirizzo dell'UFSP da parte di alcuni esperti: «La comunicazione versi i giovani va migliorata»
SAN GALLO
12 ore
58enne muore investita da un rimorchio agricolo
Un drammatico e sfortunato incidente ha avuto luogo a Rorschach
SVIZZERA
13 ore
Quasi 3000 casi di effetti indesiderati a causa del vaccino
Si tratta essenzialmente di casi definiti "non seri". Le persone colpite superavano i 60 anni.
FRIBURGO
15 ore
Protesta contro il Black Friday, attivisti condannati
I fatti risalgono al 29 novembre 2020. Gli avvocati intendono fare ricorso
SVIZZERA
15 ore
La Svizzera punta ancora di più sull'energia rinnovabile
Il Consiglio federale adotta il messaggio sulla legge federale per un approvvigionamento elettrico sicuro
SVIZZERA
15 ore
In Svizzera sempre meno contagi: 173 nelle ultime ventiquattro ore
Sono stati effettuati 26'573 test Covid, con un tasso di positività dello 0,7%
SVIZZERA
17 ore
Indennità per altri sei mesi
Il Consiglio federale ha deciso di prorogare fino al 31 dicembre il diritto all'Ipg
SVIZZERA
17 ore
«La Svizzera è il paese più ipocrita del mondo»
L'artista Ai Weiwei è il più noto tra gli oppositori di Pechino. Lo abbiamo intervistato
BERNA
17 ore
Circa 4000 firme contro la privatizzazione dei servizi di pulizia delle FFS
La petizione è stata sostenuta in modo particolare in Ticino
SVIZZERA
18 ore
Meno incidenti a causa del coronavirus: la Suva abbassa i premi 2022
Lo scorso anno sono stati notificati 431'827 infortuni e malattie professionali, in calo del 10% rispetto al 2019
SVIZZERA
25.01.2021 - 11:330

L'ottimismo delle aziende di coworking, nonostante il Covid

A loro avviso la tendenza al telelavoro conferma le buone prospettive per questa attività

ZURIGO - Il ritorno al semiconfinamento in Svizzera non fa paura ai gestori di spazi di coworking (condivisione di ambienti lavorativi), la cui fiducia rimane incrollabile anche in tempi di crisi pandemica.

A loro avviso la tendenza al telelavoro conferma le buone prospettive per questa attività, più orientata ai servizi che alla locazione puramente immobiliare. IWG, uno dei giganti del ramo in Svizzera, non ha perso il suo ottimismo, nonostante le nuove restrizioni imposte dal Consiglio federale una settimana fa. «Vista la domanda siamo fiduciosi per il 2021», ha detto all'agenzia Awp uno dei dirigenti della società, Philippe Peress.

Filiale di una multinazionale lussemburghese, IWG Switzerland controlla i marchi Regus, Spaces e Signature. L'impresa ha 85 dipendenti e gestisce circa 50 centri con 80'000 metri quadrati di spazio per uffici. L'anno scorso i ricavi sono diminuiti leggermente, ma vi è stata una compensazione sul fronte delle uscite, affermano i vertici, senza però fornire cifre precise.

Gli spazi IWG sono rimasti aperti durante la crisi pandemica, malgrado il declino dell'attività economica. A soffrire sono state soprattutto le aree aeroportuali, colpite dal drastico calo del traffico aereo; d'altra parte i centri vicini alle zone residenziali hanno visto un aumento del tasso di occupazione, sottolinea Peress.

Il coronavirus non ha raffreddato l'ardore dell'azienda, i cui piani di espansione vengono mantenuti, nonostante un certo rallentamento della tabella di marcia. Entro la fine dell'anno, la superficie totale sarà aumentata di 15'000 metri quadrati rispetto allo stato precedente alla crisi. Due nuovi siti saranno inaugurati a breve. Il numero di dipendenti è invece diminuito nel 2020 e dovrebbe rimanere stabile quest'anno. Grazie soprattutto alle campagne di vaccinazione, IWG si aspetta che la situazione economica generale migliori nel 2021.

Gotham - altro operatore del settore - sottolinea come i suoi nuovi spazi siano ora adattati ai criteri di distanziamento sociale: «Siamo convinti che il coworking sia il futuro del mondo del lavoro: la pandemia ha accelerato questa consapevolezza a livello globale», afferma direttore generale Guilhem Sirven. In seguito all'esplosione dell'home office le grandi imprese stanno pensando d'investire in questo tipo di approccio, in modo da evitare costose locazioni.

Quest'ultima tendenza viene notata anche da IWG. «Stiamo sviluppando la nostra offerta per i grandi gruppi che non vogliono più avere un ingresso nominativo, ma desiderano acquistare, per esempio, 10'000 giorni di accesso», spiega Philippe Peress.

Gotham ha chiuso alcuni centri allo scoppio della crisi per rispettare le misure restrittive, cosa che ha provocato una perdita dal 20% al 30% del fatturato. Per il personale interessato sono state messe in atto misure di riduzione dell'orario di lavoro.

Secondo il direttore generale Guilhem Sirven, la ripresa dovrebbe arrivare nel 2021, nonostante il ritorno al lockdown. «Sperimenteremo un inizio d'anno complicato, con il semiconfinamento che impedisce lo svolgimento di eventi», osserva il manager. «Tuttavia ci aspettiamo un buon anno, grazie a una ripresa in estate».

L'ottimismo di questi dirigenti viene un po' relativizzato da Alexander Lohse, esperto del settore immobiliare presso Credit Suisse. «Il 2020 per il coworking continuerà a essere difficile, poiché la gente dovrebbe ancora rimanere a casa e probabilmente preferirà non spostarsi per mantenere le distanze sociali». Ma appena il Covid-19 sarà alle spalle la situazione diventerà assai diversa. «La tendenza a lungo termine è favorevole». Nel frattempo stando all'esperto gli operatori più grandi sopravviveranno, mentre quelli più piccoli - o quelli per i quali il coworking non rappresenta il fulcro della loro attività - vivranno momenti difficili.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 05:19:09 | 91.208.130.85