Keystone
SVIZZERA
17.11.2020 - 08:450

Zurbrügg sulla BNS: «Tassi negativi anche in futuro, ma siamo coscienti dei problemi»

Nel primo semestre sono stati spesi 90 miliardi di franchi per evitare un rafforzamento del franco

ZURIGO - Anche in futuro sarà possibile, per la Banca nazionale svizzera (BNS), perseguire una politica monetaria basata su tassi d'interesse negativi: lo afferma il vicepresidente Fritz Zurbrügg, aggiungendo però che l'istituto è consapevole dei problemi che si verificano quando i tassi scendono al di sotto di una certa soglia.

In dichiarazioni rilasciate ieri e riportate dalla Reuters, Zurbrügg ha anche ricordato come la BNS stia impiegando quest'anno più denaro per interventi volti ad evitare un rafforzamento del franco, in un contesto generale dominato dalla pandemia di coronavirus.

Nel solo primo semestre dell'anno sono stati spesi a questo scopo 90 miliardi di franchi, molto di più che nei quattro anni precedenti, ha detto il 60enne che in passato ha lavorato anche per l'Amministrazione federale delle finanze e per il Fondo monetario internazionale (FMI). Se il franco si fosse apprezzato maggiormente l'impatto negativo del Covid-19 sull'economia elvetica sarebbe stato ancora più elevato di quanto non sia già stato, ha sottolineato l'esperto con dottorato in economia.

Come noto i tassi di interesse negativi sui conti giro della BNS sono stati introdotti nell'ormai lontano - finanziariamente parlando - gennaio 2015.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-29 20:41:39 | 91.208.130.86