keystone
SVIZZERA/EUROPA
15.10.2020 - 20:130

Le Borse iniziano a tossire

Colpa della nuova ondata. E vanno male anche le aziende farmaceutiche, curiosamente

BERNA - Anche le Borse hanno "i sintomi". Non è stato un lunedì nero ma sicuramente un brutto giovedì per i listini europei, che per la prima volta da settimane sembrano preoccupati per davvero. 

La Borsa svizzera ha registrato il peggior risultato da quattro mesi a questa parte, con l'indice SMI che ha terminato a 10'067,96 punti, in flessione del 2,18% rispetto a ieri. Anche l'indice globale SPI ha perso il 2,11% a 12'589,29 punti.

Ma è in buona compagnia. Tutte le piazze europee lasciano sul terreno diversi punti. A Francoforte il Dax ha chiuso in flessione del 2,50% a 7473,73 punti. A Parigi il Cac 40 ha perso il 2,11% a 4837,35 punti. Milano è la peggiore: l'Ftse Mib ha ceduto il 2,77% a 19'065 punti.

 Il motivo? Gli analisti guardano all'America, con la bocciatura al Senato di Washington del piano di aiuti anti-Covid da 2mila miliardi. Da questa parte dell'Atlantico sono invece i numeri dei contagi a preoccupare gli investitori. 

In Svizzera, curiosamente, i titoli peggiori sono quelli di Roche  (-3,49% a 308,40 franchi) e Novartis (-2,44% a 77,94 franchi). Il comparto farmaceutico ha deluso le aspettative - alla faccia dei complottisti - e non è stato compensato dai maggiori ricavi diagnostici, grazie ai test Covid. Ma sono penalizzate anche le assicurazioni, come Zurich (-2,83% a 305,50 franchi), Swiss Re (-3,79% a 67,06 franchi) e Swiss Life (-2,76% a 338,80 franchi) e il settore delle costruzioni. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-21 04:13:15 | 91.208.130.89