Cerca e trova immobili

GRIGIONIAltri tre lupi nel mirino

31.10.22 - 09:28
Coira dà il via libera al loro abbattimento. Tra di loro vi è anche "M92": «Comportamento particolarmente problematico».
Keystone (archivio)
Altri tre lupi nel mirino
Coira dà il via libera al loro abbattimento. Tra di loro vi è anche "M92": «Comportamento particolarmente problematico».

COIRA - Altri tre lupi finiranno presto nel mirino dei guardiacaccia e dei cacciatori grigionesi. Dopo aver ricevuto il nulla osta dall'Ufficio federale dell'Ambiente, Coira ha infatti dato il via libera all'abbattimento di due giovani esemplari del branco del Wannaspitz e a quello di "M92", un maschio adulto del branco del Beverin.

Canton Grigioni

Già diversi abbattimenti - Quelli previsti, non sono i primi abbattimenti di regolazione che concernono questi due branchi. Come ricordato dal Cantone, infatti, ad agosto erano già stati uccisi due giovani lupi del Beverin, mentre a settembre la stessa sorte era toccata a un lupo del Wannaspitz.

Diversi cuccioli - Questi abbattimenti "di regolazione" sono stati concessi anche a causa delle numerose nascite nei due branchi. Tra fine agosto e settembre sono infatti state confermate le presenze di sette cuccioli nel branco del Beverin e di sei cuccioli in quello del Wannaspitz. «Conformemente alla legge federale sulla caccia - spiega il Cantone - nel quadro della regolazione del branco è ammesso l'abbattimento di fino a metà di questi giovani lupi».

"M92" nel mirino - Per quel che riguarda il branco del Beverin l'UFAM ha dato il via libera all'abbattimento di un altro giovane lupo oppure del maschio adulto "M92". «A seguito del comportamento particolarmente problematico - spiega il Cantone - nel quadro del terzo abbattimento si prevede di abbattere il maschio adulto "M92"».

Il termine per l'abbattimento del maschio adulto è stato fissato al 31 gennaio 2023, mentre quello per gli abbattimenti dei giovani lupi scade il 31 marzo 2023.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE